Varie 11 agosto 2017

Che export tira? - Giugno

Nel quadro di una ripresa globale degli scambi (oltre il 4% la crescita, in volume, nei primi cinque mesi del 2017), l’export italiano viaggia a ritmi nettamente superiori alle attese: +8%, in valore, nel primo semestre dell’anno. L’euro forte, atteso a quota 1,20 dollari entro la fine del 2017, e le tensioni che stanno interessando alcune geografie, non hanno arrestato la corsa del Made in Italy.

Nel quadro di una ripresa globale degli scambi (oltre il 4% la crescita, in volume, nei primi cinque mesi del 2017), l’export italiano viaggia a ritmi nettamente superiori alle attese: +8%, in valore, nel primo semestre dell’anno. L’euro forte, atteso a quota 1,20 dollari entro la fine del 2017, e le tensioni che stanno interessando alcune geografie, non hanno arrestato la corsa del Made in Italy.

 

In aumento l’export verso i Paesi Ue (+7,2%). Ottimo andamento delle vendite in Polonia (+13,1%), Romania (+12,1%), Spagna (+11,9%) e Rep. Ceca (+8,2%).

 

L’area extra-Ue segna un +9,1%, con Cina (+28,4%), Russia (+24,5%), Mercosur (+19%) e Paesi Asean (+17,8%) a fare da traino.

 

Nel trimestre aprile-giugno 2017 si è assistito a un incremento delle esportazioni dello 0,6% rispetto al trimestre precedente, grazie alla buona performance nell’area Ue. A giugno, rispetto a maggio, si è invece registrato un calo dell’1%.

 

L’export verso il Giappone cresce dell’11% grazie al forte aumento delle vendite di beni della meccanica strumentale e di alimentari e bevande. Quest’ultimo settore, insieme al comparto chimico-farmaceutico, traina l’export verso l’India (+10%). Ottima performance delle esportazioni negli Stati Uniti (+9,9%), con automotive, beni della meccanica strumentale e prodotti chimico-farmaceutici tra i più richiesti.

 

Analizzando l’andamento delle esportazioni delle principali industrie, si rileva una certa omogeneità in termini di performance: beni di consumo (+6,8%); strumentali (+6,9%); intermedi (+7,5%).
Unica eccezione per il raggruppamento dell’energia che, seppur residuale in termini di peso sul totale, sta contribuendo al buon andamento delle esportazioni italiane grazie a una crescita di circa il 47%.
Tra i beni di consumo, i non durevoli hanno fatto segnare un +7,3%, i durevoli, +4,7%.

 

In forte accelerazione l’export dei prodotti chimico-farmaceutici sia nell’area Ue (soprattutto in Francia, Spagna e Regno Unito) che nell’area extra-Ue (in particolare in India, Russia e Stati Uniti). I principali mercati asiatici (Cina, India e Giappone) trainano invece le vendite nel settore alimentare, insieme a Spagna e Russia.
Il comparto autoveicoli continua a crescere a ritmi vicini al 20%. Buon andamento anche dei settori della metallurgia (+7,8%), degli apparecchi elettrici (+6,5%) e della meccanica strumentale (+6,4%).

Desideri ulteriori informazioni?
Compila il modulo e ti risponderemo al più presto.
Focus On 08 luglio 2024
L’Africa guarda al futuro con lo slancio di una regione che, dopo anni non facili, mira a essere la prossima protagonista della crescita globale. Pur con le consuete, profonde differenze tra gli oltre 50 Paesi che compongono il continente africano, si evidenziano segnali positivi provenienti da mercati di interesse per le nostre imprese.
Rapporto Export 25 giugno 2024
Il Doing Export Report è la pubblicazione annuale curata dall'Ufficio Studi di SACE che analizza i principali trend e le previsioni dell'export mondiale. Questa guida pratica aiuta le imprese italiane a evolversi, presidiare il mercato e intercettare opportunità in un contesto internazionale complesso, ma relativamente positivo.
Varie 14 giugno 2024
Tra gennaio e aprile le vendite italiane sono tornate in territorio positivo a +0,3%, beneficiando del supporto dei valori medi unitari (+1,5%) che ha più che compensato il calo dei volumi (-1,2%).