Varie 16 luglio 2021

Che export tira? Maggio 2021

Nei primi cinque mesi del 2021 l'export italiano di beni registra un'ampia crescita (+23,9% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente). L’andamento beneficia, in particolare, del confronto con aprile e maggio dello scorso anno, i mesi di picco delle restrizioni legate all’emergenza pandemica globale e in cui le esportazioni hanno toccato i loro livelli minimi.

1. Il mese di riferimento

La congiuntura. Per la prima volta da inizio anno l’export registra una flessione congiunturale (-2,0% vs. apr‘21), dovuta al calo nei Paesi extra-Ue a fronte della stabilità in quelli Ue (-4,0% e 0,0% rispettivamente); rimane positivo invece il dato trimestrale (+6,1% mar-mag‘21 vs. dic’20-feb’21).

Il trend. Anche in maggio il ritmo di crescita tendenziale è sostenuto (+41,9% mag’21 vs. mag’20), sebbene decisamente inferiore rispetto a quello di aprile (+97,6% apr‘21 vs. apr‘20).

Contesto globale. Rispetto a maggio 2020, continua l’effetto base favorevole con una crescita diffusa ai principali mercati e settori, esclusa la farmaceutica.

 

2. Come sta andando nei primi cinque mesi

Tra gennaio e maggio 2021 si osserva un’ampia crescita per l’export italiano di beni (+23,9% vs. gen-mag’20). L’andamento beneficia, in particolare, del confronto con aprile e maggio dello scorso anno, i mesi  di picco delle restrizioni legate all’emergenza pandemica globale e in cui le esportazioni hanno toccato i loro livelli minimi.

 

2.1. Dentro e fuori l’Unione Europea

Nei primi cinque mesi dell’anno i Paesi Ue continuano a registrare una crescita sostenuta (+25,4%). La performance è molto positiva per Polonia (+39,0%), Paesi Bassi (+34,2%) e Spagna (+28,8%). Minore la crescita verso il Belgio (+16,5%), che nello stesso periodo lo scorso anno si era mantenuto positivo.

Buona dinamica anche nei Paesi extra-Ue (+22,3%), grazie alla crescita marcata di partner quali Cina (+55,3%), Mercosur (+42,2%) e India (+35,3%). In miglioramento, ma ancora sotto la media, la performance di Giappone (+15,1%), Stati Uniti (+11,2%) e Regno Unito (+9,8%).

 

2.2. Focus Paesi

Tra gennaio e maggio del 2021, si evidenziano performance favorevoli per l’export di autoveicoli verso Cina, Francia, e Regno Unito (nell’ordine +167,4%, +75,3% e +53,4%). Marcata la crescita anche per il comparto dei mobili, che segna un +59,8% verso Parigi, +57,0% verso Pechino e +51,6% verso Londra (ben al di sopra della crescita dell’export complessivo verso tale mercato). In positivo verso le prime due geografie anche le vendite di articoli in pelle (+110,3% in Cina e +41,8% in Francia), a fronte di un calo importante di questi beni sul mercato inglese (-18,8%).

  

2.3. Focus industrie e settori

A livello di raggruppamenti principali di industrie, rimangono in forte crescita i beni strumentali (+32,2% rispetto a gen-mag’20), che beneficiano in larga misura del confronto con un anno di sostanziale blocco degli investimenti da parte delle imprese.

Anche i beni intermedi mostrano un aumento marcato (+24,2%) e sono anzi l’unico raggruppamento (al netto dell’energia) a crescere anche su base congiunturale (+1,1% rispetto ad aprile 2021). Incremento a doppia cifra anche per i beni di consumo (+17,0%). La ripresa è tuttavia ancora contenuta per i beni non durevoli (+10,8%) – dove il comparto della farmaceutica risulta ancora in calo – a fronte della forte performance dei beni durevoli (+56,1%).

I mezzi di trasporto registrano un’ampia e diffusa crescita, soprattutto in Paesi Ue quali Spagna (+55,8%) e Germania (+43,7%), dove a trainare è la componente dell’automotive.

Marcato anche l’incremento dei metalli e prodotti in metallo determinato da una significativa ripresa della domanda all’interno del Mercato Unico (+47,9%), specie in Germania (+55,9%), a fronte di una crescita più contenuta verso i Paesi extra-Ue (+10,0%).

Ancora relativamente contenuto l’aumento per alimentari e bevande, che sono rimasti in positivo nel 2020 e non beneficiano quindi di un effetto base favorevole. Buona soprattutto la dinamica verso gli Stati Uniti (+14,2%).

 

Scarica il documento!

 

Desideri ulteriori informazioni?
Compila il modulo e ti risponderemo al più presto.
Varie 17 novembre 2022
Nei primi nove mesi del 2022 le esportazioni italiane sono cresciute del 21,1% rispetto allo stesso periodo del 2021. Si conferma prevalente il sostegno dato dai valori medi unitari (+20,3%), mentre l’incremento dei volumi è modesto (+0,7%).
Focus On 08 novembre 2022
La politica zero-covid e un Pil nell’ultimo decennio cresciuto a un ritmo sostanzialmente inferiore a quello registrato nelle due decadi precedenti sono segnali di un rallentamento dell'economia del Dragone. Quali effetti per lo sviluppo dei sistemi produttivi dei principali mercati emergenti dell’Asia? E quali per le imprese italiane?
Sasso nello stagno 07 novembre 2022
Al di là dell’Atlantico non è la guerra in Ucraina a preoccupare maggiormente, ma l’inflazione, i rischi di una recessione, l’immigrazione e la crescente criminalità. Tutti temi al centro delle prossime elezioni di Midterm americane. Al di qua dell'Atlantico ci saranno i riflessi delle politiche, soprattutto monetarie, di Washington. Con un cambio sotto la parità, come si muoverà l'export italiano verso gli USA? Quali opportunità per le nostre imprese esportatrici?