Rischio paese SACE - 25 gennaio 2016

Mappa dei rischi 2016: torna il rischio nei mercati emergenti

SACE pubblica la Mappa dei Rischi 2016 e presenta lo scenario dei rischi per chi esporta e investe all’estero nel Focus On “Mappa dei Rischi 2016. Ritorna l’Old Normal in un mondo meno piatto”.

Il quadro fotografato dalla Mappa dei Rischi 2016 è quello di un mondo più volatile e rischioso, segnato dai prezzi bassi delle materie prime, dall’aumento del debito nei paesi emergenti e dall’estensione della violenza politica: tre fattori che si ripercuotono soprattutto sui mercati emergenti, portando, per la prima volta dopo la crisi globale, a un aumento del divario rispetto ai mercati avanzati.

 

Una nuova era per i rischi globali | Gli emergenti non sono più un “Eldorado”

Nell’ultimo anno si è assistito a un leggero miglioramento del rischio nei mercati avanzati (indice SACE: -1 punto), contrapposto a un aumento sensibile nei grandi paesi emergenti (+ 4 punti), con picchi significativi per importanti partner commerciali dell’Italia quali Brasile (+10), Russia (+9) e, in misura minore, Turchia (+3).

“Il 2016 sancirà la fine dell’era dei BRICS e della rappresentazione degli emergenti come Eldorado - spiega Roberta Marracino, Direttore Area Studi e Comunicazione di SACE -.  Sarà un mondo meno piatto e con sensibili differenze all’interno delle singole aree geografiche, di fatto un ritorno allo stato dei mercati pre-2007, ma con maggior complessità e volatilità, che abbiamo chiamato nuovo Old Normal’”.

 

Rischi in aumento | I 3 trend sotto osservazione

Secondo SACE, vi sono tre trend che influenzeranno rischi e opportunità nel 2016.

I prezzi bassi delle materie prime. Nel 2015 tutte le commodity hanno perso valore (42 materie prime su 46 hanno toccato i valori più bassi degli ultimi trent’anni):  si tratta di un fenomeno trasversale  e difficilmente sostenibile nel medio-lungo termine per quei mercati emergenti fortemente dipendenti dalle commodity e poco diversificati. Ne sono un esempio Algeria (+12), Angola (+10) e Venezuela (+7).

 

L’impatto del prezzo delle materie prime sul rischio: i paesi più esposti

Paesi

Dipendenza

da materie prime (incidenza su export totale 2012-13)

Indice rischio di credito SACE 2016

Variazione (vs 2015)

1. Algeria

100%

59

+12

2. Angola

99%

75

+10

3. Mongolia

97%

88

+9

4. Venezuela

85%

91

+7

5. Zambia

85%

69

-1

 

 

L’aumento del debito. Nei paesi emergenti la posizione debitoria si è aggravata, con un aumento del debito sia pubblico (passato dal 150% del Pil nel 2009 a circa il 195% oggi), sia corporate (quintuplicato negli ultimi dieci anni, grazie alle condizioni favorevoli sui mercati dei capitali internazionali). Il ripagamento è diventato più oneroso e a rischio di sostenibilità a causa del calo dei prezzi delle commodity, del rialzo dei tassi della Fed e delle svalutazioni delle valute locali, da cui non sono esenti anche mercati più solidi, come Turchia (+3) e Malesia (+1).

 

L’impatto dell’aumento del debito sul rischio: i paesi più esposti

Paesi

Debito estero/PIL

Indice rischio di credito SACE 2016

Variazione (vs 2015)

1. Mongolia

120%

88

+9

2. Ghana

52%

71

+7

3. Turchia

55%

55

+3

4. Malesia

63%

32

+1

5. Qatar

88%

26

0

 

L’estensione della violenza politica. Il 2015 ha visto crescere il ruolo del terrorismo come fonte d’instabilità geopolitica e non solo come evento singolo di rischio (“tail risk”). Le ripercussioni del terrorismo hanno un costo secco per l’economia globale, pari a 64 miliardi di dollari secondo le stime dell’Institute For Economics & Peace, e compromettono l’operatività di diversi Paesi, come nel caso di Yemen (+12), Libia (+12) e Siria (+5). Diverso il caso del Brasile che, partendo da livelli di rischio ben più bassi, ha registrato un rapido deterioramento (+6), in un contesto di criticità marcate sotto il profilo sia economico che politico.

 

L’impatto dei rischi di violenza politica, esproprio e trasferimento valutario: i worst perfomer

Paesi

Indice di rischio politico SACE 2016

Variazione (vs 2015)

1. Yemen

96

+12

2. Libia

93

+12

3. Nigeria

75

+6

4. Brasile

47

+6

5. Siria

98

+5

 

Esportare in un mondo più volatile | Costi e opportunità

Secondo le stime di SACE, l’aumento dei rischi si è tradotto in oltre 5 miliardi di euro di minori esportazioni nell’ultimo anno, ma è possibile recuperarne 31 nei prossimi quattro puntando, strategicamente, su un paniere di mercati a elevato potenziale: Algeria, Cile, Cina, Emirati Arabi Uniti, Filippine, India, Iran, Kenya, Malaysia, Marocco, Messico, Perù, Polonia, Spagna e Turchia.

Non più un Eldorado ridotto a pochi nomi, bensì di un più ampio insieme di Paesi con rilevanti opportunità ma anche profili di rischio certamente non trascurabili, che possono essere affrontati con successo e profitto, puntando di più su informazioni accurate, coperture specifiche e un approccio strategico.

 “Più che ragionare per categorie, le imprese dovranno dotarsi di un binocolo ben tarato per cogliere i mercati di opportunità – ha concluso Roberta Marracino -. In un mondo in cui il rischio zero non esiste più, la capacità di selezionare le opportunità tutelandosi dai relativi rischi con strumenti e coperture adeguate non è più un optional”.

 


Country Risk MapScopri la Mappa dei Rischi 2016 >>

 

Per richiedere gratuitamente la tua copia cartacea della nuova Mappa dei Rischi clicca qui>>

 

Per il Focus On  ”Ritorna l’Old Normal in un mondo meno piatto” >>

 

Scarica la nuova app di SACE per avere sempre a tua disposizione un mappamondo interattivo, semplice e immediato per analizzare i rischi e le migliori opportunità di export per le nostre imprese.

Apple StoreGoogle Play Store

Documenti

Desideri ulteriori informazioni?

SACE

Contattaci al numero 06.6736.888
In alternativa invia una mail a [email protected]

Ultimi comunicati

Operazioni e Prodotti SACE - 28 febbraio 2024
L’operazione è finalizzata alla copertura di investimenti per una spesa complessiva di circa 16 milioni di euro da realizzare nel triennio 2024-2026 Obiettivi green, di risparmio energetico e utilizzo di energia da fonti rinnovabili Miglioramento della sostenibilità dei processi di produzione, stagionatura e packaging riciclabile per favorire l’economia circolare.
Operazioni e Prodotti SACE - 21 febbraio 2024
Banco BPM ha perfezionato un finanziamento di 5 milioni di euro assistito da Garanzia Green di SACE a favore di Sibeg Coca-Cola, società con sede a Catania che dal 1960 produce, imbottiglia e sviluppa tutti i prodotti a marchio The Coca-Cola Company in Sicilia.
Operazioni e Prodotti SACE - 19 febbraio 2024
Supportata l’acquisizione della texana HPF con un finanziamento di 8 milioni di euro e garanzia di SACE