Studi Varie 04 dicembre 2020

Che rischio tira? III trimestre 2020

SACE aggiorna il Barometro con i dati relativi al terzo trimestre 2020. Questo indicatore assegna un punteggio da 1 a 9, con 9 rischio massimo.

Secondo il Barometro, l’indicatore SACE che monitora l’andamento dei settori italiani*, i rischi nella manifattura sono rimasti sostanzialmente stabili nel terzo trimestre dell’anno, rispetto sia allo stesso periodo del 2019 sia su base congiunturale. Il miglioramento di alcuni comparti, tra cui legno e metalli, ha compensato il peggioramento osservato nei settori tradizionali del Made in Italy, in particolare quello delle pelli e calzature che fatica ad agganciare la ripresa. Nel complesso i rischi nell’industria italiana sono risultati in lieve aumento su base tendenziale, riconducibili al peggioramento rilevato per il settore dell’estrattiva e dei prodotti raffinati, su cui continua a pesare la debolezza della domanda.

 cruscotto
 

Focus on Up

 

LEGNO, CARTA, STAMPA E MOBILI

  legno

 

Come va. Nel terzo trimestre del 2020, il settore si posiziona tra quelli con profilo di rischio più basso e il miglioramento più intenso – tra i 18 considerati dal nostro Barometro – rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

 

Variabili chiave. La riduzione del rischio è spiegata dal miglioramento della produzione, accompagnato da una marcata accelerazione del fatturato nei comparti legno e mobili.

 

Prospettive. A settembre i nuovi ordinativi continuano ad accelerare, a un ritmo vivace per legno e mobili (+9,1% e +22,9% a/a rispettivamente), grazie sia al mercato domestico sia estero, ma più moderato per la carta (+1,7%).


 
 

PRODOTTI IN METALLO

metalli

 

 

Come va. Il settore si posiziona tra i meno rischiosi, favorito dal miglioramento rilevato nel terzo semestre dell’anno su base tendenziale.

Variabili chiave. L’andamento favorevole delle sofferenze bancarie, che continuano a ridursi a ritmi sostenuti, ha contribuito alla performance osservata, sostenuta anche dalla tenuta dei prezzi.

 

Prospettive. A settembre i nuovi ordinativi avanzano, sebbene a un ritmo minore (+1,5% a/a), trainati dalla domanda estera (+6,4% a/a). La tenuta congiunturale del settore delle costruzioni favorisce inoltre la domanda per i metalli.

 

 

Focus on Down

 

ESTRATTIVA, RAFFINATI, ENERGIA, ACQUA

 
estrattiva 

 

Come va. Il settore registra un lieve aumento dell’indice di rischiosità rilevato dal Barometro nel terzo trimestre del 2020, rispetto a un anno prima.

Variabili chiave. Fatturato e prezzi continuano a gravare pesantemente sul profilo di rischio, condizionati dalla profonda recessione economica mondiale che si riflette in una domanda particolarmente debole per il comparto raffinati.

 

Prospettive. La risalita del prezzo del petrolio registrata verso fine novembre, in concomitanza con i segnali positivi sulla ricerca di vaccini, rappresenta un primo cauto segnale di ripresa.

 

TESSILE E ABBIGLIAMENTO

 tessile

 
Come va. Anche nel terzo trimestre del 2020, il settore tessile-abbigliamento si conferma a rischio alto, sebbene il peggioramento osservato su base annua sia stato trascurabile.

 

Variabili chiave. Ha contribuito al lieve deterioramento la stagnazione dei prezzi; per contro, il fatturato – sebbene ancora in calo – ha segnato una contrazione tendenziale ben inferiore a quella registrata nei due trimestri precedenti.

Prospettive. A settembre la vivacità dei nuovi ordinativi nel comparto abbigliamento (+10,5% a/a, grazie soprattutto all’export) si contrappone al dato stazionario rilevato per il tessile (+0,0%), dove pesa invece il calo degli ordini dall’estero.

 

PELLI E CALZATURE

 pelli

 

 

 

Come va. Il settore pelli-calzature si conferma fanalino di coda tra quelli considerati nel nostro Barometro, sia in termini di posizionamento sia di peggioramento dell’indice di rischiosità.

 

Variabili chiave. L’andamento sfavorevole della demografia d’impresa ha contribuito al deterioramento, contestualmente di produzione e fatturato che continuano a rappresentare i principali fattori al ribasso per il settore.

Prospettive. I dati sui nuovi ordinativi di settembre non sono incoraggianti, segnalando il persistere di difficoltà del settore (-7,6% a/a a causa soprattutto della domanda domestica).

 

 

* Il Barometro assegna un punteggio da 1 a 9, con 9 rischio massimo.

 

 

Per i risultati di tutti e 18 i settori analizzati (+2 aggregati) e la nota metodologica, scarica il PDF.

Desideri ulteriori informazioni?
Compila il modulo e ti risponderemo al più presto.
Varie 12 agosto 2022
Tra gennaio e giugno le vendite italiane oltreconfine sono risultate in crescita del 22,4% rispetto ai primi sei mesi del 2021. Prosegue il forte rialzo dei valori medi unitari (+20,1%), mentre la componente dei volumi è cresciuta a un ritmo molto più modesto (+2%).
Sasso nello stagno 04 agosto 2022
Dall’inizio del nuovo secolo i mercati emergenti della regione Asia Pacifico (APAC) hanno rappresentato il principale traino della crescita mondiale risultando al contempo responsabili della produzione di circa la metà delle emissioni globali di CO2. Il percorso di decarbonizzazione rappresenta una sfida particolarmente rilevante per le economie dell’area e richiederà, dunque, un impegno concreto e continuo da parte dei governi asiatici, soprattutto per Cina e India. La transizione green nella regione asiatica rappresenta una importante opportunità di export di tecnologie per l’energia da fonti rinnovabili (FER) per l’industria italiana.
Focus On 01 agosto 2022
“The time is now”: l’eccezionale disponibilità di ingenti risorse Ue rappresenta per l’Italia un’occasione unica per rafforzare il suo sistema infrastrutturale. L’obiettivo dell’analisi è di fornire un quadro del settore delle infrastrutture in Italia, con uno sguardo al recente passato (2008-21) e, soprattutto, al futuro più o meno prossimo (2021-31), descrivendo lo stato dell’arte (con uno spaccato dei suoi comparti: strade; porti, aeroporti e ferrovie; elettricità e gas; acqua e gestione rifiuti; altri), anche rispetto ai principali peer europei. Alla luce dei programmi d’investimento nazionali finanziati anche con le risorse Next Generation EU e di altri programmi adottati a livello globale, sono altresì esaminate le opportunità di crescita, dentro e fuori i confini nazionali, per le imprese italiane operanti nel settore.