Focus On 14 settembre 2015

Focus On - Turchia: una palestra per le imprese

La Turchia è un Paese di rilevanza strategica per l’export italiano e europeo. Le vendite Made in Italy verso Ankara sono più che raddoppiate tra il 2008 ed oggi e l’Italia esporta nel paese circa € 10 miliardi l’anno. La natura complessa del Paese ne ha fatto una “palestra” per gli esportatori italiani che hanno dispiegato in Turchia un’offerta diversificata in termini di merci esportate e soluzioni finanziarie proposte, anche con il supporto di SACE.

La Turchia è un Paese di rilevanza strategica per l’export italiano e europeo. Le vendite Made in Italy verso Ankara sono più che raddoppiate tra il 2008 ed oggi e l’Italia esporta nel paese circa € 10 miliardi l’anno.

 

La natura complessa del Paese ne ha fatto una “palestra” per gli esportatori italiani che hanno dispiegato in Turchia un’offerta diversificata in termini di merci esportate e soluzioni finanziarie proposte, anche con il supporto di SACE.

 

Come già accaduto in passato anche in un momento di incertezza come quello attuale, le opportunità per le aziende non mancano ma è necessario saper gestire i rischi legati a uno scenario più incerto.

 

Nel breve termine le possibilità di business offerte dal Paese risentono del clima di incertezza politica e del suo impatto sull’attività economica. Nel medio-lungo termine il ritorno a una stabilità politica potrebbe rilanciare la crescita e offrire significative opportunità agli esportatori.

 

Il futuro della Turchia, e delle aziende che operano con le aziende turche, dipenderà anche da scelte strategiche sul posizionamento geopolitico del Paese.

 

Per il Focus On completo scarica il pdf

Desideri ulteriori informazioni?
Compila il modulo e ti risponderemo al più presto.
Sasso nello stagno 21 settembre 2023
Note positive per il settore arrivano dal fatturato: nel primo semestre del 2023 il Sistema Moda è cresciuto, a prezzi correnti e sia sul mercato interno sia sui mercati esteri, del 7,2%; note "dolenti" arrivano invece dal volume della produzione che risente del raffreddamento del ciclo manifatturiero, a sua volta riflesso sia di un calo fisiologico dopo la forte ripresa post-Covid sia della perdita del potere d’acquisto dei consumatori causato dall’inflazione elevata. Le imprese italiane che operano nel Sistema Moda possono guardare con ottimismo alle opportunità provenienti dai mercati esteri verso cui l'export del settore è cresciuto del 4,1% nei primi sette mesi dell'anno.
Varie 15 settembre 2023
Nei primi sette mesi del 2023 l'export di beni è cresciuto del 2,3% in valore rispetto allo stesso periodo dello scorso anno, accentuando il rallentamento iniziato negli scorsi mesi (+4,1% a gen-giu’23 vs. gen-giu’22). Il traino è stato fornito ancora una volta dai valori medi unitari (+6,8%), a fronte di un dato in volume in calo del 4,2%.
Sasso nello stagno 13 settembre 2023
Terzo partner commerciale, dopo Germania e Cina, e con un interscambio di beni tra i due Paesi che nel 2022 ha superato i €3,7 miliardi (in aumento dell’11% rispetto all’anno precedente, con un avanzo di €700 milioni per l’Italia), l’Italia ricopre un ruolo di rilievo come partner commerciale della Serbia.