Working paper 05 ottobre 2009

The Crisis in Four Notes

The current crisis is one of the most profound in living memory, yet it can be explained by four simple factors.

The current crisis is one of the most profound in living memory, yet it can be explained by four simple factors.
This is a paper about the current crisis, but also previous and future ones. All crises present recurrent features: fundamental economic disequilibria, bad policy decisions, lack of controls, and also bad luck. At the same time, the severity of the crisis depends on how events interact and the momentum they generate. As critical and intense as it is, the current crisis can be explained by the interplay of four basic factors: 

-  We live in a global, complex and overly integrated world. In such a world there can be no full decoupling; 

-  Macroeconomic distortions are global in scale. They can be sustained for far longer periods, but eventually get corrected in painful ways; 

-  Prevention of distortions is hampered by a lack of global institutions and policies; coordination can be achieved only after crises wreak havoc; 

-  In an integrated world, human beings tend to behave similarly, irrespective of their cultural and religious belief; bubbles are global.

Desideri ulteriori informazioni?
Compila il modulo e ti risponderemo al più presto.
Varie 14 giugno 2024
Tra gennaio e aprile le vendite italiane sono tornate in territorio positivo a +0,3%, beneficiando del supporto dei valori medi unitari (+1,5%) che ha più che compensato il calo dei volumi (-1,2%).
Varie 16 maggio 2024
Tra gennaio e marzo le vendite italiane oltreconfine hanno registrato un calo del 2,8%, determinato dall’intensa riduzione del dato in volume (-3,9%) e nonostante il supporto dei valori medi unitari (+1,2%).
Focus On 08 maggio 2024
In uno scenario economico africano tanto dinamico quanto ricco di sfide, la Costa d’Avorio si propone come Paese tra i più stabili e promettenti della regione subsahariana. Un’economia in rapida espansione ), un assetto politico-istituzionale relativamente solido , un contesto operativo aperto agli investimenti e che incentiva l’iniziativa imprenditoriale: questi gli ingredienti dell’agenda di Ouattara, presidente del Paese dal 2011, per rendere possibile l’obiettivo di rendere la Costa d’Avorio un Paese a medio reddito entro il 2030. L’esecutivo ivoriano si è impegnato in tutti gli ambiti per migliorare le condizioni economiche, politiche e sociali del Paese;la rapida crescita della domanda interna (sia pubblica che privata) ha, inoltre, evidenziato le potenzialità per le imprese alla ricerca di nuovi mercati di sbocco.