Operazioni SACE - 01 marzo 2022

SACE e Société Générale per Turboden: green loan a sostegno dell’export Made in Brescia

Al via un nuovo green loan a supporto di un’importante fornitura internazionale di tecnologia Made in Italy. Grazie a un finanziamento di 21 milioni di euro erogato da Societé Générale a favore della società multinazionale SACYR S.A. specializzata nei settori delle Concessioni, Infrastrutture e Servizi e garantito da SACE, Turboden - azienda bresciana specializzata in progettazione e produzione di sistemi ORC (Organic Rankine Cycle) che generano energia sfruttando molteplici fonti - esporterà un sistema innovativo  per la decarbonizzazione del settore Oil&Gas che contribuirà alla riduzione di 120mila tonnellate all’anno di emissioni di anidride carbonica in Egitto, Paese che quest’anno ospiterà la COP27 delle Nazioni Unite, focalizzata proprio sulla lotta ai cambiamenti climatici.
 
L’operazione è parte di un progetto più ampio relativo all’espansione dell’impianto di compressione del gas di Dahshour, a sud del Cairo, realizzato da SACYR, responsabile dell’Engineering and Procurment, e acquirente della sub fornitura di Turboden, per conto della Egyptian Natural Gas Company (GASCO). Nel dettaglio, Turboden fornirà un sistema innovativo (basato su tecnologia Organic Rankine Cycle “ORC” per complessivi 28 MWel), che recuperando il calore dei gas esausti genererà 192 GWh all’anno di elettricità verde. L’energia generata consentirà quindi di risparmiare ogni anno 65 milioni di metri cubi di gas naturale, evitando l'emissione di 120mila tonnellate di anidride carbonica.
 
Per la sua rilevanza nell’ambito della transizione green, il progetto Dahshour è finanziato dalla Banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo, che ne monitora annualmente la performance ambientale e sociale nell’ambito del programma “Green Economy Transition".
 
“Grazie alla collaborazione con SACE e Société Générale, Turboden, ha potuto attuare un innovativo progetto per il cliente GASCO, che guiderà il processo di decarbonizzazione dell’industria Oil&Gas egiziana. Tale progetto, basato sulla tecnologia ORC, migliorerà la sostenibilità della centrale di compressione del gas di GASCO riducendone drasticamente i consumi di gas naturale. La tecnologia ORC di Turboden, totalmente water-free, consentirà di produrre l’energia elettrica necessaria alla stazione di compressione senza alcuna emissione di CO2.” Dichiara Paolo Bertuzzi – CEO e Managing Director di Turboden S.p.A.
 
“Per Sacyr è una sfida entusiasmante guidare questo progetto di transizione energetica che aumenterà del 50% la capacità di compressione del gas dell’impianto di Dashour grazie all’introduzione di tecnologie all'avanguardia che permettono di recuperare il calore di scarto dalle turbine a gas per generare elettricità ad utilizzo esclusivo dell’impianto”. Dichiara Juan Antonio Marin Rodenas – CEO di Sacyr Fluor.

Documenti

Desideri ulteriori informazioni?

SACE

Contattaci al numero 06.6736.888
In alternativa invia una mail a [email protected]

Ultimi comunicati

SACE - 21 giugno 2024
SACE pubblica il Bilancio d’esercizio individuale e consolidato per il 2023.
Operazioni SACE - 19 giugno 2024
• L’operazione, la prima Push di SACE con una banca multilaterale di sviluppo, rafforza gli obiettivi del Piano Mattei • Obiettivo promuovere la crescita e lo sviluppo sostenibile in Africa, aprendo la via al coinvolgimento delle imprese italiane in progetti all’interno dei 25 Stati africani membri della Trade Development Bank • Unicredit è la prima banca ad aderire al nuovo strumento SACE sul territorio nazionale.
Operazioni SACE - 18 giugno 2024
Grazie alla nuova garanzia Archimede di SACE, è stato finanziato il progetto che prevede il completamento di UpTown, il primo smart district italiano a Milano. Concesso un finanziamento di 101 milioni di euro, erogato da Intesa Sanpaolo, Banco BPM, BPER con la partecipazione di BCC Milano e Centropadana, del Gruppo BCC ICCREA, è stato concesso a EuroMilano, società immobiliare attiva su progetti di rigenerazione urbana. SACE, con la garanzia al 25% dell’importo, genera un effetto leva che consentirà di realizzare investimenti per circa 230 milioni di euro in innovazione, infrastrutture e transizione sostenibile sul territorio nazionale