Studi 27 marzo 2015

SACE Country Risk Update: 27 marzo - 02 aprile 2015

Snapshots:Area euro, Carbone-India, Indonesia, Myanmar, Nigeria, Ucraina, Venezuela, Yemen

AREA EURO
L’indice flash PMI composito di Markit segnala una crescita dell’Eurozona, con tutte le componenti che registrano dei nuovi massimi. La crescita non è tuttavia generale: mentre l’attività tedesca ha accelerato al tasso più alto degli ultimi 8 mesi (grazie soprattutto alla produzione industriale), quella francese non mostra la stessa forza. In Francia, in particolare, preoccupa la contrazione per il decimo mese consecutivo della produzione nel settore manifatturiero. Nel resto dell’Area euro si registra, oltre al miglioramento dell’attività, il più forte aumento dell’occupazione da settembre 2007.

 

CARBONE - INDIA
Jindal Steel and Power (JSPL) ricorrerà contro la mancata assegnazione di tre miniere di carbone. Una decisione ministeriale ha cancellato la concessione dei giacimenti Gare Palma IV/2, IV/3 e Tara, nello stato di Chhattisgarh, nell’India centrale. Il Governo sospetta la formazione di un cartello che avrebbe influenzato gli esiti delle aste e ritiene il prezzo di aggiudicazione eccessivamente basso rispetto a quanto avvenuto nell’assegnazione di giacimenti simili. L’Alta Corte di Nuova Deli ha adottato una decisione provvisoria a favore di JSPL, diffidando il governo dal riallocare le concessioni alla compagnia di stato Coal India, ipotesi avanzata dopo la decisione del Ministero di non concedere i giacimenti a JSPL.

 

INDONESIA
Il Ministro delle opere pubbliche ha dichiarato che tutti i contratti sulla gestione delle risorse idriche siglati prima dell’annullamento della legge del 2004 resteranno in vigore. La legge sullo sfruttamento delle acque era stata abrogata dalla Corte Costituzionale lo scorso febbraio. Il Governo si è impegnato ad adottare una nuova normativa entro la fine dell’anno, colmando l’attuale vuoto normativo. Sebbene il mantenimento dei contratti in essere riduca l’incertezza regolamentare, è probabile che il giudicato della Corte comporti una restrizione sull’operatività dei privati nel lungo termine ed una maggiore incidenza della regolamentazione pubblica sul settore.

 

MYANMAR
Le relazioni con la Cina si sono irrigidite a causa degli scontri nel Kokang, nel nord-est del paese. Le forze aeree birmane, impegnate in un attacco aereo contro i ribelli della National Democratic Alliance Army, hanno per errore sconfinato e causato la morte di quattro cinesi. Pechino ha avvisato che il ripetersi dell’episodio porterebbe ad un intervento dell’esercito cinese nell’area. Nonostante i rapporti tra i due paesi siano storicamente consolidati, la composizione etnica della regione del Kokang (gli abitanti sono per il 90% di etnia Han) e le accuse dei militari birmani sul presunto supporto di elementi cinesi ai ribelli stanno peggiorando le relazioni bilaterali. Un intervento diretto di Pechino potrebbe provocare un “esito ucraino” nel nord-est del Myanmar.

 

NIGERIA
Standard&Poor’s ha abbassato il rating sovrano nigeriano a B+, quattro livelli sotto l’investment grade. L’economia del Paese riflette il cambio delle condizioni nel mercato energetico, con le quotazioni petrolifere – principale voce dell’export nigeriano – contrattesi del 50% da giugno 2014. Secondo l’agenzia la Nigeria potrebbe fronteggiare un deficit di partite correnti dell’1,8% in media nel periodo 2015-2018. Alla congiuntura negativa sul mercato energetico si affiancano gli effetti della rivolta armata di Boko Haram, che a febbraio avevano obbligato a un rinvio delle elezioni di un mese, riprogrammate per il prossimo 28 marzo. Il FMI ha tagliato le stime di crescita per il 2015 al 4,8% contro il 6,3% dello scorso anno.

 

UCRAINA
Moody’s ha tagliato il rating sovrano del Paese, portandolo a Ca, un solo livello sopra quello default. Tra le criticità alla base del downgrade vi è il programma di ristrutturazione su oltre USD 15 miliardi di eurobond, in fase di negoziato tra il Ministero delle Finanze e i creditori internazionali. La ristrutturazione riguarderà non soltanto i titoli sovrani, ma anche il debito estero di entità terze con garanzia sovrana e quello di alcune compagnie di stato. Gli investitori esteri subiranno forti perdite dalla ristrutturazione. L’outlook rimane negativo, poiché anche in caso di ristrutturazione il debito estero ucraino resterà elevato, con forti probabilità di insolvenza del Paese.

 

VENEZUELA
Il Paese riceverà USD 10 miliardi in prestito dalla Cina. Metà della cifra rappresenta il rinnovo del Fondo sino-venezuelano e sarà destinata allo sviluppo di progetti ad ampio raggio. Il finanziamento avrà una scadenza quinquennale, più lunga dell’orizzonte triennale precedentemente adottato. Gli altri USD 5 miliardi saranno invece utilizzati per finanziare la cooperazione di PdVSA con compagnie cinesi in investimenti per aumentare la produzione dai giacimenti petroliferi venezuelani più maturi. Tale tranche del finanziamento sarà sottoscritta da Bandes il prossimo giugno e avrà una durata decennale. Gli investimenti collegati al finanziamento dovrebbero partire già nel corso del 2015.

 

YEMEN
Iniziati nella notte tra il 25 e il 26 marzo i bombardamenti nei confronti di obiettivi sensibili controllati dai ribelli houthi nello Yemen. La coalizione che ha intrapreso le operazioni è guidata dall’Arabia Saudita e comprende altri nove Paesi tra cui Egitto, Marocco, Pakistan e Giordania. L’incursione aerea, a cui potrebbe seguire un intervento via terra, risponde alla richiesta d’aiuto del presidente Hadi, rifugiato nella città di Aden dopo aver abbandonato la capitale Sana’a in seguito all’avanzata dei ribelli. Secondo fonti non ufficiali il presidente avrebbe lasciato Aden via mare poche ore prima dell’inizio dell’operazione.

 

Pillole

Ghana: Moody’s ha peggiorato il rating sovrano ghanese, portandolo a B3 da B2. L’outlook è negativo.
Paraguay: Moody’s ha alzato il rating sovrano di un notch, portandolo a Ba1 con outlook stabile.
Ungheria: Standard&Poor’s ha alzato il rating sovrano ungherese a BB+, a un solo notch di distanza dall’investment grade.
Desideri ulteriori informazioni?
Compila il modulo e ti risponderemo al più presto.
Varie 14 giugno 2024
Tra gennaio e aprile le vendite italiane sono tornate in territorio positivo a +0,3%, beneficiando del supporto dei valori medi unitari (+1,5%) che ha più che compensato il calo dei volumi (-1,2%).
Varie 16 maggio 2024
Tra gennaio e marzo le vendite italiane oltreconfine hanno registrato un calo del 2,8%, determinato dall’intensa riduzione del dato in volume (-3,9%) e nonostante il supporto dei valori medi unitari (+1,2%).
Focus On 08 maggio 2024
In uno scenario economico africano tanto dinamico quanto ricco di sfide, la Costa d’Avorio si propone come Paese tra i più stabili e promettenti della regione subsahariana. Un’economia in rapida espansione ), un assetto politico-istituzionale relativamente solido , un contesto operativo aperto agli investimenti e che incentiva l’iniziativa imprenditoriale: questi gli ingredienti dell’agenda di Ouattara, presidente del Paese dal 2011, per rendere possibile l’obiettivo di rendere la Costa d’Avorio un Paese a medio reddito entro il 2030. L’esecutivo ivoriano si è impegnato in tutti gli ambiti per migliorare le condizioni economiche, politiche e sociali del Paese;la rapida crescita della domanda interna (sia pubblica che privata) ha, inoltre, evidenziato le potenzialità per le imprese alla ricerca di nuovi mercati di sbocco.