Scenari 05 agosto 2009

Special Issue: 08/09

Russian economy has contracted significantly during 1H 2009 and forecast for the full year are rather negative. Oil prices dynamics and capital outflows play a key role but it is the credit crunch that has strongly affected Russian economy.

Russian economy has contracted significantly during 1H 2009 and forecast for the full year are rather negative. Oil prices dynamics and capital outflows play a key role but it is the credit crunch that has strongly affected Russian economy.

Credit and liquidity risk are still in place despite the prompt anti-crisis measures introduced so far by the government and the Russian central bank (CBR) in order to boost liquidity. The major reason of concern is the increasing level of non-performing loans (NPLs). The exact amount is uncertain, ranging from 10% to 40%, due to the different accounting standards used by CBR and by international general procedures.

Underestimating the NPLs correct level could lead to insufficient countermeasures to face the potential evolution of the crisis. Since 2000 Russia has increased the level of foreign reserves. Thus the country will preserve its ability to pay. Nevertheless 2H 2009 will be a tough period for Russian banks, especially medium-size banks, that will be able to survive only with the state support, waiting for a strong recovery in hydrocarbons prices which timing is still highly uncertain.

Desideri ulteriori informazioni?
Compila il modulo e ti risponderemo al più presto.
Varie 16 maggio 2024
Tra gennaio e marzo le vendite italiane oltreconfine hanno registrato un calo del 2,8%, determinato dall’intensa riduzione del dato in volume (-3,9%) e nonostante il supporto dei valori medi unitari (+1,2%).
Focus On 08 maggio 2024
In uno scenario economico africano tanto dinamico quanto ricco di sfide, la Costa d’Avorio si propone come Paese tra i più stabili e promettenti della regione subsahariana. Un’economia in rapida espansione ), un assetto politico-istituzionale relativamente solido , un contesto operativo aperto agli investimenti e che incentiva l’iniziativa imprenditoriale: questi gli ingredienti dell’agenda di Ouattara, presidente del Paese dal 2011, per rendere possibile l’obiettivo di rendere la Costa d’Avorio un Paese a medio reddito entro il 2030. L’esecutivo ivoriano si è impegnato in tutti gli ambiti per migliorare le condizioni economiche, politiche e sociali del Paese;la rapida crescita della domanda interna (sia pubblica che privata) ha, inoltre, evidenziato le potenzialità per le imprese alla ricerca di nuovi mercati di sbocco.
Focus On 06 maggio 2024
SACE sarà presente a Cibus, a fianco delle imprese del settore agroalimentare per sostenerne la crescita attraverso diverse soluzioni. Le vendite estere di agroalimentare rappresentano oltre il 10% dell’export italiano. Lo scorso anno l’export di agroalimentare ha raggiunto ancora una volta un valore record pari a €64,4 miliardi, con un aumento del 6% circa. Prospettive positive anche per il 2024. Principale comparto di export sono le bevande, mentre i prodotti del Made in Italy più dinamici sono pasta e prodotti da forno, latte e formaggi e preparazioni di ortaggi e frutta. Le principali destinazioni per l’agroalimentare italiano sono le geografie europee e gli USA, mentre mercati meno presidiati ma molto dinamici sono India, Vietnam, Messico e Polonia. L'implementazione di sistemi digitali anche nel settore agroalimentare italiano può svolgere un ruolo chiave in termini di competitività internazionale, sostenibilità e ottimizzazione dei processi di produzione.