Scenari 12 febbraio 2010

Scenari 37° numero

L'industria guida la ripresa brasiliana
Sudafrica: luci ed ombre nell'anno dei mondiali di calcio

L’industria guida la ripresa brasiliana
Dopo un generale calo dell'attività economica nel 2008/2009, il Brasile inizia il 2010 con prospettive brillanti. Secondo le stime del FMI il paese crescerà nel corso di questo anno del 4,7%, un tasso superiore sia alla media mondiale che regionale. La ripresa economica è da attribuire al recupero delle esportazioni di materie prime, alle politiche di incentivo ai consumi e agli investimenti e al dinamismo di alcuni settori, in particolare a quello dell'industria. Il paese presenta ottime opportunità per il prossimo futuro, legate ad esempio alla Coppa del mondo del 2014 e alle Olimpiadi del 2016, tuttavia sono presenti anche dei fattori di rischio, come la sostenibilità della attuale spesa pubblica o l'assetto politico nel dopo Lula.

Sudafrica: luci ed ombre nell’anno dei mondiali di calcio
Zuma si prepara ad affrontare un 2010 denso di sfide, tra la difficoltà nel concordare le istanze contrapposte presenti nell’alleanza di governo e la necessità di rilanciare l’economia dopo un anno di recessione. La crescita sarà regolare, trainata dalla domanda estera di materie prime e beni intermedi, ma la disoccupazione, l'indebitamento delle famiglie, l'inflazione e gli squilibri nei conti pubblici spingeranno il governo alla ricerca di un precario equilibrio in politica monetaria e fiscale. La ripresa dell'economia mondiale, l’appetito degli investitori internazionali e l’organizzazione dei mondiali di calcio contribuiranno tuttavia a rinsaldare la ripresa del Sudafrica e ad agevolare la domanda di esportazioni italiane nel paese.
 

Documenti

Desideri ulteriori informazioni?
Compila il modulo e ti risponderemo al più presto.
Varie 15 febbraio 2024
Nel 2023 il valore dell’export italiano è rimasto stazionario rispetto all’anno precedente. L’aumento dei valori medi unitari (+5,3%) è stato pienamente compensato da una riduzione, ben superiore alle attese, del dato in volume (-5,1%).
Focus On 14 febbraio 2024
Dopo una crescita vivace nello scorso anno, nel 2024 l'export italiano di servizi è previsto in ulteriore aumento del 4,6% grazie al maggior ruolo che sta assumendo il Terziario nel commercio con l'estero, anche nei Paesi emergenti. Per accrescere la produttività dei servizi italiani vi sono diverse leve su cui poter agire tra cui una maggiore crescita degli investimenti tecnologici, inclusi quelli in digitalizzazione e IA, e una formazione sia continua che specifica sul posto di lavoro.
Varie 15 gennaio 2024
Tra gennaio e novembre 2023 l’export in valore è aumentato dello 0,7% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. L’andamento continua a essere determinato dalla crescita dei valori medi unitari (+5,6%), a fronte della decisa, e superiore alle attese, flessione dei volumi (-4,6%).