Varie 18 marzo 2022

Che export tira? Gennaio 2022

A gennaio 2022 le esportazioni hanno accelerato a +22,6% su base annua, grazie a una crescita diffusa a tutti i settori, a eccezione degli autoveicoli.

1. Il mese di riferimento

La congiuntura. Nel primo mese dell’anno l’export italiano di beni è tornato a crescere in termini congiunturali (+5,3%), dopo il calo di dicembre. Il rialzo è stato registrato verso sia i Paesi Ue (+5,1%) sia quelli extra-Ue (+5,4%). Molto buona anche la dinamica trimestrale (+4,7% rispetto ad ago-ott’21).

Il trend. A gennaio le esportazioni hanno accelerato a +22,6% su base annua, grazie a una crescita diffusa a tutti i settori, a eccezione degli autoveicoli.

Contesto globale. L’andamento di gennaio 2022 mostra una forte componente di rimbalzo data dal  confronto con un inizio di 2021 ancora fortemente influenzato dalle restrizioni legate alla pandemia.

 

2. Come è andata a gennaio?

All’aumento tendenziale registrato a gennaio hanno contribuito, specialmente, i beni intermedi, come metalli e prodotti in metallo e chimica, alcuni beni strumentali, come i mezzi di trasporto (escl. autoveicoli) che hanno beneficiato di un effetto base particolarmente favorevole, i beni di consumo non durevoli, come la farmaceutica, e i raffinati.

 

2.1. Dentro e fuori l’Unione Europea

La domanda dai Paesi Ue è stata forte (+25,5%). Tale risultato è in parte influenzato da un rimbalzo statistico verso Paesi quali Francia (+19%; -7,9% gen.’21 vs. ’20) e Spagna (+34%; -7,7%); mentre la crescita è proseguita verso altri, quali Germania (+18,6%; -0,1%) e Polonia (+17,3%; +4,2%).

Inferiore ma intenso il ritmo di crescita verso i Paesi extra-Ue (+19,2%). Anche in questo caso è evidente una simile eterogeneità: mostrano ampi rimbalzi Regno Unito (+35,3%) e Stati Uniti (+38,8%); in contrazione la Cina (-9%) dopo il significativo rialzo registrato a inizio 2020; mentre, è ancora in calo la Svizzera (-3,4%). 

 

2.2. Focus Paesi

A gennaio le nostre vendite oltreconfine di articoli in pelle hanno registrato un aumento in Francia (+11,2%), mentre sono calate in Svizzera (-6,4%), hub logistico per il fashion, e Polonia (-3,3%). I metalli e i prodotti in metallo hanno registrato ampi incrementi a Varsavia e Parigi (+36,6% e +32,6% nell’ordine); in controtendenza Berna (-43,6%) verso cui l’export di questo settore è composto principalmente da metalli preziosi, che scontano un effetto base negativo. Più contenuta la crescita della meccanica strumentale verso Svizzera (+9,1%) e Francia (+7,5%), negativa verso la Polonia (-1,1%).

 

2.3. Focus industrie e settori

In termini di raggruppamenti principali di industrie, i beni intermedi hanno registrato un elevato aumento (+25,7% vs gen’21). Il valore dell’export di tali beni, infatti, è influenzato dalla componente di prezzo, che a sua volta risente dei significativi rialzi dei costi delle commodity (+19,1% per i prezzi all’import).

L’export di beni strumentali è cresciuto del 16,5% sulla spinta di miglioramenti sul lato dell’offerta e del ritorno a solide condizioni di domanda.

Ampio rialzo anche per i beni di consumo (+19,6%), che a gennaio 2021 risentivano ancora dell’incertezza e della minor propensione al consumo. Trainano i beni non durevoli (+19,8%) ma l’aumento è stato importante anche per quelli durevoli (+18,5%).

 

L’export di sostanze e prodotti chimici ha ottenuto un marcato incremento (+25,2%), grazie soprattutto alla domanda proveniente dai Paesi Ue (+27,7%), ad esempio il Belgio (+45,6%) e Francia (+35,6%), ma anche da alcuni extra-Ue, come la Svizzera (+64,9%).

Significativo rimbalzo per gli articoli di abbigliamento (+23,2%) che hanno registrato crescite diffuse a importanti destinazioni extra-Ue, quali Stati Uniti (+85%) e Regno Unito (+57,9%).

Molto positiva anche la performance di gomma e plastica (+21,6%), specie verso i Paesi Ue (+22,7%). Tra questi i mercati più dinamici sono Paesi Bassi (+35,4%), Belgio (+27,7%) e Spagna (+26,4%).

 

 

Scarica il documento!

 

Desideri ulteriori informazioni?
Compila il modulo e ti risponderemo al più presto.
Sasso nello stagno 04 agosto 2022
Dall’inizio del nuovo secolo i mercati emergenti della regione Asia Pacifico (APAC) hanno rappresentato il principale traino della crescita mondiale risultando al contempo responsabili della produzione di circa la metà delle emissioni globali di CO2. Il percorso di decarbonizzazione rappresenta una sfida particolarmente rilevante per le economie dell’area e richiederà, dunque, un impegno concreto e continuo da parte dei governi asiatici, soprattutto per Cina e India. La transizione green nella regione asiatica rappresenta una importante opportunità di export di tecnologie per l’energia da fonti rinnovabili (FER) per l’industria italiana.
Focus On 01 agosto 2022
“The time is now”: l’eccezionale disponibilità di ingenti risorse Ue rappresenta per l’Italia un’occasione unica per rafforzare il suo sistema infrastrutturale. L’obiettivo dell’analisi è di fornire un quadro del settore delle infrastrutture in Italia, con uno sguardo al recente passato (2008-21) e, soprattutto, al futuro più o meno prossimo (2021-31), descrivendo lo stato dell’arte (con uno spaccato dei suoi comparti: strade; porti, aeroporti e ferrovie; elettricità e gas; acqua e gestione rifiuti; altri), anche rispetto ai principali peer europei. Alla luce dei programmi d’investimento nazionali finanziati anche con le risorse Next Generation EU e di altri programmi adottati a livello globale, sono altresì esaminate le opportunità di crescita, dentro e fuori i confini nazionali, per le imprese italiane operanti nel settore.
Sasso nello stagno 28 luglio 2022
“Sono qui per salvare la Tunisia dal collasso”. Sono alcune delle parole usate dal presidente Kaies Saied prima del referendum per la nuova costituzione che accentua l’autoritarismo e il potere nelle sue mani. Il Paese è in profonda crisi economica; Banca mondiale e Ue continuano a inviare aiuti a Tunisi. Ciononostante, nel 2022 il valore dell’export italiano nel Paese registra una crescita, con la Tunisia che nel 2021 si attesta essere il secondo mercato di sbocco dei nostri beni in Nord Africa.