Update Espresso 16 marzo 2018

Update Espresso: 16 marzo 2018

Leggi il nuovo Update Espresso su Colombia, Indonesia, Corea del Sud, Grecia e farmaceutico in Turchia

 

Ogni settimana, insieme a una sintesi delle principali news su Paesi e settori, i nostri economisti a turno prenderanno un caffè insieme a voi commentando con un video la notizia più importante della settimana per indirizzarvi verso le migliori opportunità per il Made in Italy e darvi sempre il nostro punto di vista sul mondo che cambia.

 

Clicca qui per iscriverti e ricevere tutte le settimane l'Update Espresso di SACE>>

 

 

 

PAESI

 

 

COLOMBIA: Elezioni politiche ai conservatori, ma senza maggioranza

Il partito conservatore Centro Democratico, guidato dall’ex presidente Álvaro Uribe, ha vinto le elezioni dell’11 marzo, le prime a cui hanno partecipato le Farc, l’ex gruppo rivoluzionario che ha a lungo combattuto le istituzioni del Paese, senza però ottenere la maggioranza dei seggi in Parlamento. Va notato come le operazioni di voto si siano svolte regolarmente, senza gli episodi di violenza che avevano contraddistinto le elezioni colombiane negli ultimi anni.

Pur senza maggioranza, il risultato ottenuto da Uribe ha un significato importante data la storica opposizione dell’ex Presidente alla stipula di accordi di pace con le Farc: il popolo colombiano si è mostrato, dunque, diviso sul tema, anche perché le morti attribuite agli ex rivoluzionari ammontano a circa 250.000 negli oltre 50 anni di attività. Il prossimo appuntamento elettorale è fissato per il 27 maggio, quando si voterà la presidenza del Paese.   

 

 

INDONESIA: Limite al prezzo del carbone

Il Governo indonesiano ha deciso di imporre un limite di 70 dollari a tonnellata al prezzo del carbone acquistato dalle centrali elettriche del Paese. La misura, che ha valore retroattivo al 1 gennaio del 2018 e resterà in vigore fino alla fine del 2019, è stata introdotta per ridurre i costi della centrale pubblica Perusahaan Listrik Negara (PLN), che genera e distribuisce la maggior parte dell’energia nazionale, e per contenere quelli sostenuti dai consumatori.

I corsi azionari delle imprese indonesiane operanti nel settore estrattivo sono stati colpiti negativamente dalla decisione di slegare il prezzo del carbone da quello di mercato. Il Governo ha quindi deciso di controbilanciare tale misura promettendo un incremento del 10% della quota di produzione per le imprese fornitrici di PLN nel 2018.

 

 

COREA DEL SUD: Protezionismo Usa minaccia export

L’export sudcoreano, fattore trainante della crescita economica del Paese che nel 2017 ha raggiunto il 3,1% (il massimo da tre anni), si trova ora minacciato dalle politiche protezioniste Usa, secondo mercato di destinazione dopo la Cina. Dopo aver introdotto dazi sulle importazioni di pannelli solari e lavatrici nel mese di gennaio, Trump ne ha approvati altri sulle importazioni di alluminio e acciaio la settimana scorsa.

Le misure introdotte sono, al momento, piuttosto limitate e interessano una piccola parte delle esportazioni di Seul: sebbene la Corea del Sud sia risultata il terzo esportatore diretto di acciaio negli Usa nel 2017, parliamo di una attività comunque limitata allo 0,2% del Pil, che si riduce ulteriormente se si guarda al commercio di pannelli solari, alluminio e lavatrici. Il rischio, però, è che queste misure si estendano ad altri beni quali i veicoli, i prodotti dell’elettronica e i macchinari, che nel complesso rappresentano circa il 3,2% del Pil coreano.   

 

 

GRECIA: NPE in calo, ma banche ancora vulnerabili

Nel 2017 il settore bancario greco ha registrato alcuni progressi: un moderato calo dello stock di esposizioni deteriorate (NPE, non performing exposure), un lieve recupero della redditività operativa e una graduale diversificazione delle fonti di finanziamento. Nel quarto trimestre dell’anno scorso si è registrata un’accelerazione nel ritmo di riduzione dello stock di NPE, che rimane però ancora molto elevato (secondo i dati provvisori si attesterebbe intorno ai 95 miliardi di euro). Le banche stanno rispettando un calendario prestabilito per ridurre gradualmente questo stock di circa il 37% entro dicembre 2019, ovvero da 101,8 miliardi di euro di giugno 2017 a 64,6 miliardi.

Nonostante i progressi, il sistema finanziario nazionale rimane vulnerabile a shock macroeconomici e finanziari. Le banche inoltre si troveranno di fronte a nuove sfide nel 2018, in particolare all'attuazione dell'International Financial Reporting Standard 9 (IFRS9) e lo stress test a livello Ue che sarà condotto dalla Bce.

 

 

SETTORI

 

 

FARMACEUTICO: A rischio l’export in Turchia

Il Governo turco prosegue nell’aggressivo piano di localizzazione della produzione farmaceutica, avviato nel 2015 con la rimozione di alcuni medicinali esteri dalla lista dei rimborsi, in contrasto con le regole della WTO per cui i beni importati e prodotti localmente devono essere trattati allo stesso modo. Il de-listing è proseguito per tutto il 2017 e si prevedono tre nuove ondate nei prossimi mesi. Oltre alle misure discriminatorie, altre barriere compromettono l’accesso al mercato degli operatori esteri: scarsa trasparenza delle politiche di prezzo, debole applicazione del copyright e ritardi nelle procedure di approvazione.

Tuttavia, la Turchia resta uno dei mercati del farmaco più attraenti grazie al profilo demografico ed epidemiologico della popolazione e alla spinta del Governo. Tra gli obiettivi al 2023: produzione locale per 23,3 miliardi di dollari (5 miliardi nel 2011), esportazioni per 7,3 miliardi (890 milioni nel 2011), bilancia commerciale positiva superiore a 1 miliardo (disavanzo di 4 miliardi nel 2011).

 

 

 

I NUMERI DELLA SETTIMANA:

 

 

80% Peso dell’export europeo di farmaci in valore sul totale mondo nel 2016
15 Numero di paesi esportatori di farmaci che rappresentano quasi i nove decimi dell’export globale
Posizione dell’Italia come esportatore mondiale di farmaci nel 2016

 

 

MODIFICHE AL RATING:

 

TURCHIA: Moody’s da Ba1 a Ba2
VENEZUELA: Moody’s da Caa3 a C

 

Documenti

Desideri ulteriori informazioni?
Compila il modulo e ti risponderemo al più presto.
Varie 16 maggio 2024
Tra gennaio e marzo le vendite italiane oltreconfine hanno registrato un calo del 2,8%, determinato dall’intensa riduzione del dato in volume (-3,9%) e nonostante il supporto dei valori medi unitari (+1,2%).
Focus On 08 maggio 2024
In uno scenario economico africano tanto dinamico quanto ricco di sfide, la Costa d’Avorio si propone come Paese tra i più stabili e promettenti della regione subsahariana. Un’economia in rapida espansione ), un assetto politico-istituzionale relativamente solido , un contesto operativo aperto agli investimenti e che incentiva l’iniziativa imprenditoriale: questi gli ingredienti dell’agenda di Ouattara, presidente del Paese dal 2011, per rendere possibile l’obiettivo di rendere la Costa d’Avorio un Paese a medio reddito entro il 2030. L’esecutivo ivoriano si è impegnato in tutti gli ambiti per migliorare le condizioni economiche, politiche e sociali del Paese;la rapida crescita della domanda interna (sia pubblica che privata) ha, inoltre, evidenziato le potenzialità per le imprese alla ricerca di nuovi mercati di sbocco.
Focus On 06 maggio 2024
SACE sarà presente a Cibus, a fianco delle imprese del settore agroalimentare per sostenerne la crescita attraverso diverse soluzioni. Le vendite estere di agroalimentare rappresentano oltre il 10% dell’export italiano. Lo scorso anno l’export di agroalimentare ha raggiunto ancora una volta un valore record pari a €64,4 miliardi, con un aumento del 6% circa. Prospettive positive anche per il 2024. Principale comparto di export sono le bevande, mentre i prodotti del Made in Italy più dinamici sono pasta e prodotti da forno, latte e formaggi e preparazioni di ortaggi e frutta. Le principali destinazioni per l’agroalimentare italiano sono le geografie europee e gli USA, mentre mercati meno presidiati ma molto dinamici sono India, Vietnam, Messico e Polonia. L'implementazione di sistemi digitali anche nel settore agroalimentare italiano può svolgere un ruolo chiave in termini di competitività internazionale, sostenibilità e ottimizzazione dei processi di produzione.