Focus On 14 settembre 2015

Focus On - Turchia: una palestra per le imprese

La Turchia è un Paese di rilevanza strategica per l’export italiano e europeo. Le vendite Made in Italy verso Ankara sono più che raddoppiate tra il 2008 ed oggi e l’Italia esporta nel paese circa € 10 miliardi l’anno. La natura complessa del Paese ne ha fatto una “palestra” per gli esportatori italiani che hanno dispiegato in Turchia un’offerta diversificata in termini di merci esportate e soluzioni finanziarie proposte, anche con il supporto di SACE.

La Turchia è un Paese di rilevanza strategica per l’export italiano e europeo. Le vendite Made in Italy verso Ankara sono più che raddoppiate tra il 2008 ed oggi e l’Italia esporta nel paese circa € 10 miliardi l’anno.

 

La natura complessa del Paese ne ha fatto una “palestra” per gli esportatori italiani che hanno dispiegato in Turchia un’offerta diversificata in termini di merci esportate e soluzioni finanziarie proposte, anche con il supporto di SACE.

 

Come già accaduto in passato anche in un momento di incertezza come quello attuale, le opportunità per le aziende non mancano ma è necessario saper gestire i rischi legati a uno scenario più incerto.

 

Nel breve termine le possibilità di business offerte dal Paese risentono del clima di incertezza politica e del suo impatto sull’attività economica. Nel medio-lungo termine il ritorno a una stabilità politica potrebbe rilanciare la crescita e offrire significative opportunità agli esportatori.

 

Il futuro della Turchia, e delle aziende che operano con le aziende turche, dipenderà anche da scelte strategiche sul posizionamento geopolitico del Paese.

 

Per il Focus On completo scarica il pdf

Desideri ulteriori informazioni?
Compila il modulo e ti risponderemo al più presto.
Varie 14 giugno 2024
Tra gennaio e aprile le vendite italiane sono tornate in territorio positivo a +0,3%, beneficiando del supporto dei valori medi unitari (+1,5%) che ha più che compensato il calo dei volumi (-1,2%).
Varie 16 maggio 2024
Tra gennaio e marzo le vendite italiane oltreconfine hanno registrato un calo del 2,8%, determinato dall’intensa riduzione del dato in volume (-3,9%) e nonostante il supporto dei valori medi unitari (+1,2%).
Focus On 08 maggio 2024
In uno scenario economico africano tanto dinamico quanto ricco di sfide, la Costa d’Avorio si propone come Paese tra i più stabili e promettenti della regione subsahariana. Un’economia in rapida espansione ), un assetto politico-istituzionale relativamente solido , un contesto operativo aperto agli investimenti e che incentiva l’iniziativa imprenditoriale: questi gli ingredienti dell’agenda di Ouattara, presidente del Paese dal 2011, per rendere possibile l’obiettivo di rendere la Costa d’Avorio un Paese a medio reddito entro il 2030. L’esecutivo ivoriano si è impegnato in tutti gli ambiti per migliorare le condizioni economiche, politiche e sociali del Paese;la rapida crescita della domanda interna (sia pubblica che privata) ha, inoltre, evidenziato le potenzialità per le imprese alla ricerca di nuovi mercati di sbocco.