Rapporto Export 15 giugno 2016

RE-action | Rapporto Export 2016-2019

Con RE-action, il Rapporto Export 2016-2019, anche quest’anno SACE offre a tutte le imprese una visione dei trend economici mondiali e gli strumenti adatti per intercettarli. In questa decima edizione SACE esplora il potenziale di un settore di punta delle nostre esportazioni: la meccanica strumentale, quel “Made in Italy” meno conosciuto, che invece rappresenta la prima voce dell’Italia nel mondo.

Con RE-action, il Rapporto Export 2016-2019, anche quest’anno SACE offre a tutte le imprese una visione dei trend economici mondiali e gli strumenti adatti per intercettarli. 

 

In questa decima edizione SACE esplora il potenziale di un settore di punta delle nostre esportazioni: la meccanica strumentale, quel “Made in Italy” meno conosciuto, che invece rappresenta la prima voce dell’Italia nel mondo.

 

"L'altro Made in Italy"

Il commercio internazionale di meccanica strumentale vale 1.600 miliardi di euro, un importo pari alle dimensioni dell’economia italiana.

 

80 miliardi sono macchinari italiani, il 5% di tutti i macchinari – un peso ben superiore a quello della nostra economia, che vale l’1,5-2% del Pil globale. Considerato il contenuto tecnologico di questi beni, i protagonisti sono soprattutto i Paesi avanzati – come Germania, Usa, Giappone e Italia – a eccezione della Cina, che ha saputo attrarre investimenti per diventare piattaforma e punto di assemblaggio mondiale, riducendo il divario rispetto ai leader.

 

 

I tratti distintivi delle imprese della meccanica strumentale sono l’elevata propensione all’export – che raggiunge più di tre quarti del fatturato – e la marcata concentrazione produttiva nel Nord Italia.

 

Come gran parte dell’economia italiana, anche questo settore soffre della “malattia nazionale” rappresentata dalla ridotta dimensione aziendale. Questo non impedisce ai nostri operatori di raggiungere buoni risultati sotto il profilo della produttività: con 242 mila euro a testa, il fatturato per addetto è tra i più alti d’Europa. 

 

Per mantenere uno sviluppo profittevole e sostenibile nel tempo le aziende del settore dovranno indirizzare gli sforzi lungo tre direttici:

 

  • crescita dimensionale (bigger), sui mercati internazionali la dimensione fa la differenza
  • internazionalizzazione spinta (wider), ampliando e diversificando le geografie di destinazione
  • innovazione (smarter), investendo nell’Industria 4.0, dall’ingegnerizzazione alla distribuzione dei prodotti.

 

Da 414 a 480 miliardi

L’export di beni italiani crescerà del 3,2% nel 2016. Sarà un ritmo più lento rispetto al 2015 (+3,8%) a causa delle dinamiche finanziarie e valutarie, del ciclo delle materie prime, del rallentamento degli emergenti, degli accresciuti rischi politici. Faremo meglio negli anni successivi (+3,8% nel 2017, +3,9% nel 2018), fino a superare il 4% nel 2019: dai 414 miliardi di euro del 2015 raggiungeremo i 480 miliardi nel 2019.

 

L'Investment Opportunity Index

Oltre alle destinazioni commerciali, quali sono i Paesi più attrattivi per gli investimenti delle imprese italiane? Quest’anno – attraverso il nuovo Investment Opportunity Index di SACE – abbiamo voluto dare alle aziende uno strumento in più, che consenta loro di selezionare le migliori geografie per eventuali investimenti: spiccano Stati Uniti, India, Regno Unito, Cina, Polonia, Vietnam, Filippine, Perú, Messico,Corea del Sud, Cile, Emirati Arabi Uniti, Spagna, Iran e Thailandia. Queste economie rappresentano oltre la metà della domanda mondiale: è necessario presidiarle anche per il loro ruolo di hub verso altri Paesi.

Desideri ulteriori informazioni?
Compila il modulo e ti risponderemo al più presto.
Varie 16 maggio 2024
Tra gennaio e marzo le vendite italiane oltreconfine hanno registrato un calo del 2,8%, determinato dall’intensa riduzione del dato in volume (-3,9%) e nonostante il supporto dei valori medi unitari (+1,2%).
Focus On 08 maggio 2024
In uno scenario economico africano tanto dinamico quanto ricco di sfide, la Costa d’Avorio si propone come Paese tra i più stabili e promettenti della regione subsahariana. Un’economia in rapida espansione ), un assetto politico-istituzionale relativamente solido , un contesto operativo aperto agli investimenti e che incentiva l’iniziativa imprenditoriale: questi gli ingredienti dell’agenda di Ouattara, presidente del Paese dal 2011, per rendere possibile l’obiettivo di rendere la Costa d’Avorio un Paese a medio reddito entro il 2030. L’esecutivo ivoriano si è impegnato in tutti gli ambiti per migliorare le condizioni economiche, politiche e sociali del Paese;la rapida crescita della domanda interna (sia pubblica che privata) ha, inoltre, evidenziato le potenzialità per le imprese alla ricerca di nuovi mercati di sbocco.
Focus On 06 maggio 2024
SACE sarà presente a Cibus, a fianco delle imprese del settore agroalimentare per sostenerne la crescita attraverso diverse soluzioni. Le vendite estere di agroalimentare rappresentano oltre il 10% dell’export italiano. Lo scorso anno l’export di agroalimentare ha raggiunto ancora una volta un valore record pari a €64,4 miliardi, con un aumento del 6% circa. Prospettive positive anche per il 2024. Principale comparto di export sono le bevande, mentre i prodotti del Made in Italy più dinamici sono pasta e prodotti da forno, latte e formaggi e preparazioni di ortaggi e frutta. Le principali destinazioni per l’agroalimentare italiano sono le geografie europee e gli USA, mentre mercati meno presidiati ma molto dinamici sono India, Vietnam, Messico e Polonia. L'implementazione di sistemi digitali anche nel settore agroalimentare italiano può svolgere un ruolo chiave in termini di competitività internazionale, sostenibilità e ottimizzazione dei processi di produzione.