Focus On 26 febbraio 2020

Mappa dei Rischi 2020: come navigare in un mare di insidie

In uno scenario ancora dominato dall'incertezza, la Mappa dei Rischi 2020 di SACE SIMEST offre una riproduzione coerente di questo contesto e ha l’ambizione di agevolare le imprese, specie quelle di piccola e media dimensione, a orientarsi consapevolmente sui mercati internazionali.

Per il 2020 il quadro dei rischi globali ricalca, e in alcuni casi intensifica, le criticità economico finanziarie e politico-sociali che già avevano caratterizzato il panorama internazionale nell'anno appena concluso.

Tra queste si annoverano le politiche commerciali degli Stati Uniti nei confronti di Cina e Unione Europea. Se da un lato la tregua appena siglata tra Washington e Pechino sembra frenare – almeno per il momento – i timori di un’escalation protezionistica, dall'altro sta ritornando l’“attenzione” di Trump verso i Paesi europei.

In uno scenario ancora dominato dall'incertezza, le previsioni convergono verso una riduzione del tasso di crescita dell'economia globale nel 2020 rispetto all'anno precedente, anche a causa degli effetti innescati dall'epidemia Coronavirus.

Un elemento di criticità rimane l’indebitamento che nei Paesi avanzati persiste su livelli elevati e nelle economie emergenti (in particolare in Africa Subsahariana e Asia) continua a espandersi a ritmi sostenuti. Il basso livello dei tassi di interesse rischia di alimentare ulteriormente l’espansione del debito, anche attraverso la ricerca di rendimenti maggiori presso i mercati emergenti.

 

 

Scarica il Focus On

 

Naviga la Mappa dei Rischi

 

 ScaricailFocusOn Navigalamappadeirischi

 


 

Rispetto al 2019, i risultati mostrano una discreta stabilità nel rischio di credito, sia a livello aggregato sia nella suddivisione tra avanzati e emergenti. Tuttavia, i dati di dettaglio evidenziano le peculiarità di ogni area: migliorano, in media, i Paesi dell’Europa emergente e CSI e dell’Asia; aumenta invece il rischio nell'area medio-orientale; relativamente stabile l’America Latina, ma con un peggioramento delle controparti bancarie.

 

Rischio di credito per area e controparte nel 2020 (media)

Rischio credito

 

Sul versante dei rischi politici, il quadro globale è caratterizzato da un aumento capillare della violenza politica, inaspritasi soprattutto in Medio Oriente e America Latina. Tra i Paesi avanzati, il lieve peggioramento è imputabile alle note proteste che hanno infiammato le piazze di Hong Kong.

 

Rischi politici nel 2020 (media)

Rischi politici

 

Le imprese italiane dovranno quindi tenere a mente nel 2020 (e non solo) una serie di fattori, quali, le differenze in termini di rischiosità tra le controparti (pubbliche, banche o imprese), le potenziali difficoltà nell'accesso alla valuta estera dei clienti oltreconfine, nonché le specificità territoriali di alcune geografie che presentano livelli di rischio diversi a seconda della regione di riferimento.

Gli operatori con vocazione internazionale potranno tuttavia cogliere opportunità anche nelle aree più “instabili”, approfittando delle occasioni di business nei Paesi più “solidi” (ad esempio, gli Emirati Arabi Uniti all'interno dell’area medio-orientale), o in quelle più remote (come le Filippine, in Asia).

Il contesto globale continuerà a presentare rischi con cui le imprese dovranno imparare a convivere. Diventa sempre più rilevante saper adattare rapidamente le proprie strategie, monitorare costantemente i mercati di interesse e utilizzare adeguati strumenti finanziari, assicurativi, di advisory e di recupero crediti.
Desideri ulteriori informazioni?
 
Focus On 24 gennaio 2023
L’impatto del Terziario nell’export di beni e servizi è sempre più centrale nelle dinamiche economiche internazionali. Importanti margini di crescita possono derivare da una maggiore spinta in termini di competitività e digitalizzazione, per compensare le criticità in termini di produttività, competenza e formazione e grado di apertura di molti mercati.
Varie 18 gennaio 2023
Tra gennaio e novembre le vendite all’estero di beni si sono confermate in ampio rialzo (+20,5% rispetto allo stesso periodo del 2021). L’andamento è guidato dai valori medi unitari (vmu; +20,1%), sulle spinte inflative; rimangono stabili i volumi (+0,3%).
Sasso nello stagno 28 dicembre 2022
Il trasporto aereo è tra i settori maggiormente ciclici e nel 2020 ha subito fortemente l’impatto delle restrizioni agli spostamenti necessarie per contrastare la diffusione di Covid-19. Il 2021 si è rivelato un anno di ripresa, soprattutto per il traffico merci, mentre quello passeggeri ha solo iniziato la fase di recupero, che è proseguita con maggiore vigore nel 2022 grazie al progressivo allentamento delle restrizioni, ma il pieno recupero si avrà solo nel 2024. Rischi in aumento per il settore nel 2023, in particolare legati all’aumento del costo dei carburanti con implicazioni anche sulle politiche di sostenibilità ambientale. Non sono comunque da escludere sorprese positive per il 2023: se la possibile conclusione del conflitto in Ucraina non appare imminente, gli effetti dello stop alla Zero-Covid policy in Cina non tarderanno a manifestarsi.