Varie 07 dicembre 2023

Che rischio tira? III trimestre 2023

Ecco i risultati del Barometro, l’indicatore che assegna un punteggio da 1 a 9 (con 9 rischio massimo), relativi al terzo trimestre 2023.

Secondo il Barometro, l’indicatore SACE che monitora l’andamento dei settori italiani*, i rischi nella manifattura sono risultati relativamente stabili nel terzo trimestre del 2023 su base tendenziale, grazie alle dinamiche ancora favorevoli del fatturato nominale e dei prezzi in contrapposizione alle performance diffusamente negative della produzione, sui cui pesa l’inversione del ciclo industriale. Nel complesso i rischi per l’industria italiana sono risultati in peggioramento, pur rimanendo su livelli medi, frenati dall’aggregato estrattiva, energia e acqua, come riflesso della flessione delle quotazioni delle materie prime energetiche sui mercati internazionali osservata tra luglio e settembre.


Focus: Peggioramento

Legno, carta, stampa e mobili

Come va. Nel terzo trimestre del 2023 è proseguito il peggioramento del profilo di rischio, su base annua, per Legno, carta, stampa e mobili, che riflette in parte il confronto statistico con la performance del 2022.
Variabili chiave. Questo andamento è spiegato principalmente dalla dinamica non favorevole di produzione e fatturato nominale, e in misura minore delle sofferenze bancarie il cui punteggio, in aumento, rimane comunque relativamente contenuto.
Prospettive. L’indice di fiducia delle imprese italiane dell’aggregato rimane in territorio negativo, a causa soprattutto delle attese su produzioni e nuovi ordini nei prossimi mesi. Le attese per il prossimo anno restano orientate alla cautela, in uno scenario di incertezza per la domanda globale e nazionale. 

Estrattiva, raffinati, energia e acqua

Come va. Tra luglio e settembre di quest’anno, l’aggregato ha registrato l’incremento tendenziale maggiore, presentando il profilo di rischio più alto nel nostro Barometro settoriale.
Variabili chiave. A incidere sull’aumento della rischiosità figurano il fatturato e i prezzi alla produzione, come riflesso della normalizzazione delle quotazioni internazionali delle materie prime sottostanti, rispetto ai picchi del 2022.
Prospettive. L’indice del clima di fiducia delle imprese di raffinazione è tornato a crescere tra ottobre e novembre, dopo il calo dei mesi precedenti. In generale, le attese sul settore dipenderanno dell’evoluzione delle tensioni geopolitiche, che potrebbero incidere sui prezzi delle commodity energetiche.

Focus: Miglioramento

Agricoltura e alimentari

Come va. Nel terzo trimestre l’indice ha segnato un lieve calo tendenziale, proseguendo il graduale miglioramento in corso da diversi mesi e che ha portato l’aggregato a posizionarsi tra i settori meno rischiosi tra i 18 considerati nel Barometro.
Variabili chiave. Ad ottenere i punteggi più contenuti sono state le componenti di fatturato, prezzi e demografia d’impresa. Di contro, la dinamica della produzione è risultata meno favorevole, a cui si è aggiunto anche un profilo relativamente più rischioso per le sofferenze bancarie.
Prospettive. Tra ottobre e novembre, l’indice del clima di fiducia delle imprese del settore è risultato in aumento, trainato dai giudizi sugli ordini che, pur restando negativi, sono miglioramenti significativamente. Secondo Prometeia, nel prossimo biennio i consumi sono attesi crescere modestamente sul mercato domestico, mentre le vendite sui mercati esteri saranno più brillanti.

Meccanica strumentale

Come va. Tra luglio e settembre 2023 si è osservata una riduzione non trascurabile della rischiosità relativa alla meccanica strumentale, rispetto a un anno prima, a conferma del buono stato di salute di uno dei settori principali dell’industria italiana.
Variabili chiave. Il calo è stato trainato prevalentemente dai prezzi alla produzione, il cui punteggio di rischio è diminuito in misura marcata rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, favorendo al contempo anche un miglioramento per la componente di fatturato a valori correnti.

Prospettive. Il settore beneficerà degli investimenti attesi in macchinari e attrezzature, sostenuti dalla risorse del PNRR, in particolare quelli relativi alla transizione green e digitale.

 

Commercio all’ingrosso di altri prodotti

Come va. Il rischio calcolato per il settore del commercio all’ingrosso di altri prodotti è risultato in lieve flessione nel terzo trimestre del 2023 su base tendenziale, pur rimanendo indietro nella classifica del Barometro (ossia rischio medio-alto).
Variabili chiave. Sulla dinamica ha inciso, in particolare, il punteggio relativamente contenuto associato al fatturato, in contrapposizione a quelli ancora alti ottenuti dalla demografia d’impresa e delle sofferenze bancarie.
Prospettive. Tra i fattori positivi che potrebbero determinare un miglioramento figura il dissolversi delle criticità lungo le Catene Globali del Valore, spinto dalla forte flessione dei costi di trasporto.

* Il Barometro assegna un punteggio da 1 a 9, con 9 rischio massimo.

Per i risultati di tutti e 18 i settori analizzati (+2 aggregati) e la nota metodologica, scarica il PDF.

Desideri ulteriori informazioni?
Compila il modulo e ti risponderemo al più presto.
Varie 15 febbraio 2024
Nel 2023 il valore dell’export italiano è rimasto stazionario rispetto all’anno precedente. L’aumento dei valori medi unitari (+5,3%) è stato pienamente compensato da una riduzione, ben superiore alle attese, del dato in volume (-5,1%).
Focus On 14 febbraio 2024
Dopo una crescita vivace nello scorso anno, nel 2024 l'export italiano di servizi è previsto in ulteriore aumento del 4,6% grazie al maggior ruolo che sta assumendo il Terziario nel commercio con l'estero, anche nei Paesi emergenti. Per accrescere la produttività dei servizi italiani vi sono diverse leve su cui poter agire tra cui una maggiore crescita degli investimenti tecnologici, inclusi quelli in digitalizzazione e IA, e una formazione sia continua che specifica sul posto di lavoro.
Varie 15 gennaio 2024
Tra gennaio e novembre 2023 l’export in valore è aumentato dello 0,7% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. L’andamento continua a essere determinato dalla crescita dei valori medi unitari (+5,6%), a fronte della decisa, e superiore alle attese, flessione dei volumi (-4,6%).