Country Risk Update 10 giugno 2016

SACE Country Risk Update: 10 - 16 giugno 2016

Snapshots: Arabia Saudita, Crescita mondiale, Messico, Polonia, Sud Africa, Vietnam-Stati Uniti

ARABIA SAUDITA

Il Governo ha approvato il National Transformation Plan 2020 (NTP), il primo step per raggiungere gli obiettivi dell’ambiziosa Saudi 2030 Vision. Il NTP coinvolgerà 24 organismi di governo, per un costo totale di SAR 270 miliardi (circa USD 72 miliardi), con l’obiettivo di ridurre la spesa pubblica del 40% e di aumentare il contributo del settore privato all’economia, mantenendo la produzione di petrolio a quella attuale di 12,5 milioni barili/giorno fino al 2020. Il Ministro dell’energia, dell’industria e delle risorse minerarie prevede inoltre di costruire un complesso per l’industria navale che procurerà 80.000 nuovi posti di lavoro e ridurrà le importazioni di USD 12 miliardi all’anno, oltre alla creazione di 150.000 posti di lavoro in alcune delle città industriali del Paese.

 

CRESCITA MONDIALE

La Banca Mondiale ha rivisto le previsioni di crescita dell’economia mondiale per il 2016, tagliandole di mezzo punto percentuale rispetto a gennaio e portandole a +2,4%. La revisione al ribasso è dovuta principalmente alle difficoltà delle economie emergenti esportatrici di materie prime ad adattarsi ai bassi prezzi delle commodity. Inoltre, pesano il rallentamento delle economie avanzate, la debolezza del commercio internazionale e il calo dei flussi di capitale. Per quanto riguarda i principali Paesi emergenti, la Cina si prevede in espansione del 6,7% nel 2016 (rispetto al 6,9% di gennaio), l’India del 7,6%, il Sud Africa dello 0,6% mentre Russia e Brasile rimarranno in recessione.

 

MESSICO

Il Messico sorpassa il Brasile come destinazione dei private equity in America Latina: nel 2015, infatti, in Messico sono confluiti il 29% dei fondi totali destinati all’area, contro il 26% del Brasile (nel 2011 erano, rispettivamente, il 5% e l’80%). Secondo l’Emerging Markets Private Equity Association (EMPEA) il timore di una diffusa corruzione, i conflitti tra i cartelli della droga, il ridotto numero di manager e l’elevata concentrazione di grandi imprese familiari in Messico ne trattenevano lo sviluppo, ma il percorso di riforme del Governo cominciato nel 2009 ha dato nuova linfa. Benché in forte crescita, il valore del private equity in Messico rimane ridotto, rappresentando lo 0,03% del PIL (è l’1,41% negli USA, 0,31% in India e 0,1% in Cina).

 

POLONIA

Alistor bank ha deciso di acquisire le attività core di Bank BHP, diventando il decimo istituto del Paese. Questa espansione, dal valore di circa EUR 350 milioni, verrà supportata anche dalla Banca Europea per la Ricostruzione e lo Sviluppo (BERS), azionista di minoranza di Alistor. L’acquisizione verrà finanziata con un aumento di capitale per EUR 520 milioni e i fondi rimanenti verranno usati per rafforzare la solidità patrimoniale. Questa transazione servirà a rafforzare il sistema bancario polacco, caratterizzato da una dimensione ancora moderata (il rapporto tra credito e PIL è di minore del 60%).

 

SUD AFRICA

I dati rilasciati dall’agenzia nazionale di statistica sullo stato dell’economia del Paese sono meno incoraggianti di quanto previsto e mostrano una contrazione del PIL dell’1,2% nel primo trimestre dell’anno rispetto agli ultimi tre mesi del 2015 e dello 0,2% rispetto allo stesso periodo del 2015. I settori che hanno trainato al ribasso la crescita sono principalmente il minerario e l’agricoltura, che hanno fatto registrare le contrazioni maggiori (rispettivamente, -18,1% e -6,5% tendenziali), e il cui rallentamento ha impattato negativamente anche sulla domanda di energia (-2,8%) e sui trasporti (-2,7%). La debole crescita economica degli ultimi anni si ripercuote anche sul tasso di disoccupazione, salito al 26,7% tra gennaio e marzo.

 

VIETNAM – STATI UNITI

Gli Stati Uniti hanno revocato il divieto all’esportazione di armi americane in Vietnam. Tale apertura è da intendersi più come un segnale politico piuttosto che di sicurezza, e per questo non ci si attende un rapido aumento delle vendite di armi nel Paese: l’embargo rappresentava l’ultima sanzione americana nei confronti del Vietnam e la sua rimozione favorisce le relazioni diplomatiche tra i due Paesi. Durante la visita del Presidente Obama si è parlato anche di TTP e relazioni commerciali: gli Stati Uniti stanno supportando il Vietnam con USD 30 milioni per la promozione dei diritti dei lavoratori, il rinforzo deli diritti di proprietà intellettuale e la protezione dell’ambiente.

 

Pillole

Bermuda: Moody’s ha tagliato il rating sovrano del Paese da A1 ad A2, con outlook stabile.

Finlandia: Moody’s ha abbassato il rating sovrano del Paese da Aaa ad Aa1, con outlook stabile.

Perù: al secondo turno delle elezioni Presidenziali, con il 99,49% dei voti scrutinati, l’ex ministro dell'economia Pedro Pablo Kuzcynki è in vantaggio con il 50,13% dei voti sulla rivale Keiko Fujimori con il 49,87%.

San Marino: Fitch ha tagliato il rating sovrano del Paese da BBB+ a BBB, con outlook negativo.

Desideri ulteriori informazioni?
Compila il modulo e ti risponderemo al più presto.
Varie 17 novembre 2022
Nei primi nove mesi del 2022 le esportazioni italiane sono cresciute del 21,1% rispetto allo stesso periodo del 2021. Si conferma prevalente il sostegno dato dai valori medi unitari (+20,3%), mentre l’incremento dei volumi è modesto (+0,7%).
Focus On 08 novembre 2022
La politica zero-covid e un Pil nell’ultimo decennio cresciuto a un ritmo sostanzialmente inferiore a quello registrato nelle due decadi precedenti sono segnali di un rallentamento dell'economia del Dragone. Quali effetti per lo sviluppo dei sistemi produttivi dei principali mercati emergenti dell’Asia? E quali per le imprese italiane?
Sasso nello stagno 07 novembre 2022
Al di là dell’Atlantico non è la guerra in Ucraina a preoccupare maggiormente, ma l’inflazione, i rischi di una recessione, l’immigrazione e la crescente criminalità. Tutti temi al centro delle prossime elezioni di Midterm americane. Al di qua dell'Atlantico ci saranno i riflessi delle politiche, soprattutto monetarie, di Washington. Con un cambio sotto la parità, come si muoverà l'export italiano verso gli USA? Quali opportunità per le nostre imprese esportatrici?