Focus On 24 agosto 2015

Focus On - Oil & gas: un barile mezzo pieno

Un anno fa le previsioni sul prezzo del greggio viaggiavano stabilmente sopra i 100 dollari al barile (USD/b). Oggi il suo prezzo è la metà, ma non lo è il suo valore, o almeno non dappertutto. Diverse geografie, più o meno note, rappresentano più che mai un’opportunità per le imprese italiane del settore, anche Pmi. Le abbiamo divise in tre gruppi evidenziando rischi e opportunità di ognuna.

Executive summary

Un anno fa le previsioni sul prezzo del greggio viaggiavano stabilmente sopra i 100 dollari al barile (USD/b). Oggi il suo prezzo è la metà, ma non lo è il suo valore, o almeno non dappertutto. Diverse geografie, più o meno note, rappresentano più che mai un’opportunità per le imprese italiane del settore, anche Pmi. Le abbiamo divise in tre gruppi evidenziando rischi e opportunità di ognuna.

 

Le economie del primato energetico, comprendenti USA e Arabia Saudita: i mercati più ricchi, sviluppati ed energivori. I sauditi non hanno ceduto sulle quote OPEC, mentre i privati statunitensi stanno dimostrando una resilienza produttiva notevole nonostante la diminuzione dei pozzi. Se i primi vogliono estendere il primato ai prodotti petroliferi, i secondi guardano con interesse a nuovi giacimenti con cui avvicinarsi sempre più all’autosufficienza. Le opportunità qui riguardano diversi comparti ad elevata specializzazione lungo l’intera filiera: upstream, plastiche, energie alternative.

 

Quelli che vogliono cambiare passo, per staccarsi dalla concorrenza e diventare protagonisti: Angola, Azerbaijan, Iran, Messico e Oman. Sono le economie che stanno attraversando un punto di svolta e saranno tra le mete più interessanti sia per l’upstream che per il downstream nei prossimi anni, oltre a dimostrarsi una riserva importante di risorse per il nostro Paese. I settori più interessati sono: valvole e raccordi, raffinazione e tecniche di recupero del petrolio (enhanced recovery) da giacimenti sottoutilizzati.

 

I Paesi-scommessa, ovvero vecchie conoscenze e nuove frontiere del settore che oggi posseggono un grado di rischio elevato, ma sulle quali potrebbe catalizzarsi l’attenzione degli operatori nei prossimi anni, con elementi peculiari di opportunità che richiedono già oggi di valutare, ad esempio, un presidio in loco.

 

Se un anno fa la strategia vincente per cogliere margini record era aumentare la produzione, oggi lo è produrre in maniera efficiente. Il ruolo di SACE come partner nella gestione del rischio e nell’allestimento di un pacchetto finanziario competitivo è più che mai fondamentale.

 

Per il Focus On completo scarica il pdf

Desideri ulteriori informazioni?
Compila il modulo e ti risponderemo al più presto.
Varie 16 maggio 2024
Tra gennaio e marzo le vendite italiane oltreconfine hanno registrato un calo del 2,8%, determinato dall’intensa riduzione del dato in volume (-3,9%) e nonostante il supporto dei valori medi unitari (+1,2%).
Focus On 08 maggio 2024
In uno scenario economico africano tanto dinamico quanto ricco di sfide, la Costa d’Avorio si propone come Paese tra i più stabili e promettenti della regione subsahariana. Un’economia in rapida espansione ), un assetto politico-istituzionale relativamente solido , un contesto operativo aperto agli investimenti e che incentiva l’iniziativa imprenditoriale: questi gli ingredienti dell’agenda di Ouattara, presidente del Paese dal 2011, per rendere possibile l’obiettivo di rendere la Costa d’Avorio un Paese a medio reddito entro il 2030. L’esecutivo ivoriano si è impegnato in tutti gli ambiti per migliorare le condizioni economiche, politiche e sociali del Paese;la rapida crescita della domanda interna (sia pubblica che privata) ha, inoltre, evidenziato le potenzialità per le imprese alla ricerca di nuovi mercati di sbocco.
Focus On 06 maggio 2024
SACE sarà presente a Cibus, a fianco delle imprese del settore agroalimentare per sostenerne la crescita attraverso diverse soluzioni. Le vendite estere di agroalimentare rappresentano oltre il 10% dell’export italiano. Lo scorso anno l’export di agroalimentare ha raggiunto ancora una volta un valore record pari a €64,4 miliardi, con un aumento del 6% circa. Prospettive positive anche per il 2024. Principale comparto di export sono le bevande, mentre i prodotti del Made in Italy più dinamici sono pasta e prodotti da forno, latte e formaggi e preparazioni di ortaggi e frutta. Le principali destinazioni per l’agroalimentare italiano sono le geografie europee e gli USA, mentre mercati meno presidiati ma molto dinamici sono India, Vietnam, Messico e Polonia. L'implementazione di sistemi digitali anche nel settore agroalimentare italiano può svolgere un ruolo chiave in termini di competitività internazionale, sostenibilità e ottimizzazione dei processi di produzione.