Varie 16 dicembre 2021

Che export tira? Ottobre 2021

Nei primi dieci mesi del 2021 l 'export italiano di beni risulta in crescita del 18,6%. Seppur in decelerazione rispetto ai mesi precedenti le vendite oltreconfine si mantengono superiori rispetto ai livelli pre-crisi.

1. Il mese di riferimento

La congiuntura. A ottobre, dopo la flessione del mese precedente, l’export italiano è tornato a crescere (+1,5% su settembre), grazie agli incrementi verso sia l’area Ue (+1,4%) sia extra-Ue (+1,6%). In rialzo a +2,4% anche il trimestre agosto-ottobre 2021 rispetto ai tre mesi precedenti.

Il trend. In termini tendenziali, le esportazioni a ottobre sono aumentate del +7,4%, una crescita in rallentamento, seppure ancora accentuata rispetto a quelle registrate nei mesi precedenti.

Contesto globale. L’incremento su base annua interessa quasi tutti i settori ed è più sostenuto verso i Paesi Ue (+10,6%) rispetto a quelli extra-Ue (+4,0%).

2. Come sta andando nei primi 10 mesi?

Tra gennaio e ottobre 2021 le vendite oltreconfine sono cresciute del 18,6% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Nonostante la decelerazione rispetto ai mesi precedenti (+20,1 gen-set’21 vs gen-set’20), l’export italiano si mantiene superiore ai livelli pre-crisi.

2.1. Dentro e fuori l’Unione Europea

Nei primi dieci mesi del 2021 la performance  delle esportazioni verso i Paesi Ue è rimasta sostenuta (+20%). Crescita marcata per alcuni mercati come Paesi Bassi (+31,5%), Polonia (+26%) e Spagna (+23,1%), ma significativi aumenti anche per Germania (+19,6%) e Francia (+17,7%).

Molto positivo anche l’andamento delle vendite verso i Paesi extra-Ue (+17,1%). In evidenza i rialzi dei Paesi del MERCOSUR (+33,2%), India (+32%) e Cina (+28,3%). Comunque in crescita, sebbene a ritmi inferiori alla media, l’export verso USA (+13,9%), Svizzera (+10,6%), UK (+6,3%) e Giappone (+5,3%).

2.2. Focus Paesi

Tra gennaio e ottobre 2021, l’export di mezzi di trasporto è stato particolarmente elevato verso l’India (+64,3%), trainato dagli autoveicoli, mentre si è attestato su livelli più contenuti in Polonia (+9,5%) ed è calato negli Stati Uniti (-4,9%). Le esportazioni di metalli, supportate dalla ripartenza dell’attività industriale nel corso dell’anno, hanno visto rialzi significativi nelle tre geografie (Varsavia +57,5%; Nuova Delhi +28,1%; Washington +17,6%). Anche gli apparecchi elettrici hanno registrato un’ottima performance in tutti e tre i mercati (India +39,3%; Polonia +27,6%; Stati Uniti +25,1%).

2.3. Focus industrie e settori

Nell’ambito dei raggruppamenti principali di industrie, i beni intermedi segnano l’incremento più marcato (+23,8% tendenziale nei primi 10 mesi); ampia ma inferiore la crescita dei beni strumentali (+18,1%).

La miglior dinamica dei beni intermedi è attesa continuare anche nei prossimi mesi, spinta dalla componente di prezzo legata agli aumenti del costo delle materie prime sottostanti, in particolar modo dei metalli.

Su livelli più modesti il rialzo dei beni di consumo (+12,2%), a cui contribuiscono soprattutto i beni durevoli (+32,6%), mentre quelli non durevoli ottengono un aumento inferiore (+8,5%).

In forte ripresa le vendite oltreconfine di articoli in pelle e simili (+19,3%), specie verso mercati extra-Ue come Cina (+46,9%), Stati Uniti (+43%) e Turchia (+27,1%) ma anche europei come Polonia (+42,3%) e Belgio (+28,5%).

Le esportazioni di sostanze e prodotti chimici (+18,0%) hanno segnato un’espansione verso alcuni importanti partner, come Spagna (+31,1%), Svizzera (+27,2%) e Russia (+26,6%).

Dopo il buon andamento dello scorso anno, l’export di alimentari e bevande si conferma in crescita (+10,7%), con incrementi particolarmente sostenuti in Cina (+39%), India (+41%) e Giappone (+15,4%).

 

Scarica il documento!

 

Desideri ulteriori informazioni?
Compila il modulo e ti risponderemo al più presto.
Sasso nello stagno 04 agosto 2022
Dall’inizio del nuovo secolo i mercati emergenti della regione Asia Pacifico (APAC) hanno rappresentato il principale traino della crescita mondiale risultando al contempo responsabili della produzione di circa la metà delle emissioni globali di CO2. Il percorso di decarbonizzazione rappresenta una sfida particolarmente rilevante per le economie dell’area e richiederà, dunque, un impegno concreto e continuo da parte dei governi asiatici, soprattutto per Cina e India. La transizione green nella regione asiatica rappresenta una importante opportunità di export di tecnologie per l’energia da fonti rinnovabili (FER) per l’industria italiana.
Focus On 01 agosto 2022
“The time is now”: l’eccezionale disponibilità di ingenti risorse Ue rappresenta per l’Italia un’occasione unica per rafforzare il suo sistema infrastrutturale. L’obiettivo dell’analisi è di fornire un quadro del settore delle infrastrutture in Italia, con uno sguardo al recente passato (2008-21) e, soprattutto, al futuro più o meno prossimo (2021-31), descrivendo lo stato dell’arte (con uno spaccato dei suoi comparti: strade; porti, aeroporti e ferrovie; elettricità e gas; acqua e gestione rifiuti; altri), anche rispetto ai principali peer europei. Alla luce dei programmi d’investimento nazionali finanziati anche con le risorse Next Generation EU e di altri programmi adottati a livello globale, sono altresì esaminate le opportunità di crescita, dentro e fuori i confini nazionali, per le imprese italiane operanti nel settore.
Sasso nello stagno 28 luglio 2022
“Sono qui per salvare la Tunisia dal collasso”. Sono alcune delle parole usate dal presidente Kaies Saied prima del referendum per la nuova costituzione che accentua l’autoritarismo e il potere nelle sue mani. Il Paese è in profonda crisi economica; Banca mondiale e Ue continuano a inviare aiuti a Tunisi. Ciononostante, nel 2022 il valore dell’export italiano nel Paese registra una crescita, con la Tunisia che nel 2021 si attesta essere il secondo mercato di sbocco dei nostri beni in Nord Africa.