Focus On 24 marzo 2020

Focus On - Petrolio e gas si ammalano facilmente

Lo studio analizza le prospettive del settore oil&gas, interrogandosi sugli effetti dell’emergenza dettata dalla rottura dopo tre anni dell’accordo Opec+ tra Russia e Arabia Saudita e il diffondersi di Covid-19 nei mercati di domanda. Ne emerge un quadro di un comparto già da tempo soggetto a criticità e sbilanciamenti strutturali: sebbene il petrolio continui a rappresentare il fuel of last resort per moltissime economie, la crisi del settore e quella potenziale di alcuni paesi produttori rimane agganciata alla riduzione dei consumi nel medio-lungo termine, che singoli eventi come Covid-19 e la rottura dell’equilibrio Opec+ contribuiscono ad anticipare.

Per il settore degli idrocarburi il virus rappresenta uno shock della domanda. Per i paesi produttori il virus amplifica rigidità strutturali storiche: scarsa diversificazione economica, limitata capacità di imporre nuove tasse e stabilità connessa a regimi con limitato pluralismo che sono alle prese con sviluppi istituzionali (Russia e Arabia Saudita in primis). Come già in passato, tuttavia, saranno più facilmente le economie collegate (alcuni paesi centrasiatici – i cosiddetti “Stan” -e alcuni paesi dell’area del Golfo) a subire il contraccolpo più forte. 

Oltre il 60% dell’offerta globale di greggio attualmente proviene da paesi in cui l’export di prodotti petroliferi rappresenta più della metà dell’export complessivo. Verso questi stessi paesi nel 2019 sono stati diretti 30 miliardi di euro di export italiano

In questo contesto, i rischi principali per le imprese italiane consisteranno verosimilmente nella riduzione delle importazioni da parte delle economie più deboli, nella contrazione degli investimenti pubblici, nella modifica/cancellazione unilaterale di contratti e in probabili restrizioni valutarie. Come effetti collaterali, potrebbero aumentare la violenza politica nei paesi (più che tra paesi) e l’instabilità, soprattutto per quei produttori alle prese con dinamiche di successione al vertice. 

Per quanto riguarda il prezzo del greggio, questi shock sono temporanei in un contesto di mercato che già rifletteva squilibri tra domanda e offerta. I fattori che avrebbero dovuto spingere al rialzo nel recente passato (escalation in Medio Oriente, crisi in diversi paesi di seconda fascia come Iran, Libia e Venezuela) rimangono nel mercato come potenziali elementi di spinta ulteriore verso il basso. Al contempo, più del 60% dell’offerta globale di greggio proviene da paesi in cui l’export di prodotti petroliferi rappresenta più della metà dell’export complessivo e per i quali il prezzo di pareggio per il bilancio pubblico è molto superiore rispetto ai livelli attuali. Una media 2020 intorno ai valori del 2016 (43-45 USD/b), ante-accordo Opec+ e con una domanda in rallentamento, rimane quindi lo scenario di riferimento. Le variazioni rispetto a questo scenario rimangono nell’ordine di ±10 USD/b con il caso peggiore (30-35 USD/b) in cui la guerra di prezzo si prolunga nel 2021 e quello migliore (50-55 USD/b, in linea con i valori del primo bimestre 2020) in cui le divergenze tra Russia e Arabia Saudita si ricompongono intorno alla metà dell’anno.

Come già nel periodo 2014-2016, le decisioni dei produttori, tuttavia, non saranno l’unica variabile di prezzo e gli effetti della congiuntura si propagheranno anche in altri settori e in altre aree: potremmo attenderci altre sorprese durante l’anno – motivo per cui è fondamentale affiancare alla spinta per la crescita dei ricavi un’adeguata copertura dai rischi anche verso geografie “insospettabili”.

 

Scarica il documento per l'analisi completa.

Desideri ulteriori informazioni?
Compila il modulo e ti risponderemo al più presto.
Varie 16 maggio 2024
Tra gennaio e marzo le vendite italiane oltreconfine hanno registrato un calo del 2,8%, determinato dall’intensa riduzione del dato in volume (-3,9%) e nonostante il supporto dei valori medi unitari (+1,2%).
Focus On 08 maggio 2024
In uno scenario economico africano tanto dinamico quanto ricco di sfide, la Costa d’Avorio si propone come Paese tra i più stabili e promettenti della regione subsahariana. Un’economia in rapida espansione ), un assetto politico-istituzionale relativamente solido , un contesto operativo aperto agli investimenti e che incentiva l’iniziativa imprenditoriale: questi gli ingredienti dell’agenda di Ouattara, presidente del Paese dal 2011, per rendere possibile l’obiettivo di rendere la Costa d’Avorio un Paese a medio reddito entro il 2030. L’esecutivo ivoriano si è impegnato in tutti gli ambiti per migliorare le condizioni economiche, politiche e sociali del Paese;la rapida crescita della domanda interna (sia pubblica che privata) ha, inoltre, evidenziato le potenzialità per le imprese alla ricerca di nuovi mercati di sbocco.
Focus On 06 maggio 2024
SACE sarà presente a Cibus, a fianco delle imprese del settore agroalimentare per sostenerne la crescita attraverso diverse soluzioni. Le vendite estere di agroalimentare rappresentano oltre il 10% dell’export italiano. Lo scorso anno l’export di agroalimentare ha raggiunto ancora una volta un valore record pari a €64,4 miliardi, con un aumento del 6% circa. Prospettive positive anche per il 2024. Principale comparto di export sono le bevande, mentre i prodotti del Made in Italy più dinamici sono pasta e prodotti da forno, latte e formaggi e preparazioni di ortaggi e frutta. Le principali destinazioni per l’agroalimentare italiano sono le geografie europee e gli USA, mentre mercati meno presidiati ma molto dinamici sono India, Vietnam, Messico e Polonia. L'implementazione di sistemi digitali anche nel settore agroalimentare italiano può svolgere un ruolo chiave in termini di competitività internazionale, sostenibilità e ottimizzazione dei processi di produzione.