Update Espresso 16 febbraio 2018

Update Espresso: 16 febbraio 2018

Leggi il nuovo Update Espresso su Libano, Thailandia, Uzbekistan, Germania e agribusiness in Brasile

 

Ogni settimana, insieme a una sintesi delle principali news su Paesi e settori, i nostri economisti a turno prenderanno un caffè insieme a voi commentando con un video la notizia più importante della settimana per indirizzarvi verso le migliori opportunità per il Made in Italy e darvi sempre il nostro punto di vista sul mondo che cambia.

 

Clicca qui per iscriverti e ricevere tutte le settimane l'Update Espresso di SACE>>

 

 

 

PAESI

 

 

LIBANO: Allerta debito

Secondo le ultime analisi del Fmi, il debito pubblico del Libano, già al 150% del Pil, è su una traiettoria insostenibile. Il mix di bassa crescita, costo del finanziamento in aumento e ampio deficit fiscale rendono probabile un ulteriore aumento fino al 180% nel prossimo quinquennio.

Gli interventi necessari per fermare la corsa del debito sono nell’ordine del 5% del Pil annuo tra riduzione della spesa e aumento delle entrate. Tra le misure necessarie più urgenti vi è quella dei sussidi sulle utility. Altro fattore negativo è la passività strutturale nei conti con l’estero. In passato tale vulnerabilità era compensata dai flussi di capitali depositati nel sistema bancario libanese, flusso però in rallentamento. Per consentire una maggiore crescita economica, le autorità libanesi intendono avviare un piano di investimenti da 16 miliardi di dollari in 10 anni, da finanziarsi attraverso il supporto della Banca Mondiale e altre fonti su base concessionale.

 

 

THAILANDIA: Nuove leggi per attrarre IDE

L’Assemblea Legislativa Nazionale thailandese ha approvato la settimana scorsa un progetto di legge per facilitare gli investimenti nel Eastern Economic Corridor (EEC), un’area industriale in fase di sviluppo sita nella costa est e che svolge un ruolo chiave nell’economia del Paese. Le aspettative del Governo sono di ricevere circa 45 miliardi di dollari nell’arco di 5 anni.

Le nuove leggi introdotte creeranno un clima più favorevole agli investitori attraverso particolari esenzioni fiscali, un regime di visti più morbido e la possibilità di affittare terreni per la durata di 99 anni. Entro la metà del 2018 è anche attesa l’entrata in vigore di un piano di strategia nazionale ventennale che vincolerà, di fatto, anche i futuri governi civili al rispetto delle politiche pro-mercato tracciate lo scorso anno dal Consiglio Nazionale di Pace e Ordine a guida militare.

 

 

UZBEKISTAN: Approvate facilitazioni per import

Il presidente uzbeko Myrzyoyev ha approvato un pacchetto di misure mirate a facilitare le importazioni di alcuni beni da parte di operatori locali. Le riforme, che si inseriscono in un generale e lento processo di apertura del Paese verso i mercati esteri, aboliscono alcune restrizioni alle importazioni di diversi prodotti (in particolare del comparto agroalimentare). Altre riforme simili, adottate con l’obiettivo di agevolare i pagamenti in valuta forte verso l’estero, erano state introdotto alla fine del 2017, contemporaneamente ad un allentamento delle procedure burocratiche per l’ingresso nel Paese da parte di cittadini esteri.

Myrzyoyev, eletto dopo la presidenza trentennale di  Karimov, ha annunciato a inizio mandato di voler riformare il Paese, mirando a una maggiore distensione del clima politico interno (sono stati rilasciati diversi prigionieri politici e rimossi esponenti chiave dei precedenti governi) e di integrazione con i mercati internazionali.

 

 

GERMANIA: Sarà di nuovo Grosse Koalition?

A oltre quattro mesi dalle elezioni, Spd e Cdu hanno trovato un accordo per formare il nuovo Governo. Per ottenere il quarto mandato consecutivo, Angela Merkel ha dovuto concedere all’Spd due dei principali ministeri, quello delle finanze e degli esteri. Ciò potrebbe agevolare il sostegno di Berlino per una maggiore integrazione europea. L'accordo prevede l’implementazione di una politica economica prociclica: circa 35 miliardi di euro in nuova spesa pubblica e 10 miliardi in tagli fiscali, entrambi da finanziare con l’elevato avanzo di bilancio del 2017 (1,2% del Pil).

L’intesa di coalizione sarà sottoposta al voto dei circa 460mila iscritti dell’Spd il prossimo 4 marzo, stesso giorno del voto in Italia. Si tratta di un appuntamento importante non solo per il destino dei singoli Paesi, ma anche per l’intera Unione Europea. Il risultato del referendum dell’Spd non è scontato, anche in considerazione della forte ostilità della base del partito socialista, in particolare dell’organizzazione giovanile. Se coalizione sarà, resta da verificarne la stabilità, alle prese con le tensioni tra, e all'interno, dei partiti di governo.

 

  

SETTORI

 

 

AGRIBUSINESS: Brasile da record

Dopo un anno record per produzione ed export, il settore agricolo in Brasile registrerà anche nel 2018 risultati ai massimi storici, supportato dalla ripresa dei prezzi internazionali e dalla situazione interna in miglioramento. Nel 2017, le ottime performance dell’agribusiness hanno contribuito a tenere bassa l’inflazione (attorno al 3% in chiusura d’anno) e a creare circa 37.000 nuovi posti di lavoro. Benché l’agricoltura pesi solo il 6,2% del Pil, infatti, l’agribusiness (incluse lavorazione industriale e distribuzione) è responsabile di quasi un quarto del prodotto. L’avanzo commerciale brasiliano negli ultimi anni è stato in gran parte dovuto all’export di materie prime, in particolare nel settore agricolo, zootecnico, estrattivo e petrolifero. Tra le principali esportazioni agricole, vi sono la soia, lo zucchero, il caffè e il mais.

L’incertezza politica attorno alle elezioni di quest'anno potrebbe ostacolare la competitività del settore nel breve periodo. Resta invece da risolvere il tema strutturale delle infrastrutture inadeguate.

 

 

I NUMERI DELLA SETTIMANA:

 

1,3 Incremento atteso della produzione petrolifera USA quest’anno, in milioni di barili al giorno
59,9 Produzione non-OPEC attesa nel 2018, in milioni di barili al giorno
$40-70 Range del prezzo del petrolio previsto dall’EIA

 

 

MODIFICHE AL RATING:

 

KENYA: Moody’s da B1 a B2
MACAO: Fitch da AA- ad AA

 

Documenti

Desideri ulteriori informazioni?
Compila il modulo e ti risponderemo al più presto.
Varie 15 febbraio 2024
Nel 2023 il valore dell’export italiano è rimasto stazionario rispetto all’anno precedente. L’aumento dei valori medi unitari (+5,3%) è stato pienamente compensato da una riduzione, ben superiore alle attese, del dato in volume (-5,1%).
Focus On 14 febbraio 2024
Dopo una crescita vivace nello scorso anno, nel 2024 l'export italiano di servizi è previsto in ulteriore aumento del 4,6% grazie al maggior ruolo che sta assumendo il Terziario nel commercio con l'estero, anche nei Paesi emergenti. Per accrescere la produttività dei servizi italiani vi sono diverse leve su cui poter agire tra cui una maggiore crescita degli investimenti tecnologici, inclusi quelli in digitalizzazione e IA, e una formazione sia continua che specifica sul posto di lavoro.
Varie 15 gennaio 2024
Tra gennaio e novembre 2023 l’export in valore è aumentato dello 0,7% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. L’andamento continua a essere determinato dalla crescita dei valori medi unitari (+5,6%), a fronte della decisa, e superiore alle attese, flessione dei volumi (-4,6%).