Update Espresso 13 aprile 2017

Update Espresso: 13 aprile 2017

Leggi il nuovo Update Espresso su Grecia, Pakistan, Russia, Sudafrica e turismo in Colombia

Il Country Risk Update di SACE cambia nome e diventa Update Espresso.

 

Ogni venerdì, insieme a una sintesi delle principali news su Paesi e settori, i nostri economisti a turno prenderanno un caffè insieme a voi commentando con un video la notizia più importante della settimana per indirizzarvi verso le migliori opportunità per il Made in Italy e darvi sempre il nostro punto di vista sul mondo che cambia.

 

Clicca qui per iscriverti e ricevere tutte le settimane l'Update Espresso di SACE>>

 

 

PAESI

 

GRECIA: un altro accordo per continuare a sopravvivere

L’accordo raggiunto dall’Eurogruppo sulla Grecia aumenta le probabilità che possa andare a buon fine la seconda review dei progressi del Paese per sbloccare nuovi fondi. A conferma dei cambiamenti strutturali in atto, è stata conclusa la cessione della gestione di 14 aeroporti a un consorzio legato alla tedesca Fraport. Questa cessione porterà nelle casse di Atene quasi 10 miliardi di euro nel corso dei 40 anni previsti dalla concessione, grazie agli affitti annuali e a una quota sui ricavi futuri.

Il PIL è cresciuto dello 0,3% nel 2016 ed è previsto oltre il 2% nell’anno in corso ma, nonostante questo e le riforme in atto, il Paese rimane in una situazione fragile almeno fino della ristrutturazione del debito. Questo tema potrà essere trattato approfonditamente solo dopo le elezioni tedesche di settembre

 

PAKISTAN: Dopo 19 anni, un nuovo censimento

Il primo censimento dal 1998 è stato avviato e probabilmente terminerà a metà maggio. Il peso politico è molto elevato poiché in base ai risultati verranno ricalcolati i budget spettanti alle singole province, nonché la redistribuzione dei seggi in Parlamento. Il clima politico si va riscaldando contrapponendo partiti basati sulla città contro quelli che trovano il loro consenso nelle aree rurali. L’altra faccia della medaglia è che risultati più puntuali sulle dinamiche socio-demografiche saranno di aiuto nella pianificazione della spesa pubblica e per le policy del mercato del lavoro.

Su tutto permane la paura di risultati pilotati, considerato che il partito al governo Pakistan Muslim League-Nawaz rappresenta principalmente la regione del Punjab e che il Ministro delle Finanze federale ha dichiarato che "non c’è nessun obbligo di legge che imponga al Governo federale di rendere pubblici i dati del censimento".

 

RUSSIA : Meno tasse sui corporate bond

Il presidente russo Vladimir Putin ha approvato una modifica del sistema fiscale che prevede la riduzione delle tasse sugli interessi maturati e relativi a corporate bond detenuti da privati. I tagli sono previsti per i bond in valuta locale ed emessi a partire da quest’anno.

Obiettivo del provvedimento è incentivare gli investimenti sul mercato locale e garantire maggiore liquidità alle aziende russe, colpite da un contesto economico debole e un market sentiment deteriorato. La banca centrale russa stima un deflusso di capitali nel 2016 pari a USD 14 miliardi e prevede un ulteriore aumento della liquidità in uscita per il 2017, con USD 18 miliardi di capitali in uscita.

 

SUDAFRICA: difficoltà economiche in un quadro di incertezza politica

Appena pochi giorni dopo la decisione del Presidente Zuma di rimpiazzare alcuni ministri- chiave, tra cui Gordhan dalle Finanze, le agenzie di rating hanno rivisto in negativo il proprio giudizio sul Sudafrica: S&P’s e Fitch hanno declassato il paese da BBB- (investment grade) a BB+ (speculative grade), mentre Moody’s ha avviato la procedura di revisione per un possibile downgrade nelle prossime settimane. Il rand sudafricano, che dall’inizio del 2017 aveva registrato la migliore performance tra le valute, ha dissipato tutto questo recupero, perdendo circa il 8% nei confronti del dollaro negli ultimi dieci giorni.

E anche l’assetto politico-istituzionale vacilla. La richiesta di un voto di sfiducia in Parlamento è al vaglio dei partiti di opposizione Democratic Alliance e Economic Freedom Fighters. Inoltre è in programma oggi una marcia di protesta popolare per chiedere al Presidente Zuma di lasciare la guida del paese.

 

SETTORI

 

TURISMO, COLOMBIA: Turisti in cerca di pace

Il settore turistico in Colombia, tradizionalmente ostacolato dalle condizioni di sicurezza precarie percepite, consolida la propria crescita grazie a un progressivo rafforzamento della stabilità interna. Gli arrivi internazionali sono previsti in aumento del 3,7% nel 2017, a 2,4 milioni. Resta, tuttavia, limitata l’espansione del segmento del turismo di lusso, scoraggiato soprattutto dalle infrastrutture inadeguate.

La pace tra il Governo di Juan Manuel Santos e le FARC, firmata lo scorso novembre, guiderà probabilmente verso un atteggiamento internazionale migliore e incentiverà ulteriormente la crescita del settore, come è già avvenuto in passato nelle esperienze simili di Croazia, Irlanda del Nord e Sri Lanka. L'aumento degli arrivi, inoltre, rifornirebbe il Paese di nuove riserve in valuta estera, compensando parzialmente il calo dei redditi del settore energetico. Permangono diversi rischi che minacciano di danneggiare il turismo, in particolare la lotta al narcotraffico e il ritardo nell’applicazione degli accordi di pace.

 

 

NUMERI DELLA SETTIMANA


+14,3% La crescita media annua dei turisti dall’America Latina in Italia tra il 2017 e il 2021

 

€47,5 mld Entrate del turismo internazionale stimate per il 2017 in Italia

 

~100 milioni Arrivi internazionali in Italia previsti per il 2021, rispetto agli 84 milioni del 2016

Documenti

Desideri ulteriori informazioni?
Compila il modulo e ti risponderemo al più presto.
Varie 17 novembre 2022
Nei primi nove mesi del 2022 le esportazioni italiane sono cresciute del 21,1% rispetto allo stesso periodo del 2021. Si conferma prevalente il sostegno dato dai valori medi unitari (+20,3%), mentre l’incremento dei volumi è modesto (+0,7%).
Focus On 08 novembre 2022
La politica zero-covid e un Pil nell’ultimo decennio cresciuto a un ritmo sostanzialmente inferiore a quello registrato nelle due decadi precedenti sono segnali di un rallentamento dell'economia del Dragone. Quali effetti per lo sviluppo dei sistemi produttivi dei principali mercati emergenti dell’Asia? E quali per le imprese italiane?
Sasso nello stagno 07 novembre 2022
Al di là dell’Atlantico non è la guerra in Ucraina a preoccupare maggiormente, ma l’inflazione, i rischi di una recessione, l’immigrazione e la crescente criminalità. Tutti temi al centro delle prossime elezioni di Midterm americane. Al di qua dell'Atlantico ci saranno i riflessi delle politiche, soprattutto monetarie, di Washington. Con un cambio sotto la parità, come si muoverà l'export italiano verso gli USA? Quali opportunità per le nostre imprese esportatrici?