Studi 29 maggio 2015

SACE Country Risk Update: 29 maggio - 04 giugno 2015

Snapshots: Bahrain, Brasile-Messico, Cina, Nigeria, Portogallo, Regno Unito, Russia, Ucraina-Russia

BAHRAIN
Il paese taglierà i sussidi sui consumi e servizi a favore dei residenti stranieri. Il calo dei prezzi del petrolio ha imposto una riduzione delle voci di spesa per garantire la sostenibilità del bilancio pubblico. Le previsioni del governo indicano un deficit di bilancio di circa USD 4 miliardi nel 2015. I sussidi riguardano una pluralità di settori, quali carburanti, elettricità e acqua; secondo alcune stime ammonterebbero a circa l’1,9% del PIL. La rimozione dei sussidi graverà solo sui residenti stranieri, che rappresentano circa la metà degli 1,3 milioni di abitanti nel Paese e che è in maggioranza collocata su livelli di reddito medio-bassi. I cittadini del Regno riceveranno invece trasferimenti diretti a compensazione della rimozione dei sussidi.

 

BRASILE – MESSICO
I presidenti Rousseff e Pena Nieto hanno siglato un’intesa finalizzata a espandere gli effetti dell’Economic Complementation Agreement No. 53 (ACE-53). L’accordo intende stimolare la crescita economica e accrescere la classe media in entrambi i Paesi. Prevede la facilitazione degli investimenti, l’aumento dei traffici aerei e una maggior cooperazione nel settore del turismo. Secondo dati dell’amministrazione brasiliana, gli investimenti annui messicani in Brasile ammontano a circa USD 23 miliardi, a fronte degli appena USD 2 miliardi dei brasiliani in Messico. L’obiettivo è raddoppiare i USD 9 miliardi di interscambio tra i due paesi entro i prossimi 10 anni.

CINA
Secondo il FMI lo yuan non sarebbe più sottovalutato. I progressivi ampliamenti della banda di oscillazione del tasso di cambio hanno consentito un apprezzamento della valuta di oltre il 25% negli ultimi 10 anni. Sebbene il superamento della sottovalutazione dello yuan consenta di superare una serie di squilibri presenti in passato, il vice-direttore del FMI ha indicato come il saldo di bilancia commerciale resti ancora eccessivamente positivo a fronte di consumi interni ancora limitati e un eccesso di risparmio. Il FMI ha inoltre dichiarato che è in corso di valutazione l’inserimento dello yuan nel paniere di riferimento degli SDR.

 

NIGERIA
Lo sciopero dei distributori – in corso da circa un mese – sta causando una scarsità di carburanti che sta paralizzando il Paese. Nonostante sia un produttore di petrolio, la Nigeria sconta un deficit nella capacità di raffinazione compensata dalle importazioni dall’estero. I distributori accusano il governo di aver cumulato un debito superiore a USD 1 miliardo. I prodotti della raffinazione vengono infatti acquistati all’estero al prezzo di mercato ma rivenduti internamente a un prezzo amministrato, fisso a USD 0,44/l. La mancanza di carburante non incide solo sul sistema di trasporti; la penuria di carburanti ha causato carenze di energia elettrica a causa dell’ampio uso di generatori diesel da imprese e privati a fronte dell’inadeguata infrastruttura energetica.

 

PORTOGALLO
La domanda privata trainerà l’economia anche quest’anno. Nel 2014 il PIL è tornato a crescere (+0,9%) dopo tre anni di contrazioni, e nel corso di quest’anno dovrebbe accelerare all’1,6%. I consumi privati hanno però anche un effetto negativo: comportano una ripresa delle importazioni. Il saldo commerciale con l’estero, unica componente positiva del PIL dal 2011 al 2013, tornerà a dare il proprio contributo quest’anno grazie alla svalutazione dell’euro e alle prospettive economiche positive dei principali partner commerciali. Rimangono da affrontare i non-performing loans (12% alla fine del 2014) e l’elevata disoccupazione (14,1% della forza lavoro).

 

REGNO UNITO
È stato presentato il programma del nuovo governo di David Cameron. Il principale dei punti programmatici è l’intenzione di proporre un referendum entro la fine del 2017 sull’adesione del Regno Unito all’Unione europea. In attesa dell’esito della consultazione popolare, il governo ha annunciato di voler rinegoziare comunque il rapporto con l’Ue. L’ipotesi di allontanamento di Londra da Bruxelles (c.d. “Brexit”) ha preso vigore dal 2010 quando Cameron è stato eletto la prima volta. Altri argomenti del programma sono l’autonomia della Scozia, il congelamento di qualsiasi aumento delle imposte e l’incremento delle misure di sicurezza in tema di immigrazione e organizzazioni estremiste.

 

RUSSIA
Il governo ha emanato la legge contro le “organizzazioni indesiderate”. La nuova normativa consentirà la chiusura delle NGO internazionali operanti nel Paese da parte dell’esecutivo. La nuova norma amplia un provvedimento del 2012 e introduce pene detentive fino a 6 anni. L’uso del termine “indesiderate” amplierebbe il campo d’azione della norma e consentirebbe un’interpretazione estensiva se non arbitraria della stessa. Il legislatore ha motivato la norma come necessaria a contrastare le ingerenze esterne volte a destabilizzare il governo. La scarsa chiarezza sui requisiti per l’applicazione ha sollevato le critiche dei movimenti per i diritti umani, nonché dell’UE e Stati Uniti, che temono una restrizione delle libertà civili nel Paese.

 

UCRAINA - RUSSIA
Agenzie di stampa hanno confermato lo spostamento di truppe e mezzi militari russi al confine con l’Ucraina. Nelle scorse settimane la NATO aveva segnalato il rischio di una recrudescenza delle tensioni nell’area a causa della fragile tenuta della tregua approvata dai due stati a febbraio. Sebbene i vertici politici russi abbiamo smentito il coinvolgimento delle truppe russe nel conflitto ucraino, tale presenza potrebbe avere un impatto sul summit UE previsto a giungo in cui i paesi dell’Unione dovranno discutere l’eventuale mantenimento o modifica delle sanzioni europee verso la Russia.

 

Pillole

Bermuda: Fitch ha ritirato il rating sovrano del paese per ragioni commerciali. In precedenza era fissato a A+.
Cina: da giugno verranno ridotti i dazi su una serie di beni di consumo tra cui scarpe, cosmetici e abbigliamento.
Cuba: il governo ha aperto un conto bancario negli USA, passo necessario per la riapertura di una sede diplomatica nel Paese.
Rep. Dominicana: Standard&Poor’s ha migliorato il merito di credito sovrano del Paese da BB- a B+, con outlook stabile.
Thailandia: la giunta militare ha rinviato le elezioni a dopo il referendum sulla Costituzione e comunque non prima dell’estate 2016.

Documenti

Desideri ulteriori informazioni?
Compila il modulo e ti risponderemo al più presto.
Varie 16 maggio 2024
Tra gennaio e marzo le vendite italiane oltreconfine hanno registrato un calo del 2,8%, determinato dall’intensa riduzione del dato in volume (-3,9%) e nonostante il supporto dei valori medi unitari (+1,2%).
Focus On 08 maggio 2024
In uno scenario economico africano tanto dinamico quanto ricco di sfide, la Costa d’Avorio si propone come Paese tra i più stabili e promettenti della regione subsahariana. Un’economia in rapida espansione ), un assetto politico-istituzionale relativamente solido , un contesto operativo aperto agli investimenti e che incentiva l’iniziativa imprenditoriale: questi gli ingredienti dell’agenda di Ouattara, presidente del Paese dal 2011, per rendere possibile l’obiettivo di rendere la Costa d’Avorio un Paese a medio reddito entro il 2030. L’esecutivo ivoriano si è impegnato in tutti gli ambiti per migliorare le condizioni economiche, politiche e sociali del Paese;la rapida crescita della domanda interna (sia pubblica che privata) ha, inoltre, evidenziato le potenzialità per le imprese alla ricerca di nuovi mercati di sbocco.
Focus On 06 maggio 2024
SACE sarà presente a Cibus, a fianco delle imprese del settore agroalimentare per sostenerne la crescita attraverso diverse soluzioni. Le vendite estere di agroalimentare rappresentano oltre il 10% dell’export italiano. Lo scorso anno l’export di agroalimentare ha raggiunto ancora una volta un valore record pari a €64,4 miliardi, con un aumento del 6% circa. Prospettive positive anche per il 2024. Principale comparto di export sono le bevande, mentre i prodotti del Made in Italy più dinamici sono pasta e prodotti da forno, latte e formaggi e preparazioni di ortaggi e frutta. Le principali destinazioni per l’agroalimentare italiano sono le geografie europee e gli USA, mentre mercati meno presidiati ma molto dinamici sono India, Vietnam, Messico e Polonia. L'implementazione di sistemi digitali anche nel settore agroalimentare italiano può svolgere un ruolo chiave in termini di competitività internazionale, sostenibilità e ottimizzazione dei processi di produzione.