Guida per le imprese 14 settembre 2020

Obiettivo India: una guida per le imprese italiane

L’India, con la sua forza demografica e il suo mercato interno in espansione, è destinata ad assumere un ruolo da protagonista nell’economia mondiale post-covid, posizionandosi come interessante meta di export ed investimenti. Con 600 imprese italiane già presenti nel territorio indiano e oltre 23.000 persone occupate, l'India rappresenta un partner consolidato per l'export italiano, sinonimo riconosciuto di eccellenza e qualità.

L’Italia nell’India post-Covid

Il 2020 si è aperto con l’esplosione della peggiore emergenza sanitaria in 100 anni, che dalla Cina si è rapidamente diffusa in tutto il globo. Sebbene con alcuni giorni di ritardo rispetto ad altri Paesi asiatici, anche l’India ha imposto l’inizio di un periodo di lockdown il 24 marzo, rivelatosi come uno dei più rigidi al mondo prevedendo la chiusura dei confini nazionali, la sospensione di tutti i servizi di trasporto (aerei, ferroviari e su gomma) e il divieto assoluto di lasciare la propria abitazione se non per l’acquisto di beni di prima necessità o per comprovate esigenze personali. La severità delle restrizioni decise dal Premier Modi, necessarie ad evitare il tracollo in un Paese caratterizzato da una modesta spesa sanitaria, inferiore al 4% del PIL, rappresenta uno shock significativo per l’economia indiana, tradizionalmente trainata dalla domanda domestica, colpendo in particolare il vasto numero di famiglie che non dispongono di adeguati livelli di risparmi e l’enorme massa di lavoratori del settore informale, che costituiscono circa il 65% della forza lavoro non agricola del Paese e che non sono beneficiari di alcuna forma di ammortizzatori sociali.

Per contrastare la crisi, il governo di Delhi ha annunciato a metà maggio 2020 un pacchetto di misure di sostegno all’economia dal valore del 10% del PIL. Questo dato include, in verità, interventi già perfezionati nei mesi di marzo e aprile e le politiche di stimolo della Reserve Bank of India (RBI), come le iniezioni di liquidità a supporto del settore bancario pari al 3,1% del PIL (la RBI è anche intervenuta con tagli dei tassi di interesse e concedendo una moratoria sui debiti contratti dalle imprese indiane). Lo stimolo fiscale diretto, in parte condizionato dall’elevato debito pubblico indiano, è stato invece stimato a circa il 2% del PIL, caratterizzandosi principalmente per misure di sostegno alle fasce più povere e meno protette della popolazione. Nel frattempo, diversi Stati sotto il controllo del Partito del Popolo (BJP) del Premier Modi hanno spinto l’acceleratore su alcune riforme strutturali che hanno tradizionalmente incontrato una forte resistenza politica da parte delle opposizioni, come quelle volte a rendere più flessibile il mercato del lavoro e a facilitare l’acquisto dei terreni agricoli da parte del sistema industriale. Anche se non dirette a sostenere la domanda nel breve termine, queste misure, se implementate in maniera duratura ed estese a livello nazionale, potrebbero rappresentare un importante volano per la crescita di lungo periodo dell’India.

In termini macroeconomici, queste iniziative si inseriscono in un inizio di 2020 in cui il PIL indiano, dopo avere registrato una timida crescita del 3,1% su base annua nel primo trimestre, ha subito una contrazione pari al 23,9% nel secondo, per un risultato sui 12 mesi stimato a -5,8%. 

Così come l’intero prodotto interno lordo indiano, anche gli scambi commerciali tra Delhi e i suoi partner stanno registrando una contrazione, con una riduzione delle importazioni indiane nei primi due trimestri del 2020 che ha raggiunto, rispettivamente,  il 14,3% e il 45,8% su base annua e che è destinata a perdurare per tutto il 2020, con un calo degli acquisti di beni dall’estero previsto in diminuzione del 23,9% rispetto al 2019.

La riduzione della domanda indiana non risparmierà le aziende italiane esportatrici  che nel 2019 avevano esportato verso l’India beni  per 4 miliardi, concentrati prevalentemente nei settori della Meccanica strumentale (per un valore pari a oltre il 40% del nostro export verso il Paese asiatico), della Chimica e dei Prodotti del metallo (che insieme valgono un ulteriore 25%). Nel periodo compreso tra gennaio e giugno 2020, l’export italiano di beni nel Paese è sceso del 33,8% rispetto all’anno precedente, mentre le previsioni per i 12 mesi indicano una contrazione complessiva del 15,4%.

A fronte di questi dati, la capacità delle nostre imprese di posizionarsi nell’india Post-Covid dipenderà essenzialmente da due elementi. Il primo sarà la capacità di resistere alla crisi in corso, che non impatterà tutti i settori con la stessa violenza. Le previsioni per il nostro export nel Paese nel 2020 indicano infatti un crollo più marcato nei settori Gomma e plastica (-24,8%), Prodotti in metallo (-30,9%)  e Meccanica strumentale (-14,8%). Il secondo elemento sarà la capacità di riposizionarsi nel mercato indiano una volta che la domanda di beni verso l’estero tornerà a crescere. Infatti, dopo la contrazione del 2020 si prevede un 2021 più vivace, con le esportazioni italiane previste in aumento dell’11,8%, trainate, in special modo, dall’andamento positivo dei settori Chimica (+15,1%), Gomma e plastica (+20,5%), Prodotti in metallo (+19,9%) e, in misura minore, Meccanica strumentale (+8,6%).

 

Scarica il documento

Esplora la Scheda Paese

 Obiettivo_India Naviga la Mappa dei Rischi

 


 

 

Documenti

Desideri ulteriori informazioni?
Compila il modulo e ti risponderemo al più presto.
Focus On 24 gennaio 2023
L’impatto del Terziario nell’export di beni e servizi è sempre più centrale nelle dinamiche economiche internazionali. Importanti margini di crescita possono derivare da una maggiore spinta in termini di competitività e digitalizzazione, per compensare le criticità in termini di produttività, competenza e formazione e grado di apertura di molti mercati.
Varie 18 gennaio 2023
Tra gennaio e novembre le vendite all’estero di beni si sono confermate in ampio rialzo (+20,5% rispetto allo stesso periodo del 2021). L’andamento è guidato dai valori medi unitari (vmu; +20,1%), sulle spinte inflative; rimangono stabili i volumi (+0,3%).
Sasso nello stagno 28 dicembre 2022
Il trasporto aereo è tra i settori maggiormente ciclici e nel 2020 ha subito fortemente l’impatto delle restrizioni agli spostamenti necessarie per contrastare la diffusione di Covid-19. Il 2021 si è rivelato un anno di ripresa, soprattutto per il traffico merci, mentre quello passeggeri ha solo iniziato la fase di recupero, che è proseguita con maggiore vigore nel 2022 grazie al progressivo allentamento delle restrizioni, ma il pieno recupero si avrà solo nel 2024. Rischi in aumento per il settore nel 2023, in particolare legati all’aumento del costo dei carburanti con implicazioni anche sulle politiche di sostenibilità ambientale. Non sono comunque da escludere sorprese positive per il 2023: se la possibile conclusione del conflitto in Ucraina non appare imminente, gli effetti dello stop alla Zero-Covid policy in Cina non tarderanno a manifestarsi.