Focus On 24 marzo 2020

Focus On - Petrolio e gas si ammalano facilmente

Lo studio analizza le prospettive del settore oil&gas, interrogandosi sugli effetti dell’emergenza dettata dalla rottura dopo tre anni dell’accordo Opec+ tra Russia e Arabia Saudita e il diffondersi di Covid-19 nei mercati di domanda. Ne emerge un quadro di un comparto già da tempo soggetto a criticità e sbilanciamenti strutturali: sebbene il petrolio continui a rappresentare il fuel of last resort per moltissime economie, la crisi del settore e quella potenziale di alcuni paesi produttori rimane agganciata alla riduzione dei consumi nel medio-lungo termine, che singoli eventi come Covid-19 e la rottura dell’equilibrio Opec+ contribuiscono ad anticipare.

Per il settore degli idrocarburi il virus rappresenta uno shock della domanda. Per i paesi produttori il virus amplifica rigidità strutturali storiche: scarsa diversificazione economica, limitata capacità di imporre nuove tasse e stabilità connessa a regimi con limitato pluralismo che sono alle prese con sviluppi istituzionali (Russia e Arabia Saudita in primis). Come già in passato, tuttavia, saranno più facilmente le economie collegate (alcuni paesi centrasiatici – i cosiddetti “Stan” -e alcuni paesi dell’area del Golfo) a subire il contraccolpo più forte. 

Oltre il 60% dell’offerta globale di greggio attualmente proviene da paesi in cui l’export di prodotti petroliferi rappresenta più della metà dell’export complessivo. Verso questi stessi paesi nel 2019 sono stati diretti 30 miliardi di euro di export italiano

In questo contesto, i rischi principali per le imprese italiane consisteranno verosimilmente nella riduzione delle importazioni da parte delle economie più deboli, nella contrazione degli investimenti pubblici, nella modifica/cancellazione unilaterale di contratti e in probabili restrizioni valutarie. Come effetti collaterali, potrebbero aumentare la violenza politica nei paesi (più che tra paesi) e l’instabilità, soprattutto per quei produttori alle prese con dinamiche di successione al vertice. 

Per quanto riguarda il prezzo del greggio, questi shock sono temporanei in un contesto di mercato che già rifletteva squilibri tra domanda e offerta. I fattori che avrebbero dovuto spingere al rialzo nel recente passato (escalation in Medio Oriente, crisi in diversi paesi di seconda fascia come Iran, Libia e Venezuela) rimangono nel mercato come potenziali elementi di spinta ulteriore verso il basso. Al contempo, più del 60% dell’offerta globale di greggio proviene da paesi in cui l’export di prodotti petroliferi rappresenta più della metà dell’export complessivo e per i quali il prezzo di pareggio per il bilancio pubblico è molto superiore rispetto ai livelli attuali. Una media 2020 intorno ai valori del 2016 (43-45 USD/b), ante-accordo Opec+ e con una domanda in rallentamento, rimane quindi lo scenario di riferimento. Le variazioni rispetto a questo scenario rimangono nell’ordine di ±10 USD/b con il caso peggiore (30-35 USD/b) in cui la guerra di prezzo si prolunga nel 2021 e quello migliore (50-55 USD/b, in linea con i valori del primo bimestre 2020) in cui le divergenze tra Russia e Arabia Saudita si ricompongono intorno alla metà dell’anno.

Come già nel periodo 2014-2016, le decisioni dei produttori, tuttavia, non saranno l’unica variabile di prezzo e gli effetti della congiuntura si propagheranno anche in altri settori e in altre aree: potremmo attenderci altre sorprese durante l’anno – motivo per cui è fondamentale affiancare alla spinta per la crescita dei ricavi un’adeguata copertura dai rischi anche verso geografie “insospettabili”.

 

Scarica il documento per l'analisi completa.

Desideri ulteriori informazioni?
Compila il modulo e ti risponderemo al più presto.
Focus On 24 gennaio 2023
L’impatto del Terziario nell’export di beni e servizi è sempre più centrale nelle dinamiche economiche internazionali. Importanti margini di crescita possono derivare da una maggiore spinta in termini di competitività e digitalizzazione, per compensare le criticità in termini di produttività, competenza e formazione e grado di apertura di molti mercati.
Varie 18 gennaio 2023
Tra gennaio e novembre le vendite all’estero di beni si sono confermate in ampio rialzo (+20,5% rispetto allo stesso periodo del 2021). L’andamento è guidato dai valori medi unitari (vmu; +20,1%), sulle spinte inflative; rimangono stabili i volumi (+0,3%).
Sasso nello stagno 28 dicembre 2022
Il trasporto aereo è tra i settori maggiormente ciclici e nel 2020 ha subito fortemente l’impatto delle restrizioni agli spostamenti necessarie per contrastare la diffusione di Covid-19. Il 2021 si è rivelato un anno di ripresa, soprattutto per il traffico merci, mentre quello passeggeri ha solo iniziato la fase di recupero, che è proseguita con maggiore vigore nel 2022 grazie al progressivo allentamento delle restrizioni, ma il pieno recupero si avrà solo nel 2024. Rischi in aumento per il settore nel 2023, in particolare legati all’aumento del costo dei carburanti con implicazioni anche sulle politiche di sostenibilità ambientale. Non sono comunque da escludere sorprese positive per il 2023: se la possibile conclusione del conflitto in Ucraina non appare imminente, gli effetti dello stop alla Zero-Covid policy in Cina non tarderanno a manifestarsi.