Operazioni SACE - 21 ottobre 2015

SACE e Isopan: €23 milioni per uno stabilimento di pannelli isolanti in Russia

SACE ha assicurato l’azienda veronese Isopan per la costruzione di uno stabilimento produttivo in Russia nella regione di Volgograd, destinato alla produzione di pannelli isolanti metallici in lana di vetro e poliuretano.

 

L’investimento, garantito da SACE contro i rischi di natura politica, consiste in un apporto di capitale da 23 milioni di euro a favore della controllata russa OOO Isopan Rus per la costruzione di un sito produttivo di 30 mila metri quadrati, uno dei più grandi della sua storia, con due linee di produzione dedicate rispettivamente a lana minerale e poliuretano, i cui prodotti saranno destinati al mercato locale e alle aree limitrofe.

 

Isopan è una controllata del gruppo Manni di Verona che opera da 70 anni nel campo siderurgico e nel business degli elementi prelavorati in acciaio, componenti e sistemi strutturali per costruzioni e impianti attraverso Manni Sipre (leader italiano tra i maggiori fornitori di strutture in acciaio di Expo Milano 2015), oltre che sul mercato delle energie rinnovabili con Manni Energy.

 

Nel 2014 il marchio Isopan ha fatturato 192,6 milioni di Euro con un EBITDA di 7,49 milioni di Euro, confermando la posizione di leader europeo del settore. La società realizza e distribuisce 13 milioni di metri quadrati/anno di pannelli metallici isolanti per coperture e pareti e opera attraverso due stabilimenti produttivi in Italia e tre all’estero (Spagna, Romania e Germania), a cui si è ora aggiunto quello Russo, già pienamente operativo.

 

Una comprovata esperienza, innovazione continua nei prodotti e nei processi, ampia diversificazione dell’offerta e profonda attenzione al cliente l’hanno resa un partner affidabile per numerose aziende alle quali è in grado di offrire vantaggio competitivo e valore.

 

«L’insediamento della produzione – precisa Francesco Manni, presidente di Isopan e vice presidente del Gruppo Manni – è stato preceduto dallo sviluppo di relazioni con molte aziende russe, al fine di favorire lo scambio di informazioni ed innescare un processo di innovazione continua. Quelle con cui potremo collaborare hanno colto l’opportunità di competere con il mondo grazie alle tecnologie e alle competenze che abbiamo importato. Siamo convinti che la Russia sia per le aziende italiane un partner imprescindibile di oggi e di domani, e per questo vogliamo essere un punto di riferimento anche per altre aziende italiane che desiderino entrare nel mercato Russo».

 

«La Russia, nonostante le recenti criticità, rimane uno dei mercati di riferimento per le aziende esportatrici italiane. Le opportunità di business a disposizione delle nostre imprese — anche di piccole e medie dimensioni — non mancano ma per coglierle è necessario poter gestire i rischi con il supporto di un partner qualificato. SACE mette a disposizione degli imprenditori italiani una conoscenza approfondita del contesto economico e politico russo. Grazie a una esperienza decennale nel Paese e a un proprio ufficio a Mosca  è in grado di offrire prodotti che vanno dalla mitigazione dei rischi operativi alla tutela dai mancati pagamenti, dalla copertura dai rischi politici alle garanzie a supporto dell’internazionalizzazione» ha dichiarato Mario Bruni, Direttore Area Nord-Est di SACE.

Documenti

Desideri ulteriori informazioni?

SACE

Contattaci al numero 06.6736.888
In alternativa invia una mail a [email protected]

Ultimi comunicati

Operazioni SACE - 07 febbraio 2023
Previsti 6,8 milioni di euro di nuovi finanziamenti per la riattivazione della capacità produttiva di Bottecchia, entrata a far parte del Gruppo Fantic dal luglio 2022, e per i piani di sviluppo sostenibile di Fantic Motor
Accordi SACE - 06 febbraio 2023
Al via la garanzia SACE, contro garantita dallo Stato, in favore di Reale Mutua e Italiana Assicurazioni, società appartenenti a Reale Group, di cui Reale Mutua è la Capogruppo
Operazioni SACE - 03 febbraio 2023
Dalla banca linea di credito da 8 milioni di euro con garanzia Sace per l’incremento capacità produttiva finalizzata a una crescita sui mercati esteri. Focus su Cina, Usa e Francia