Focus On 03 febbraio 2021

Focus On - Un territorio ricco di export nonostante la crisi

L’export italiano è profondamente diversificato a livello territoriale. Ciascuna provincia presenta peculiarità produttive ed è proprio tale livello di specializzazione a rendere il Made in Italy un unicum nello scenario mondiale. SACE, da sempre vicina alle realtà territoriali, ha condotto questa analisi sulle dinamiche dell’export di province e regioni italiane e delle singole specializzazioni, aggiornando inoltre la Italy Map, il nuovo tool online.
  • L’export italiano è profondamente diversificato a livello territoriale. Ciascuna provincia presenta peculiarità produttive ed è proprio tale livello di specializzazione a rendere il Made in Italy un unicum nello scenario mondiale e ha permesso la tenuta di diverse realtà territoriali nonostante la crisi.

  • I dati pubblicati a dicembre evidenziano per i primi nove mesi del 2020 un forte calo dell’export su quasi tutto il territorio nazionale rispetto allo stesso periodo del 2019 (-12,5%), con una dinamica meno negativa della media nel Mezzogiorno (ad esclusione delle Isole) grazie alle ottime performance dei prodotti agroalimentari e del Molise, che ha registrato una crescita delle vendite oltreconfine significativa (+31,4%).

  • Sebbene il calo dell’export riscontrato nei primi tre trimestri del 2020, tra luglio e settembre si nota una generale ripresa delle vendite all’estero (+24,1% congiunturale), che sono tornate quasi ai livelli del primo trimestre del 2020.

  • Lo shock pandemico ha messo ancor più in risalto le potenzialità inespresse dell’export del Mezzogiorno, potenzialità che potrebbero essere sviluppate nel prossimo futuro sia verso quelli che sono già importanti partner commerciali (come Stati Uniti, Francia e Germania), sia verso geografie ancora poco conosciute ai prodotti meridionali.

  • Lombardia, Emilia-Romagna, Veneto, Toscana e Piemonte, che pur continuano a giocare ruoli da protagoniste per l’export nazionale, hanno visto un calo in quasi tutti i settori esportativi, in particolare nella meccanica e nel tessile e abbigliamento; il comparto agroalimentare, anche in queste regioni, è quello che ha saputo contenere maggiormente gli effetti negativi e in alcuni casi addirittura accrescere le proprie vendite oltreconfine.

  • La meccanica strumentale ha subito una contrazione in tutte le regioni d’Italia, provocando in particolare una flessione in quelle, come Lombardia e Piemonte, per le quali il settore è significativamente importante.

  • Alcune categorie di prodotto sono riuscite a mantenersi positive nonostante le difficoltà presenti nei settori a cui appartengono: è il caso del mobilio forlivese, del comparto moda di Arezzo, nonché dei macchinari agricoli del padovano e vicentino.

  • SACE, da sempre vicina alle realtà territoriali, ha condotto questa analisi sulle dinamiche dell’export di province e regioni italiane e delle singole specializzazioni, aggiornando inoltre la Italy Map, il nuovo tool online.

 

Scarica il documento per l'analisi completa!

 

Desideri ulteriori informazioni?
Compila il modulo e ti risponderemo al più presto.
Varie 16 settembre 2021
Nei primi 7 mesi dell'anno si registra un incremento sostenuto delle vendite italiane all’estero (+22,8% vs. gen-lug’20). Tale dinamica continua a beneficiare di un effetto base favorevole ascrivibile al confronto con aprile e maggio 2020, mesi di forti restrizioni dovute alla pandemia, durante i quali le esportazioni di beni italiane hanno toccato livelli minimi.
Mockup_MosaicRE2021
Rapporto Export 14 settembre 2021
Mockup_MosaicRE2021
Nel suo World Economic Outlook di aprile 2021 il Fondo monetario internazionale ha usato il termine “recover” 306 volte, “uneven” 15 volte; nella medesima edizione, ma del 2020, gli stessi termini erano conteggiati, rispettivamente, 61 e 4 volte.
Varie 12 agosto 2021
Nei primi 6 mesi dell'anno si registra una crescita del +24% delle vendite italiane oltreconfine rispetto a giugno 2020.. Questa dinamica beneficia di un effetto base favorevole dovuto soprattutto al confronto con aprile e maggio 2020, mesi di forti restrizioni per il contenimento della pandemia e in cui l’export Made in Italy ha toccato livelli minimi.