Sasso nello stagno 24 ottobre 2017

Auto elettriche e minerali rari: sarà “corsa agli ore”?

Dopo anni di aspettative disattese e vendite irrisorie, il mercato delle automobili elettriche sembra aver finalmente imboccato la strada giusta: nel 2016 si sono registrate 750mila nuove immatricolazioni (+50% rispetto al dato del 2015) e lo stock globale di veicoli, seppur ancora molto esiguo, ha superato quota 2 milioni. Secondo la International Energy Agency è lecito aspettarsi un boom di vendite nei prossimi anni, con lo stock di auto elettriche in circolazione da stimarsi tra i 9 e i 20 milioni entro il 2020 e tra i 40 e 70 milioni entro il 2030. A sostegno di tale crescita vi sono i notevoli progressi tecnologici nei sistemi di alimentazione, che hanno aumentato la resa delle batterie riducendone drasticamente i costi (-80% rispetto al 2010), come pure l’adozione di politiche pubbliche indirizzate all’abbattimento delle emissioni di CO2.

Dopo anni di aspettative disattese e vendite irrisorie, il mercato delle automobili elettriche sembra aver finalmente imboccato la strada giusta: nel 2016 si sono registrate 750mila nuove immatricolazioni (+50% rispetto al dato del 2015) e lo stock globale di veicoli, seppur ancora molto esiguo, ha superato quota 2 milioni. Secondo la International Energy Agency è lecito aspettarsi un boom di vendite nei prossimi anni, con lo stock di auto elettriche in circolazione da stimarsi tra i 9 e i 20 milioni entro il 2020 e tra i 40 e 70 milioni entro il 2030. A sostegno di tale crescita vi sono i notevoli progressi tecnologici nei sistemi di alimentazione, che hanno aumentato la resa delle batterie riducendone drasticamente i costi (-80% rispetto al 2010), come pure l’adozione di politiche pubbliche indirizzate all’abbattimento delle emissioni di CO2.

 

Cattura

 

Oltre all’ovvio impatto sull’industria automotive, la diffusione di automobili elettriche avrà importanti ripercussioni sui principali mercati mondiali di quei metalli che costituiscono le materie prime per la costruzione delle batterie e per l’intero funzionamento del sistema di propulsione. Stiamo parlando di litio, rame, cobalto, grafite: ad esempio una Tesla Model S, icona della rivoluzione elettrica a quattro ruote, contiene circa 80 kg di rame – quattro volte la quantità presente in un’auto a combustione interna – 63 kg di carbonato di litio, 54 kg di grafite e 22,5 kg di cobalto. La risposta dei mercati all’incremento della domanda, attuale e prospettica, di tali minerali si è tradotta in un inevitabile aumento del prezzo di questi ultimi. Nei 12 mesi da Settembre 2016, il rame e la grafite hanno registrato un incremento del 35%, il litio del 56%, mentre lo scettro va al cobalto, il cui valore è più che raddoppiato (+121%).

 

Quali sono i paesi maggiormente interessati da tale trend? 1

La crescita dei prezzi può far sorridere quelle economie, perlopiù emergenti, che abbondando di tali risorse dovranno soddisfare la crescente domanda da parte dei paesi avanzati e che si trovano di fronte, perciò, ad importanti opportunità di sviluppo. Nel caso del litio, queste riguardano soprattutto tre paesi dell’America Latina: Cile, Argentina e Bolivia. Mentre i primi due figurano già tra i tre principali produttori mondiali insieme all’Australia, la pressoché nulla produzione boliviana stride con la vastità delle sue riserve di carbonato di litio, che sono le maggiori al mondo. Sempre in Sudamerica si concentrano le principali riserve mondiali di un altro prezioso minerale quale il rame: nell’ordine in Cile, Perù e Messico.

 

Delle quotazioni in crescita di cobalto e grafite potranno invece beneficiare alcuni paesi dell’Africa subsahariana. La Repubblica Democratica del Congo risulta ad oggi leader indiscussa nella produzione di cobalto (circa nove volte superiore a quella cinese), disponendo anche di quasi la metà delle riserve mondiali, mentre lo Zambia abbonda di risorse non ancora adeguatamente valorizzate. Altre economie dal potenziale largamente inespresso sono Madagascar, Mozambico e Tanzania, ricche di grafite ma con produzione pressoché nulla.

 

Oltre al beneficio diretto derivante dalla crescita dei prezzi dei suddetti minerali, l’inevitabile espansione del mercato degli autoveicoli elettrici renderà necessari ingenti investimenti – dalle attività di esplorazione fino alla realizzazione di adeguate infrastrutture – affinché i paesi esportatori siano in grado di fronteggiare la crescente domanda di metalli preziosi. Le imprese italiane che vorranno cogliere queste importanti opportunità dovranno dunque essere pronte ad operare, oltre che sui mercati emergenti già noti, anche in aree geografiche meno penetrate e caratterizzate da elevati profili di rischio.

 

1 I dati riportati in questo paragrafo sono contenuti in U.S. Geological Survey, 2017, “Mineral commodities summaries 2017”, https://doi.org/10.3133/70180197.

Desideri ulteriori informazioni?
Compila il modulo e ti risponderemo al più presto.
Varie 16 maggio 2024
Tra gennaio e marzo le vendite italiane oltreconfine hanno registrato un calo del 2,8%, determinato dall’intensa riduzione del dato in volume (-3,9%) e nonostante il supporto dei valori medi unitari (+1,2%).
Focus On 08 maggio 2024
In uno scenario economico africano tanto dinamico quanto ricco di sfide, la Costa d’Avorio si propone come Paese tra i più stabili e promettenti della regione subsahariana. Un’economia in rapida espansione ), un assetto politico-istituzionale relativamente solido , un contesto operativo aperto agli investimenti e che incentiva l’iniziativa imprenditoriale: questi gli ingredienti dell’agenda di Ouattara, presidente del Paese dal 2011, per rendere possibile l’obiettivo di rendere la Costa d’Avorio un Paese a medio reddito entro il 2030. L’esecutivo ivoriano si è impegnato in tutti gli ambiti per migliorare le condizioni economiche, politiche e sociali del Paese;la rapida crescita della domanda interna (sia pubblica che privata) ha, inoltre, evidenziato le potenzialità per le imprese alla ricerca di nuovi mercati di sbocco.
Focus On 06 maggio 2024
SACE sarà presente a Cibus, a fianco delle imprese del settore agroalimentare per sostenerne la crescita attraverso diverse soluzioni. Le vendite estere di agroalimentare rappresentano oltre il 10% dell’export italiano. Lo scorso anno l’export di agroalimentare ha raggiunto ancora una volta un valore record pari a €64,4 miliardi, con un aumento del 6% circa. Prospettive positive anche per il 2024. Principale comparto di export sono le bevande, mentre i prodotti del Made in Italy più dinamici sono pasta e prodotti da forno, latte e formaggi e preparazioni di ortaggi e frutta. Le principali destinazioni per l’agroalimentare italiano sono le geografie europee e gli USA, mentre mercati meno presidiati ma molto dinamici sono India, Vietnam, Messico e Polonia. L'implementazione di sistemi digitali anche nel settore agroalimentare italiano può svolgere un ruolo chiave in termini di competitività internazionale, sostenibilità e ottimizzazione dei processi di produzione.