Scenari 23 dicembre 2009

Exploring new sources of demand

The financial crisis has affected the real economy, through a very sharp fall in international trade volumes. Italian exports has suffered such decline in global demand and has experienced an impressive contraction in 2009. However, in 2010-2011 period we forecast the dynamic of uor foreign sales to move back into positive ground.

The financial crisis has affected the real economy, through a very sharp fall in international trade volumes. Italian exports has suffered such decline in global demand and has experienced an impressive contraction in 2009.

SACE estimates the world economy to start recovering, although slowly, in the last quarter of the current year. The recovery will come from emerging markets first and then advanced economies will follow.

The pick-up in international trade is going to have a positive effect on Italian exports. We forecast the dynamic of our foreign sales to move back into positive ground in the 2010-2011 period in all markets and sectors. The value of the export of goods is expected to increase by 5.7%in average.

Exports of investment and intermediate goods will record the best performances, with average growth in sectors of both groups of almost 7%.

Asia will be the best performing area for the Italian exporters (+8.3%, in average in 2010-2011) but important opportunities will be also in Latin America.
 

Desideri ulteriori informazioni?
Compila il modulo e ti risponderemo al più presto.
Varie 14 giugno 2024
Tra gennaio e aprile le vendite italiane sono tornate in territorio positivo a +0,3%, beneficiando del supporto dei valori medi unitari (+1,5%) che ha più che compensato il calo dei volumi (-1,2%).
Varie 16 maggio 2024
Tra gennaio e marzo le vendite italiane oltreconfine hanno registrato un calo del 2,8%, determinato dall’intensa riduzione del dato in volume (-3,9%) e nonostante il supporto dei valori medi unitari (+1,2%).
Focus On 08 maggio 2024
In uno scenario economico africano tanto dinamico quanto ricco di sfide, la Costa d’Avorio si propone come Paese tra i più stabili e promettenti della regione subsahariana. Un’economia in rapida espansione ), un assetto politico-istituzionale relativamente solido , un contesto operativo aperto agli investimenti e che incentiva l’iniziativa imprenditoriale: questi gli ingredienti dell’agenda di Ouattara, presidente del Paese dal 2011, per rendere possibile l’obiettivo di rendere la Costa d’Avorio un Paese a medio reddito entro il 2030. L’esecutivo ivoriano si è impegnato in tutti gli ambiti per migliorare le condizioni economiche, politiche e sociali del Paese;la rapida crescita della domanda interna (sia pubblica che privata) ha, inoltre, evidenziato le potenzialità per le imprese alla ricerca di nuovi mercati di sbocco.