Focus On 24 agosto 2015

Focus On - Oil & gas: un barile mezzo pieno

Un anno fa le previsioni sul prezzo del greggio viaggiavano stabilmente sopra i 100 dollari al barile (USD/b). Oggi il suo prezzo è la metà, ma non lo è il suo valore, o almeno non dappertutto. Diverse geografie, più o meno note, rappresentano più che mai un’opportunità per le imprese italiane del settore, anche Pmi. Le abbiamo divise in tre gruppi evidenziando rischi e opportunità di ognuna.

Executive summary

Un anno fa le previsioni sul prezzo del greggio viaggiavano stabilmente sopra i 100 dollari al barile (USD/b). Oggi il suo prezzo è la metà, ma non lo è il suo valore, o almeno non dappertutto. Diverse geografie, più o meno note, rappresentano più che mai un’opportunità per le imprese italiane del settore, anche Pmi. Le abbiamo divise in tre gruppi evidenziando rischi e opportunità di ognuna.

 

Le economie del primato energetico, comprendenti USA e Arabia Saudita: i mercati più ricchi, sviluppati ed energivori. I sauditi non hanno ceduto sulle quote OPEC, mentre i privati statunitensi stanno dimostrando una resilienza produttiva notevole nonostante la diminuzione dei pozzi. Se i primi vogliono estendere il primato ai prodotti petroliferi, i secondi guardano con interesse a nuovi giacimenti con cui avvicinarsi sempre più all’autosufficienza. Le opportunità qui riguardano diversi comparti ad elevata specializzazione lungo l’intera filiera: upstream, plastiche, energie alternative.

 

Quelli che vogliono cambiare passo, per staccarsi dalla concorrenza e diventare protagonisti: Angola, Azerbaijan, Iran, Messico e Oman. Sono le economie che stanno attraversando un punto di svolta e saranno tra le mete più interessanti sia per l’upstream che per il downstream nei prossimi anni, oltre a dimostrarsi una riserva importante di risorse per il nostro Paese. I settori più interessati sono: valvole e raccordi, raffinazione e tecniche di recupero del petrolio (enhanced recovery) da giacimenti sottoutilizzati.

 

I Paesi-scommessa, ovvero vecchie conoscenze e nuove frontiere del settore che oggi posseggono un grado di rischio elevato, ma sulle quali potrebbe catalizzarsi l’attenzione degli operatori nei prossimi anni, con elementi peculiari di opportunità che richiedono già oggi di valutare, ad esempio, un presidio in loco.

 

Se un anno fa la strategia vincente per cogliere margini record era aumentare la produzione, oggi lo è produrre in maniera efficiente. Il ruolo di SACE come partner nella gestione del rischio e nell’allestimento di un pacchetto finanziario competitivo è più che mai fondamentale.

 

Per il Focus On completo scarica il pdf

Desideri ulteriori informazioni?
Compila il modulo e ti risponderemo al più presto.
Varie 15 febbraio 2024
Nel 2023 il valore dell’export italiano è rimasto stazionario rispetto all’anno precedente. L’aumento dei valori medi unitari (+5,3%) è stato pienamente compensato da una riduzione, ben superiore alle attese, del dato in volume (-5,1%).
Focus On 14 febbraio 2024
Dopo una crescita vivace nello scorso anno, nel 2024 l'export italiano di servizi è previsto in ulteriore aumento del 4,6% grazie al maggior ruolo che sta assumendo il Terziario nel commercio con l'estero, anche nei Paesi emergenti. Per accrescere la produttività dei servizi italiani vi sono diverse leve su cui poter agire tra cui una maggiore crescita degli investimenti tecnologici, inclusi quelli in digitalizzazione e IA, e una formazione sia continua che specifica sul posto di lavoro.
Varie 15 gennaio 2024
Tra gennaio e novembre 2023 l’export in valore è aumentato dello 0,7% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. L’andamento continua a essere determinato dalla crescita dei valori medi unitari (+5,6%), a fronte della decisa, e superiore alle attese, flessione dei volumi (-4,6%).