Working paper 14 maggio 2012

Country Risk. From theory to practice

Rather than aiming for a “one size fits all” index, SACE’s new approach breaks down country risk as much as possible to identify and analyze its different forms, manifestations, events.

The concept of country risk is not easily quantifiable and the difficulty of its measurement depends on the interaction of complex financial, economic, social and political variables. To condense all these variables into a single country risk index is not only impossible, but probably misleading. To understand country risk, there is no alternative other than a detailed and specific analysis. Rather than aiming for a “one size fits all” index, SACE’s new approach breaks down country risk as much as possible to identify and analyze its different forms, manifestations, events. This approach proposes that every economic agent (i.e., exporters, banks, contractors, and investors) seeks its own path along a specific interactive country risk map, depending on the risk they face (i.e., credit risk, regulatory risk, political violence risk), and identify the most relevant insurance and financial products that an Export Credit Agency like SACE provides.

Documenti

Desideri ulteriori informazioni?
Compila il modulo e ti risponderemo al più presto.
Varie 14 giugno 2024
Tra gennaio e aprile le vendite italiane sono tornate in territorio positivo a +0,3%, beneficiando del supporto dei valori medi unitari (+1,5%) che ha più che compensato il calo dei volumi (-1,2%).
Varie 16 maggio 2024
Tra gennaio e marzo le vendite italiane oltreconfine hanno registrato un calo del 2,8%, determinato dall’intensa riduzione del dato in volume (-3,9%) e nonostante il supporto dei valori medi unitari (+1,2%).
Focus On 08 maggio 2024
In uno scenario economico africano tanto dinamico quanto ricco di sfide, la Costa d’Avorio si propone come Paese tra i più stabili e promettenti della regione subsahariana. Un’economia in rapida espansione ), un assetto politico-istituzionale relativamente solido , un contesto operativo aperto agli investimenti e che incentiva l’iniziativa imprenditoriale: questi gli ingredienti dell’agenda di Ouattara, presidente del Paese dal 2011, per rendere possibile l’obiettivo di rendere la Costa d’Avorio un Paese a medio reddito entro il 2030. L’esecutivo ivoriano si è impegnato in tutti gli ambiti per migliorare le condizioni economiche, politiche e sociali del Paese;la rapida crescita della domanda interna (sia pubblica che privata) ha, inoltre, evidenziato le potenzialità per le imprese alla ricerca di nuovi mercati di sbocco.