Varie 16 settembre 2022

Che export tira? Luglio 2022

Nei primi sette mesi del 2022 le vendite italiane oltreconfine sono risultate in crescita del 21,8% rispetto allo stesso periodo del 2021. Prosegue la dinamica sostenuta dei valori medi unitari (+20,6%), mentre i volumi rimangono pressoché stabili rispetto a gennaio-luglio dello scorso anno (+0,9%).

1. Il mese di riferimento

La congiuntura. A luglio l’export torna a crescere segnando un aumento del 4,1%, legato per oltre la metà ai beni strumentali e in particolare ai mezzi di navigazione marittima. Prosegue l’andamento positivo su base trimestrale (+6,8% vs. feb-apr’22).

Il trend.  Rispetto a luglio 2021 la crescita dell’export è rallentata, pur rimanendo significativa (+18%). Si assiste a una contrazione dei volumi esportati (-4%) a fronte di una crescita marcata dei valori medi unitari (vmu; +23,1%).

Contesto globale.  Prosegue l’ampliamento del deficit energetico, dove a pesare sono soprattutto i rialzi dei vmu all’import di gas ed energia elettrica.

 

2. Come è andata nei primi sette mesi?

Tra gennaio e luglio rallenta leggermente l’export italiano su base tendenziale (+21,8% dopo il +22,5%; di gen-giu’22). Tale performance è determinata dalla decelerazione dei volumi – pressoché stabili rispetto ai primi sette mesi dello scorso anno (+0,9%) – mentre prosegue il rialzo dei vmu (+20,6%), spinti dai rincari delle commodity sui mercati internazionali.

 

2.1. Dentro e fuori l’Unione Europea

L’export verso i Paesi Ue ha registrato un incremento del 24%, con Belgio (+45,5%) in forte accelerazione e ampi aumenti verso Spagna (+27,5%) e Austria (+24%). Continua a rimanere più contenuta, seppur robusta la crescita verso Germania (+17,7%) e Francia (+18,7%), prime due mercati di sbocco.

Relativamente meno marcata la crescita verso i Paesi extra-Ue (+19,3%). L’area sconta il crollo dell’export verso la Russia (-21%) e le crescite modeste di Cina (+1%) e Giappone (+4,6%), a fronte di buone performance verso, tra gli altri, Stati Uniti (+29,7%), Paesi OPEC (+29,1%), India (+27,2%) e UK (+18,7%). 

 

2.2. Focus Paesi

Nei primi sette mesi del 2022 le vendite di carta e prodotti in carta hanno registrato incrementi significativi verso Regno Unito (+55,4%) e Germania (+46,6%), mentre sono in calo in Cina (-6,6%). Più contenuta la crescita di autoveicoli e componentistica verso Londra (+10,4%) e addirittura in negativo verso Berlino (-1,5%); in controtendenza invece la domanda da Pechino, che è cresciuta del 21,7%. L’andamento è stato differenziato anche per le vendite di alimentari e bevande, che hanno visto un rialzo ampio verso UK (+20,5%), sotto la media del settore verso la Germania (+13,7%) e una flessione in Cina (-25,8%).

 

2.3. Focus industrie e settori

A livello di raggruppamenti principali di industrie, i beni intermedi continuano a registrare le crescite più marcate (+24,3% gen-lug’22 vs. gen-lug’21), sebbene in decelerazione rispetto al primo semestre (+25,8%). Tale performance è determinata da un calo dei volumi esportati (-1,5%), mentre tengono i vmu (+26,2%). La crescita per l’energia rimane a tre cifre (+123,1%), sulla spinta dei prezzi ma anche dei volumi esportati.

Si intensifica la crescita dei beni di consumo (+22,8%), specie quelli non durevoli (+23,8%), che registrano un’accelerazione dei valori medi unitari. Rimane meno sostenuto, seppur a doppia cifra, l’incremento dei beni strumentali (+10,1%), per cui si amplia il calo del dato in volume (-2,8%).

 

Tra gennaio e luglio 2022 si rileva un ritmo di crescita particolarmente marcato per gli articoli farmaceutici (+44,6%), trainati soprattutto dalla domanda del Belgio (+102,1%), importante hub del settore e produttore di vaccini, ma anche di UK (+110,8%).

Incremento sostenuto anche per i prodotti tessili (+23,9%), grazie alla forte domanda proveniente, tra gli altri, da Giappone (+38,5%), Repubblica Ceca (+35,9%) e Paesi ASEAN (+30,7%).

La meccanica strumentale mostra una dinamica meno intensa (+8,6%), specie verso i Paesi extra-Ue (+6,8%); comunque rilevanti le crescite verso India (+29%), Spagna (+17,7%) e Stati Uniti (+17,3%).

 

 

Scarica il documento!

 

Desideri ulteriori informazioni?
Compila il modulo e ti risponderemo al più presto.
Varie 15 febbraio 2024
Nel 2023 il valore dell’export italiano è rimasto stazionario rispetto all’anno precedente. L’aumento dei valori medi unitari (+5,3%) è stato pienamente compensato da una riduzione, ben superiore alle attese, del dato in volume (-5,1%).
Focus On 14 febbraio 2024
Dopo una crescita vivace nello scorso anno, nel 2024 l'export italiano di servizi è previsto in ulteriore aumento del 4,6% grazie al maggior ruolo che sta assumendo il Terziario nel commercio con l'estero, anche nei Paesi emergenti. Per accrescere la produttività dei servizi italiani vi sono diverse leve su cui poter agire tra cui una maggiore crescita degli investimenti tecnologici, inclusi quelli in digitalizzazione e IA, e una formazione sia continua che specifica sul posto di lavoro.
Varie 15 gennaio 2024
Tra gennaio e novembre 2023 l’export in valore è aumentato dello 0,7% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. L’andamento continua a essere determinato dalla crescita dei valori medi unitari (+5,6%), a fronte della decisa, e superiore alle attese, flessione dei volumi (-4,6%).