Varie 18 maggio 2021

Che export tira? Marzo 2021

Nei primi tre mesi del 2021 l'export italiano di beni registra una crescita pari al 4,6% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente. Tale andamento beneficia del confronto con marzo 2020, in cui gli effetti della pandemia iniziavano a essere visibili nei dati dell’export italiano.

1. Il mese di riferimento

La congiuntura. Accelera la ripresa dell’export a marzo (+3,2% vs. feb.‘21) e nel primo trimestre dell’anno (+2,6% rispetto a ottobre-dicembre 2020).

Il trend. Si è osservata una forte crescita delle esportazioni in termini tendenziali (+28,1% mar ‘21 vs mar ‘20), attribuibile principalmente a un aumento dei volumi (+22,4%).

Contesto globale. Rispetto a marzo 2020, primo  mese di pandemia, la crescita è diffusa a livello geografico e settoriale, trainata dalle vendite oltreconfine di metalli di base e prodotti in metallo, macchinari e apparecchi e autoveicoli.

 

2. Come sta andando nei primi tre mesi

Il dato tendenziale dei primi tre mesi mostra segnali incoraggianti: tra gennaio e marzo rispetto al primo trimestre dello scorso anno si registra un +4,6%. Tale andamento beneficia del confronto con marzo 2020, in cui gli effetti della pandemia iniziavano a essere visibili nei dati dell’export italiano.

 

2.1. Dentro e fuori l’Unione Europea

Nei primi tre mesi dell’anno le vendite di beni verso i Paesi Ue guidano la ripresa (+8,1% il dato tendenziale); le migliori performance arrivano da Paesi Bassi (+19,5%), Polonia (+17,4%), Germania (+11,0%); lievemente più lenta la ripresa per Francia (+7,0%), Belgio (+6,3%) e Spagna (+5,8%).

Crescita più contenuta per i mercati extra-Ue (+0,7%), frenati da Stati Uniti (-13,4%), Regno Unito (-12,2%) e Giappone (-3,4%). Di segno opposto l’export verso Cina (+43,2%), Oceania (+20,4%) e Mercosur (+17,0%) per i quali prosegue la ripresa in atto da inizio anno.

 

2.2. Focus Paesi

Nel primo trimestre 2021 si osserva una buona dinamica della domanda di prodotti farmaceutici in Polonia e Svizzera (rispettivamente +16,7%, +13%), mentre continuano a contrarsi in India (-11,2%) nonostante la terza ondata pandemica non fosse ancora sopraggiunta. In forte aumento l’export di computer, apparecchi elettronici e ottici sia verso Nuova Delhi (+62,2%) che Berna (+57,4%), mentre la contrazione è a doppia cifra verso Varsavia (-11,3%). In crescita in tutti e tre i mercati anche le esportazioni di apparecchi elettrici (India +27,3%, Polonia +25,9% e Svizzera +16,2%).

 

2.3. Focus industrie e settori

A livello di raggruppamenti principali di industrie, ottima la performance  delle vendite oltreconfine di beni intermedi (+6,7% rispetto al primo trimestre del 2020), trainati dalla crescita dei metalli di base e prodotti in metallo.

Seguono per crescita i beni strumentali (+6,0%), nonostante il contrappeso delle movimentazioni occasionali verso gli Stati Uniti di cantieristica navale di inizio 2020 (-12,7% il dato complessivo di altri mezzi di trasporto). Terzo gradino del podio, per i beni di consumo che, seppure registrino una performance inferiore alla media, restano in territorio positivo (+2,7%): se, infatti, i beni non durevoli mostrino ancora un lieve calo (-0,3%), compensano ampiamente i beni durevoli (+19,3%).

Elevata crescita nel primo trimestre dell’anno per gli autoveicoli (+22,3%), grazie a una forte domanda tedesca (+40,0%), francese (+36,1%) e statunitense (+11,1%); un buon segnale dopo un’annata particolarmente difficile per il settore, ancora caratterizzato da alcuni vincoli di offerta. Ripresa a doppia cifra anche per l’export di mobili (+13,4%), in crescita in importanti mercati quali Francia (+26,8%), Stati Uniti (+14,5%) e Svizzera (+18,7%).

L’export di gomma e plastica, anch’esso in crescita (+4,1%), vive al suo interno una dicotomia: da un lato la leva positiva di Francia e Germania (+10,7% e 3,3% rispettivamente), dall’altro il freno di Stati Uniti e UK (nell’ordine -5,2% e -5,0%) a indicare che non si è ancora fuori dal guado.

 

Scarica il documento!

 

Desideri ulteriori informazioni?
Compila il modulo e ti risponderemo al più presto.
Sasso nello stagno 15 giugno 2021
L'Algeria il 12 giugno ha votato i 407 membri della People’s National Assembly (la camera bassa) con un’affluenza di circa il 30%, inferiore rispetto a quella già bassa delle elezioni passate. L’affluenza non è un tema rilevante per le autorità algerine secondo cui non sarebbe neppure una condicio sine qua non per la legittimazione degli organi eletti. I risultati non si avranno prima di qualche giorno, ma l’autorità nazionale elettorale smentisce la vittoria autoproclamata dai partiti di ispirazione islamica (Mouvement de la société pour la paix) che, tuttavia, dovrebbero ottenere buoni risultati. Il Paese continua a soffrire di una crisi economica in cui il fondo sovrano dal 2017 è esaurito. Uno spiraglio si intravede grazie all’abolizione della regola del 49/51 per le partecipazioni estere nelle aziende locali. Resta però da verificare la reale volontà politica ad apportare questo importante cambiamento.
Studi Varie 10 giugno 2021
SACE aggiorna il Barometro con i dati relativi al primo trimestre 2021. Questo indicatore assegna un punteggio da 1 a 9, con 9 rischio massimo.
Update Espresso 30 aprile 2021
Il nostro Chief Economist Alessandro Terzulli analizza i recenti sviluppi del commercio internazionale nel primo trimestre dell’anno e le possibili dinamiche dei prossimi mesi.