Varie 08 luglio 2021

Vino e spirits: le sfide di un'eccellenza italiana

Dopo la battuta d’arresto del 2020, il mercato italiano del Vino e degli Spirits è entrato nel 2021 pronto a nuove sfide guardando con ottimismo ai mercati internazionali e ai nuovi stili di consumo che la pandemia ha inevitabilmente cambiato.

L’Ufficio Studi di SACE, l’Area Studi Mediobanca, e Ipsos hanno realizzato il primo report congiunto sul settore wine & spirits italiano, dedicato all’analisi dei mercati domestici e internazionali e allo studio delle dinamiche socio-culturali di consumo.

Se, in Italia, il segmento degli spirits è riuscito a limitare in qualche misura gli effetti della crisi, quello dei vini è stato più colpito, soprattutto nella componente delle “bollicine”, complice in particolare il forte calo delle vendite registrato nell’Ho.re.ca. 

Il procedere delle campagne vaccinali e la ripresa di diversi settori dell’economia lanciano spiragli di ottimismo per l’anno in corso e per quelli a venire. Sebbene i dati dell’export del primo trimestre siano ancora in territorio negativo, spiragli positivi arrivano dagli spumanti, segno di una voglia di recupero di vita sociale da parte dei consumatori di bollicine di tutto il mondo. 

Segnali positivi arrivano in particolar modo dai consumi esteri di vino attesi per il prossimo biennio: l’export italiano riuscirà infatti a intercettare non solo la domanda dei consumatori nei mercati tradizionali delle vendite oltreconfine dei vini Made in Italy come Stati Uniti, Regno Unito e Germania, ma anche quelle di mercati dalle dimensioni più contenute, su cui, però, il vino italiano può decisamente puntare per incrementare la propria presenza; è il caso della Cina e del Giappone ma anche del “piccolo” Vietnam in Asia, oltre che del Nord Europa.

I produttori italiani si preparano ad affrontare il futuro forti delle eccellenze e tipicità regionali che caratterizzano il Bel Paese. Ciascuna regione ha, infatti, peculiarità territoriali che si riflettono nella varietà dei prodotti realizzati, venduti ed esportati, con un fil rouge che li contraddistingue tutti: l’alta qualità dei vini e la presenza di certificazioni Dop e Igp

INFOGRAFICA  VINO

Che sia un prosecco, un pinot nero, uno chardonnay o uno Zibibbo, i vini italiani sono riconosciuti e amati non solo sul suolo nazionale, ma anche all’estero. Questo ha permesso alle nostre imprese di affrancarsi anche oltre i confini nazionali, grazie a un appeal molto elevato del vino nostrano. 


 

Scarica il Report

MockupCTAReportgreyMockupCTAReportcolor

 

Documenti

Desideri ulteriori informazioni?
 
Varie 16 luglio 2021
Nei primi cinque mesi del 2021 l'export italiano di beni registra un'ampia crescita (+23,9% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente). L’andamento beneficia, in particolare, del confronto con aprile e maggio dello scorso anno, i mesi di picco delle restrizioni legate all’emergenza pandemica globale e in cui le esportazioni hanno toccato i loro livelli minimi.
Sasso nello stagno 16 luglio 2021
Maggiore economia dell’area centroamericana e caraibica pur essendo al quarto posto per dimensione demografica, la Repubblica Dominicana dal 2000 al 2019 è stata tra le economie più dinamiche di tutta l’area, grazie a una minore dipendenza dal turismo, soprattutto crocieristico, e un’economia ben diversificata. L’apertura agli scambi e agli investimenti dall’estero dei governi dominicani, a prescindere dal colore, rende tale destinazione una meta attrattiva. Non mancano però le criticità all’interno di un contesto fortemente diseguale, caratterizzato da tassi di povertà elevati (un quarto della popolazione), corruzione, criminalità e un sistema giudiziario inefficiente. Il nostro Paese è il secondo fornitore europeo dopo la Spagna (e l’ottavo nel mondo) ma ci sono margini per un salto di qualità ulteriore considerati i profondi legami storico-culturali tra i due Paesi.
ReportVino_Mockup
Varie 08 luglio 2021
ReportVino_Mockup
Dopo la battuta d’arresto del 2020, il mercato italiano del Vino e degli Spirits è entrato nel 2021 pronto a nuove sfide guardando con ottimismo ai mercati internazionali e ai nuovi stili di consumo che la pandemia ha inevitabilmente cambiato.