Articoli 07 marzo 2023

Focus Cina, le vie dell’export italiano

Presentata oggi a Pechino la Mappa dei rischi e delle opportunità di SACE, un’occasione dedicata alle imprese italiane che vogliono esportare sul mercato cinese, organizzata insieme alla Camera di Commercio Italiana in Cina e con la partecipazione dell'Ambasciata italiana in Cina e di ICE-ITA.

SACE è presente in Asia dal 2006 e a Shanghai dal 2018 con il team della Rete Internazionale che giorno dopo giorno crea opportunità, alimenta il network e facilita le occasioni commerciali per il tessuto imprenditoriale italiano.

Roma, 7 Marzo 2023 – Crescono le opportunità per le imprese italiane che nel 2023 beneficeranno di una maggiore domanda dal mercato cinese, spinta dai beni energetici e da un PIL atteso in accelerazione. La ripresa economica proseguirà e farà da traino ai Paesi dell’Asia-Pacifico come Singapore, Filippine, Thailandia e Vietnam. Secondo quanto emerge dalla Mappa dei Rischi e delle Opportunità di SACE, a fronte di un aumento contenuto del rischio di credito in Cina (+2, da 48 a 50), resta l’ottimismo rispetto alle performance economiche.

Il mappamondo interattivo online di SACE delinea i profili di rischio per le imprese che esportano e investono nel mondo in circa 200 mercati esteri, avvalendosi di un set aggiornato di indicatori che valutano il rischio di credito, il rischio politico e aspetti di sostenibilità ormai inderogabili, sviluppati in collaborazione con la Fondazione Enel: cambiamento climatico, benessere sociale e transizione energetica. “Le vie dell’export italiano in Cina” è stata l’occasione per approfondire le opportunità nel Paese del Dragone grazie ai contributi di Marco Midolo, Primo Consigliere, Capo dell'Ufficio Economico e Commerciale dell'Ambasciata d'Italia nella RPC; Paolo Bazzoni, Presidente della Camera di Commercio Italiana in Cina; Renzo Isler, Segretario Generale della Camera di Commercio Italiana in Cina; Lorenzo Riccardi, Tesoriere della Camera di Commercio Italiana in Cina; Gianpaolo Bruno, Direttore dell’Ufficio ICE di Pechino ; Fabio Antonello, General Manager, Regina (Tianjin) Chain & Belt Co. e Vice Presidente della Camera di Commercio Italiana in Cina (CCIC) – Nord; Donato Morea, Responsabile ufficio SACE a Shanghai; Alessandro Terzulli e Claudio Cesaroni, rispettivamente Chief Economist e Country Risk Analyst Asia Pacifico SACE.

Da oltre 45 anni SACE è attiva sui mercati internazionali nei Paesi più strategici e ad alto potenziale per l’export del Made in Italy. La Rete internazionale di SACE, composta da 25 persone dislocate in 12 Uffici nei 5 continenti, presidia ed è una presenza stabile e fisica nelle varie geografie. SACE è presente a Shanghai, Hong Kong e Mumbai con un team di professionisti che quotidianamente supportano le imprese italiane e creano connessioni con il territorio.

Focus Cina. Per quasi 3 anni la Cina ha mantenuto un approccio di tolleranza zero nei confronti della diffusione del Covid-19 nel Paese, nonostante i costi economici e sociali senza precedenti: nel 2022 il tasso di crescita dell’economia è stato tra i più bassi degli ultimi 50 anni (3%), le imprese hanno registrato un crollo dei profitti in diversi settori e il tasso di disoccupazione giovanile ha raggiunto circa il 20%. Dopo anni difficili, l’abbandono della politica zero-Covid a dicembre 2022 restituisce, finalmente, ottimismo allo scenario economico cinese: il Dragone dovrebbe tornare a crescere con ritmo nel 2023, del 4,2% per Oxford Economics e addirittura più del 5% secondo il Fondo Monetario Internazionale, complice anche la spinta attesa dai consumi domestici, dato il forte aumento del tasso di risparmio durante le fasi più acute della pandemia.

Il maggiore ottimismo relativo alle performance economiche della Cina deriva anche dal proseguimento delle politiche di stimolo da parte delle autorità, con gli investimenti infrastrutturali che continueranno a essere un elemento chiave della crescita cinese. Inoltre, l’allentamento delle restrizioni imposte nel 2020 ai gruppi immobiliari per limitarne la capacità di indebitamento dovrebbe favorire la ripresa più rapida del settore, che versa in stato di crisi dal 2021 e che rappresenta circa un quarto del Pil del Paese.

L’adozione di queste misure, seppur positive per lo scenario di crescita, giustificano un contenuto aumento del rischio di credito nel Paese (+2, da 48 a 50), riconducibile all’impatto della maggior spesa sul disavanzo fiscale e sulle passività delle amministrazioni locali.

Infine, ma non certo meno importante, si rilevano importanti segnali attuali e futuri per quanto riguarda le opportunità nel settore energetico cinese:  gran parte dell’aumento della spesa per l’energia pulita tra il 2020 e il 2022 ha avuto luogo in Cina, dove si concentra anche il 60% delle vendite globali di veicoli elettrici. Il Paese si conferma, perciò, tra le aree di maggiore crescita tendenziale nelle rinnovabili.

Case History

Push Strategy con Hengli. È la prima Push Strategy di SACE in Cina, l’iniziativa attraverso la quale SACE fa da apripista all’export italiano in mercati ad alto potenziale per il Made in Italy per facilitare l’assegnazione di contratti a esportatori italiani attivi nelle forniture dei settori che coinvolgono la multinazionale cinese. SACE ha infatti garantito un finanziamento di 150 milioni di dollari, erogato da HSBC e Banco BPM, a beneficio del Gruppo cinese Hengli, attivo in numerosi settori tra cui quello chimico, automotive, farmaceutico e tessile, è tra i maggiori produttori globali di poliestere, tredicesimo player mondiale per giro d’affari nel settore chimico e 67mo nel ranking Fortune Global.

 

PAMA Spa. SACE ha sostenuto l’attività di export della società trentina leader fra i costruttori di macchine utensili contribuendo alla finalizzazione di tre importanti contratti di vendita di macchinari in Cina per l’importo complessivo di oltre 7,5 milioni di euro per la realizzazione e fornitura di macchine utensili dei metalli in particolare di fresatura e tornitura.

Desideri ulteriori informazioni?
Contattaci al numero 06.6736.888
In alternativa invia una mail a [email protected]

Ultime news

Articoli 18 gennaio 2024
PMI, grandi imprese, associazioni di categoria, istituzioni, rappresentanti di gruppi bancari e del mondo universitario hanno partecipato alla quinta edizione del Forum Multistakeholder nella sede di Roma di SACE per ascoltare e raccogliere i diversi punti di vista sulle tematiche ESG. L’obiettivo è quello di indirizzare le proprie strategie verso quelle che sono le reali necessità degli stakeholder.
Articoli 21 novembre 2023
La ‘Casa delle imprese’ on tour: SACE ha aperto le porte delle sue sedi territoriali alle PMI