Varie 17 gennaio 2018

Che export tira? - Novembre 2017

L’ottima performance dell’export italiano del mese di novembre (+9,7% rispetto al novembre del 2016) porta la media dei primi 11 mesi al +7,9%. Con il solo dato di dicembre ancora da svelare, il 2017 chiuderà con il miglior risultato dal 2011 (quando le esportazioni segnarono un +11,4%): un risultato trainato in primo luogo dai Paesi dell’area extra-Ue.

L’ottima performance dell’export italiano del mese di novembre (+9,7% rispetto al novembre del 2016) porta la media dei primi 11 mesi al +7,9%. Con il solo dato di dicembre ancora da svelare, il 2017 chiuderà con il miglior risultato dal 2011 (quando le esportazioni segnarono un +11,4%): un risultato trainato in primo luogo dai Paesi dell’area extra-Ue.

 

 

L’export verso i Paesi Ue è cresciuto del 7,1%. Sopra la media Polonia, Rep. Ceca e Spagna, dove si sono registrati incrementi delle vendite superiori al 10%. Bene anche Germania (+6,2%) e Francia (+5,4%).

 

 

Le vendite di beni dirette ai mercati extra-Ue hanno mostrato la dinamica più vivace (+8,9%), con incrementi superiori al 20% in Cina e Russia.

 

 

Nel trimestre settembre-dicembre 2017 si è assistito a un aumento delle esportazioni pari al 2,9% in termini congiunturali. A novembre, rispetto a ottobre, la crescita è stata del 2,1%.

 

 

L’export italiano sta registrando ottimi risultati nei Paesi Asean (+13,1%) grazie al forte incremento delle vendite di beni nei settori dell’elettronica, dei mezzi di trasporto e della farmaceutica. Quest’ultimo settore, insieme a quello metallurgico e al comparto autoveicoli, sta trainando anche le vendite verso gli Stati Uniti (+9%). Le esportazioni verso i Paesi OPEC rimangono ancora in territorio negativo (-6,8%).

 

 

Dal lato dei principali raggruppamenti, l’export di beni intermedi registra la dinamica migliore (+7,8%). Seguono i beni di consumo (+7%) e i beni strumentali (+6,6%). Questi ultimi stanno beneficiando dei segnali di ripresa degli investimenti a livello globale.

Il raggruppamento dell’energia, pur se residuale in termini di peso sul totale export, continua a fornire un contributo positivo, grazie a una crescita vicina al 40%.

Tra i beni di consumo, i non durevoli hanno fatto segnare un +7,3%, i durevoli, +5,3%.

 

 

Sono i settori non tipici di specializzazione a trainare l’export italiano nel 2017.

Tra questi, il comparto degli autoveicoli ha segnato una crescita del 13%, con brillanti performance nei Paesi extra-Ue (es. Cina, Russia e Stati Uniti).

Tra i «top performer» troviamo un altro settore non tradizionale: la farmaceutica. Sono in forte aumento le vendite verso Spagna, Regno Unito e Stati Uniti.

Tra i settori tradizionali, l’export di alimentari e bevande è in linea con la media nazionale (+7,9%): ottimo andamento in Francia, Spagna e Giappone.

Desideri ulteriori informazioni?
Compila il modulo e ti risponderemo al più presto.
Varie 15 febbraio 2024
Nel 2023 il valore dell’export italiano è rimasto stazionario rispetto all’anno precedente. L’aumento dei valori medi unitari (+5,3%) è stato pienamente compensato da una riduzione, ben superiore alle attese, del dato in volume (-5,1%).
Focus On 14 febbraio 2024
Dopo una crescita vivace nello scorso anno, nel 2024 l'export italiano di servizi è previsto in ulteriore aumento del 4,6% grazie al maggior ruolo che sta assumendo il Terziario nel commercio con l'estero, anche nei Paesi emergenti. Per accrescere la produttività dei servizi italiani vi sono diverse leve su cui poter agire tra cui una maggiore crescita degli investimenti tecnologici, inclusi quelli in digitalizzazione e IA, e una formazione sia continua che specifica sul posto di lavoro.
Varie 15 gennaio 2024
Tra gennaio e novembre 2023 l’export in valore è aumentato dello 0,7% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. L’andamento continua a essere determinato dalla crescita dei valori medi unitari (+5,6%), a fronte della decisa, e superiore alle attese, flessione dei volumi (-4,6%).