Scenari 30 luglio 2010

Scenari 39° numero

Cina: nessuna muraglia frena la crescita

La crisi ha dato un nuovo volto economia mondiale. I paesi emergenti - principalmente quelli asiatici - sono sempre più importanti nell’economia e nella governance internazionale. Tra questi, la Cina gioca un ruolo rilevante in quanto è riuscita a distinguersi anche durante la crisi, registrando la crescita maggiore a livello mondiale e uscendone ancora più rafforzata.

Performance economica cinese nel 2010. Dopo il rallentamento subito tra il 2008 e il 2009 a causa del crollo del commercio internazionale, nel 2010 l’economia cinese è tornata a crescere a tassi ancora più elevati. L’aumento in termini tendenziali è stato particolarmente elevato nel primo trimestre dell’anno (11,9%). Le esportazioni continuano a guidare la crescita. 

Inflazione e housing bubble: i principali squilibri della potenza asiatica. L’espansione della domanda in Cina fin dagli inizi del decennio ha avuto l’effetto di far crescere il PIL in modo sostenuto, ma allo stesso tempo ha esercitato pressioni al rialzo sui prezzi, determinando un’inflazione crescente. Inoltre, l’abbondanza di liquidità in circolazione ha portato a un forte aumento della domanda di case e al conseguente incremento dei prezzi delle stesse.

Evoluzione delle dinamiche e prospettive commerciali tra la Cina e l’Italia, anche alla luce delle recenti manovre di policy promosse dagli organi centrali cinesi. 

 Focus sul tasso di cambio. Cosa è cambiato dopo la decisione della banca centrale cinese di rendere il cambio dello yuan con il dollaro più flessibile.
 

Documenti

Desideri ulteriori informazioni?
Compila il modulo e ti risponderemo al più presto.
Varie 14 giugno 2024
Tra gennaio e aprile le vendite italiane sono tornate in territorio positivo a +0,3%, beneficiando del supporto dei valori medi unitari (+1,5%) che ha più che compensato il calo dei volumi (-1,2%).
Varie 16 maggio 2024
Tra gennaio e marzo le vendite italiane oltreconfine hanno registrato un calo del 2,8%, determinato dall’intensa riduzione del dato in volume (-3,9%) e nonostante il supporto dei valori medi unitari (+1,2%).
Focus On 08 maggio 2024
In uno scenario economico africano tanto dinamico quanto ricco di sfide, la Costa d’Avorio si propone come Paese tra i più stabili e promettenti della regione subsahariana. Un’economia in rapida espansione ), un assetto politico-istituzionale relativamente solido , un contesto operativo aperto agli investimenti e che incentiva l’iniziativa imprenditoriale: questi gli ingredienti dell’agenda di Ouattara, presidente del Paese dal 2011, per rendere possibile l’obiettivo di rendere la Costa d’Avorio un Paese a medio reddito entro il 2030. L’esecutivo ivoriano si è impegnato in tutti gli ambiti per migliorare le condizioni economiche, politiche e sociali del Paese;la rapida crescita della domanda interna (sia pubblica che privata) ha, inoltre, evidenziato le potenzialità per le imprese alla ricerca di nuovi mercati di sbocco.