Focus On 24 aprile 2013

Focus On: Senkaku o Diaoyu?

Le isole contese tra Cina e Giappone: le conseguenze economiche e il ruolo degli USA

Le isole Senkaku (così denominate da Tokyo che le amministra) sono note anche come isole Diaoyu o Diaoyutai (rispettivamente secondo Pechino e Taiwan che le reclamano). Sono otto piccole isole di 7 kilometri quadrati, situate nel mar cinese orientale a circa 220 km a nord-est di Taiwan.
 

La disputa tra Giappone e Cina ha avuto di recente una nuova pericolosa escalation. Il 30 gennaio scorso una nave giapponese si è vista oggetto del radar missilistico di una nave cinese al largo della Cina orientale e il 23 aprile alcune imbarcazioni di attivisti giapponesi di estrema destra si sono avvicinate ai territori contesi, un’azione condannata dalla Cina, che a sua volta ha mobilitato le proprie motovedette, entrate nelle acque circostanti le isole. La reazione del governo giapponese non si è fatta attendere; il premier nipponico Abe ha dichiarato al parlamento che il Giappone è disposto a ricorrere alla forza nel caso di un eventuale attracco cinese alle isole Senkaku.
La tensione tra i due Paesi è stata ulteriormente alimentata dalla visita di 168 deputati nipponici al santuario di Yasukuni a Tokyo, retaggio del passato militarista giapponese e fonte di risentimento per i paesi dell’area.
 

 

Desideri ulteriori informazioni?
Compila il modulo e ti risponderemo al più presto.
Varie 14 giugno 2024
Tra gennaio e aprile le vendite italiane sono tornate in territorio positivo a +0,3%, beneficiando del supporto dei valori medi unitari (+1,5%) che ha più che compensato il calo dei volumi (-1,2%).
Varie 16 maggio 2024
Tra gennaio e marzo le vendite italiane oltreconfine hanno registrato un calo del 2,8%, determinato dall’intensa riduzione del dato in volume (-3,9%) e nonostante il supporto dei valori medi unitari (+1,2%).
Focus On 08 maggio 2024
In uno scenario economico africano tanto dinamico quanto ricco di sfide, la Costa d’Avorio si propone come Paese tra i più stabili e promettenti della regione subsahariana. Un’economia in rapida espansione ), un assetto politico-istituzionale relativamente solido , un contesto operativo aperto agli investimenti e che incentiva l’iniziativa imprenditoriale: questi gli ingredienti dell’agenda di Ouattara, presidente del Paese dal 2011, per rendere possibile l’obiettivo di rendere la Costa d’Avorio un Paese a medio reddito entro il 2030. L’esecutivo ivoriano si è impegnato in tutti gli ambiti per migliorare le condizioni economiche, politiche e sociali del Paese;la rapida crescita della domanda interna (sia pubblica che privata) ha, inoltre, evidenziato le potenzialità per le imprese alla ricerca di nuovi mercati di sbocco.