Studi 08 aprile 2016

SACE Country Risk Update: 08 - 14 aprile 2016

Snapshots: Arabia Saudita, Messico, Midstream-Messico, Paesi Bassi, Plastica biodegradabile-Polonia, Russia

ARABIA SAUDITA

L’Arabia Saudita aprirà al mercato dei capitali Saudi Aramco, compagnia nazionale di idrocarburi e prima società petrolifera al mondo. La quotazione sul mercato domestico avverrà entro il 2018 per meno del 5%, secondo quanto rilasciato dal Principe Mohammed bin Salman. La restante quota rimarrà nelle mani del governo tramite il fondo di investimento statale, già detentore di altre compagnie saudite, che diventerà il più grande al mondo, con un valore di USD 2.200 miliardi. Gli analisti internazionali rimangono scettici sull’effettiva cessione di parte del controllo della società, fortemente legata agli interessi economici nazionali, e sulla futura divulgazione di informazioni strategiche attualmente segrete, come riserve e capacità produttiva.

 

MESSICO

Il Governo messicano prevede ulteriori tagli alla spesa pubblica per il prossimo anno. In una presentazione del budget preliminare per il 2017, il Ministro delle Finanze ha dichiarato una riduzione delle spese di oltre USD 10 miliardi (0,7% del Pil), raddoppiando quanto già pianificato per quest’anno. I tagli hanno l’obiettivo di consolidare la posizione fiscale del Paese, messa in difficoltà dal crollo dei prezzi delle commodity. Nonostante i possibili impatti negativi di un taglio alla spesa pubblica sulla domanda, gli analisti si aspettano una crescita del Pil del 2,5% per quest’anno e del 3% nel 2017.

 

MIDSTREAM - MESSICO

I furti di idrocarburi in Messico sono aumentati del 43% nel 2015. Secondo Pemex, la compagnia nazionale, ogni giorno 23.500 barili vengono spillati illegalmente da organizzazioni criminali per un costo annuo di USD 1,2 miliardi. Dal 2007 questi episodi sono aumentati di 16 volte, con 5.252 casi riportati nell’ultimo anno. Circa metà degli incidenti riguardano tre stati: Tamaulipas (17% del totale), Guanajuato (16%) e Puebla (15%), dove la rimozione di alcuni additivi dalle miscele distribuite via tubo ha spostato l’attenzione sui tir che riforniscono le pompe. Il carburante viene poi venduto sul mercato nero a prezzi ridotti: le accise sui carburanti sono ferme a un livello del greggio di 79 USD/barile per irrobustire le entrate pubbliche.

 

PAESI BASSI

I cittadini olandesi sono stati chiamati alle urne per un referendum consultivo sull’Accordo di Associazione (Association Agreement) tra Unione europea e Ucraina su libero scambio, difesa e sicurezza firmato nel 2014. Il quorum del 30% è stato raggiunto (il 32,2% degli aventi diritto è andato al seggio) e l’Accordo è stato respinto (con il 61,1% dei voti). Il quesito non era vincolante ma il governo guidato da Mark Rutte ha promesso di rispettare l'esito delle urne, anche in vista delle elezioni del parlamento che si terranno l’anno prossimo. Tra le ragioni del “no” all’Association Agreement spiccano coloro che ritengono Kiev troppo instabile in questo momento e coloro che sono contrari ad ulteriori espansioni dell’UE in generale.

 

PLASTICA BIODEGRADABILE - POLONIA

La polacca ERG, produttore di film per imballaggio, ha firmato l’accordo preliminare con la United S.A. per la vendita di una quota di maggioranza della sussidiaria BIOERG, il primo produttore di buste di plastica biodegradabile in Polonia, per un valore di EUR 500 mila. La società esporta in diversi mercati europei, tra cui Germania, Francia ed Est Europa. Secondo le stime del Nova Institute, il consumo di polimeri biodegradabili in Europa, mercato oggi dominato per i 2/3 dalle buste di plastica compostabili usate principalmente per lo shopping e la raccolta dei rifiuti, triplicherà entro il 2020, fino a 300 mila tonnellate, grazie anche a numerosi incentivi normativi da parte dell’UE.

 

RUSSIA

La società russa Gazprom dismetterà la propria quota (34%) nella compagnia lettone Latvijas Gaze, che detiene il monopolio nel mercato del gas in Lettonia, adempiendo agli obblighi del Terzo Pacchetto Energia dell’UE. Quest’ultimo prevede la divisione di Latvijas Gaze in due sussidiarie: la prima si occuperà della vendita e della distribuzione del gas, la seconda del trasporto e dello stoccaggio, con l’obiettivo di aumentare la concorrenza sul mercato interno.

 

Pillole

Barbados: Moody’s ha tagliato il rating sovrano del Paese, da B3 a Caa1, con outlook stabile.

Gabon: S&P’s ha ritirato il rating sovrano del Paese.

Mozambico: S&P’s ha abbassato il rating sovrano del Paese da CC a Selective Default.

Myanmar: il ministro degli esteri Aung San Suu Kyi ha incontrato il suo omologo cinese con l’obiettivo di riallacciare i rapporti, tesi dal 2011.

Papua Nuova Guinea: la Banca Centrale ha richiesto USD 250 milioni al FMI per ridurre le pressioni sul cambio e sulle riserve.

Desideri ulteriori informazioni?
Compila il modulo e ti risponderemo al più presto.
Varie 16 maggio 2024
Tra gennaio e marzo le vendite italiane oltreconfine hanno registrato un calo del 2,8%, determinato dall’intensa riduzione del dato in volume (-3,9%) e nonostante il supporto dei valori medi unitari (+1,2%).
Focus On 08 maggio 2024
In uno scenario economico africano tanto dinamico quanto ricco di sfide, la Costa d’Avorio si propone come Paese tra i più stabili e promettenti della regione subsahariana. Un’economia in rapida espansione ), un assetto politico-istituzionale relativamente solido , un contesto operativo aperto agli investimenti e che incentiva l’iniziativa imprenditoriale: questi gli ingredienti dell’agenda di Ouattara, presidente del Paese dal 2011, per rendere possibile l’obiettivo di rendere la Costa d’Avorio un Paese a medio reddito entro il 2030. L’esecutivo ivoriano si è impegnato in tutti gli ambiti per migliorare le condizioni economiche, politiche e sociali del Paese;la rapida crescita della domanda interna (sia pubblica che privata) ha, inoltre, evidenziato le potenzialità per le imprese alla ricerca di nuovi mercati di sbocco.
Focus On 06 maggio 2024
SACE sarà presente a Cibus, a fianco delle imprese del settore agroalimentare per sostenerne la crescita attraverso diverse soluzioni. Le vendite estere di agroalimentare rappresentano oltre il 10% dell’export italiano. Lo scorso anno l’export di agroalimentare ha raggiunto ancora una volta un valore record pari a €64,4 miliardi, con un aumento del 6% circa. Prospettive positive anche per il 2024. Principale comparto di export sono le bevande, mentre i prodotti del Made in Italy più dinamici sono pasta e prodotti da forno, latte e formaggi e preparazioni di ortaggi e frutta. Le principali destinazioni per l’agroalimentare italiano sono le geografie europee e gli USA, mentre mercati meno presidiati ma molto dinamici sono India, Vietnam, Messico e Polonia. L'implementazione di sistemi digitali anche nel settore agroalimentare italiano può svolgere un ruolo chiave in termini di competitività internazionale, sostenibilità e ottimizzazione dei processi di produzione.