Focus On 23 settembre 2013

Focus On: un’estate calda per i paesi emergenti

A partire da metà maggio sono andate aumentando le tensioni sui mercati dei capitali internazionali. Le valute di 5 grandi economie (India, Turchia, Sudafrica, Brasile e Indonesia) hanno subito pressioni al ribasso che hanno comportato deprezzamenti nell’ordine del 15-20% da inizio anno.

A partire da metà maggio sono andate aumentando le tensioni sui mercati dei capitali internazionali. Le valute di 5 grandi economie (India, Turchia, Sudafrica, Brasile e Indonesia) hanno subito pressioni al ribasso che hanno comportato deprezzamenti nell’ordine del 15-20% da inizio anno.

Alla base di questi deprezzamenti sta un riaggiustamento nel flusso dei capitali internazionali che ha provocato un aumento dei movimenti in uscita dai mercati emergenti. Cosa c’è dietro questi movimenti? Essenzialmente due fenomeni:

  • La riduzione del gap di crescita tra paesi avanzati e paesi emergenti;
  • L’annuncio di una revisione della politica iper-espansiva della Federal Reserve negli Stati Uniti.
     

 

Documenti

Desideri ulteriori informazioni?
Compila il modulo e ti risponderemo al più presto.
Varie 14 giugno 2024
Tra gennaio e aprile le vendite italiane sono tornate in territorio positivo a +0,3%, beneficiando del supporto dei valori medi unitari (+1,5%) che ha più che compensato il calo dei volumi (-1,2%).
Varie 16 maggio 2024
Tra gennaio e marzo le vendite italiane oltreconfine hanno registrato un calo del 2,8%, determinato dall’intensa riduzione del dato in volume (-3,9%) e nonostante il supporto dei valori medi unitari (+1,2%).
Focus On 08 maggio 2024
In uno scenario economico africano tanto dinamico quanto ricco di sfide, la Costa d’Avorio si propone come Paese tra i più stabili e promettenti della regione subsahariana. Un’economia in rapida espansione ), un assetto politico-istituzionale relativamente solido , un contesto operativo aperto agli investimenti e che incentiva l’iniziativa imprenditoriale: questi gli ingredienti dell’agenda di Ouattara, presidente del Paese dal 2011, per rendere possibile l’obiettivo di rendere la Costa d’Avorio un Paese a medio reddito entro il 2030. L’esecutivo ivoriano si è impegnato in tutti gli ambiti per migliorare le condizioni economiche, politiche e sociali del Paese;la rapida crescita della domanda interna (sia pubblica che privata) ha, inoltre, evidenziato le potenzialità per le imprese alla ricerca di nuovi mercati di sbocco.