Focus On 24 gennaio 2018

Focus On - Mappa dei rischi 2018: adelante con juicio

La crescita globale nel 2017 si è finalmente rafforzata. Il miglioramento congiunturale si è riflesso sugli scambi internazionali, con benefici significativi sull'export di molti Paesi, tra cui l’Italia.

Naviga la nuova Country Risk Map>>

Goldilocks economy: come nel 2007?

La crescita globale si è rafforzata nel 2017, finalmente. Non solo è stata più intensa del previsto, ma ha anche coinvolto numerose geografie. Paesi che rappresentano circa tre quarti del Pil mondiale hanno offerto un contributo positivo a questa ripresa.

 

Il miglioramento congiunturale si è riflesso sugli scambi internazionali,con benefici significativi sull’export di molti paesi, in modo particolare per l’Italia.

 

Nel corso del 2017 si è diffuso però un senso di déjà vu rispetto al 2007. Crescita robusta, inflazione sotto controllo, condizioni finanziarie favorevoli grazie a politiche monetarie accomodanti, bassa volatilità dei mercati e ”inversione”, anche se timida, del ciclo delle commodity ricordano il cosiddetto scenario da Goldilocks economy.

 

 

Elementi di una Goldilocks economy

Elementi di una goldilocks economy

 

Cosa rischia di sfuggirci, quindi? Bisogna evitare di trascurare i fattori di rischio latenti, che sono, a nostro parere tre.

 

In primo luogo l’indebitamento: il tanto auspicato processo di deleveraging non si è, difatti, ancora messo in moto e in alcuni Paesi il settore corporate risente di elevati livelli di leverage.

 

In secondo luogo, la ripresa dei prezzi delle commodity che ha un impatto sui conti pubblici dei Paesi che esportanomaterie prime. La Mappa dei Rischi 2018 mostra infatti un’attenuazione del profilo di rischio di diversi emergenti fortemente dipendenti dalle commodity (Arabia Saudita, Russia, Brasile, Argentina), con alcune eccezioni (Mongolia, Venezuela, Libia).

 

Il terzo elemento su cui porre attenzione sono i rischi politici: si vedono meno ma fanno male. In particolare Il rischio di instabilità e violenza politica è l’unica fattispecie di rischio che, in media, nel 2017 ha registrato un peggioramento a livello globale. Si nota un incremento di tale tipologia di rischio in Paesi considerati “insospettabili”, che registrano crescenti episodi di violenza politica ma che storicamente non sono considerati come aree a elevato rischio. Alcuni esempi: Filippine, India, alcuni Paesi “Stan” e dei Balcani.

 

Rimangono comunque attuali i ritardi o le interruzioni nei flussi di pagamento da aziende clienti o istituzioni di varia natura, così come l’impatto di eventi politici inattesi sui contratti commerciali, che possono compromettere l’attività delle imprese. Rischi che è possibile mitigare attraverso appositi strumenti finanziari e assicurativi, advisory, recupero crediti e un accesso tempestivo a informazioni e analisi specifiche.

 

 

 Scarica il Focus On

 

Scarica la Risk & Export Map

 
focus-Mock-up-299x249
   Risk-Map-Mock-up-299x249
  



Desideri ulteriori informazioni?
Compila il modulo e ti risponderemo al più presto.
Varie 16 maggio 2024
Tra gennaio e marzo le vendite italiane oltreconfine hanno registrato un calo del 2,8%, determinato dall’intensa riduzione del dato in volume (-3,9%) e nonostante il supporto dei valori medi unitari (+1,2%).
Focus On 08 maggio 2024
In uno scenario economico africano tanto dinamico quanto ricco di sfide, la Costa d’Avorio si propone come Paese tra i più stabili e promettenti della regione subsahariana. Un’economia in rapida espansione ), un assetto politico-istituzionale relativamente solido , un contesto operativo aperto agli investimenti e che incentiva l’iniziativa imprenditoriale: questi gli ingredienti dell’agenda di Ouattara, presidente del Paese dal 2011, per rendere possibile l’obiettivo di rendere la Costa d’Avorio un Paese a medio reddito entro il 2030. L’esecutivo ivoriano si è impegnato in tutti gli ambiti per migliorare le condizioni economiche, politiche e sociali del Paese;la rapida crescita della domanda interna (sia pubblica che privata) ha, inoltre, evidenziato le potenzialità per le imprese alla ricerca di nuovi mercati di sbocco.
Focus On 06 maggio 2024
SACE sarà presente a Cibus, a fianco delle imprese del settore agroalimentare per sostenerne la crescita attraverso diverse soluzioni. Le vendite estere di agroalimentare rappresentano oltre il 10% dell’export italiano. Lo scorso anno l’export di agroalimentare ha raggiunto ancora una volta un valore record pari a €64,4 miliardi, con un aumento del 6% circa. Prospettive positive anche per il 2024. Principale comparto di export sono le bevande, mentre i prodotti del Made in Italy più dinamici sono pasta e prodotti da forno, latte e formaggi e preparazioni di ortaggi e frutta. Le principali destinazioni per l’agroalimentare italiano sono le geografie europee e gli USA, mentre mercati meno presidiati ma molto dinamici sono India, Vietnam, Messico e Polonia. L'implementazione di sistemi digitali anche nel settore agroalimentare italiano può svolgere un ruolo chiave in termini di competitività internazionale, sostenibilità e ottimizzazione dei processi di produzione.