Accordi SACE - 03 dicembre 2010

SACE: accordo con Enel per la gestione e lo smobilizzo dei crediti verso la Pubblica Amministrazione

SACE Fct, la società di factoring del gruppo SACE, ha concluso un accordo per la gestione e lo smobilizzo di crediti vantati da Enel nei confronti di vari enti della Pubblica Amministrazione (P.A.).

Nell’ambito dell’accordo, SACE Fct metterà a disposizione di Enel un plafond di € 350 milioni, consentendo di ottimizzare i flussi di pagamento da parte degli enti clienti della società, in prevalenza comuni, province, regioni e amministrazioni centrali.

L’operazione rientra nel piano di sviluppo delle attività di SACE Fct ed è propedeutica alla sottoscrizione di accordi di reverse factoring con gli enti della P.A., che garantiscano alle imprese fornitrici, soprattutto PMI, il pagamento dei crediti entro le scadenze convenute.
 

Documenti

Desideri ulteriori informazioni?

SACE

Contattaci al numero 06.6736.888
In alternativa invia una mail a [email protected]

Ultimi comunicati

SACE - 21 giugno 2024
SACE pubblica il Bilancio d’esercizio individuale e consolidato per il 2023.
Operazioni SACE - 19 giugno 2024
• L’operazione, la prima Push di SACE con una banca multilaterale di sviluppo, rafforza gli obiettivi del Piano Mattei • Obiettivo promuovere la crescita e lo sviluppo sostenibile in Africa, aprendo la via al coinvolgimento delle imprese italiane in progetti all’interno dei 25 Stati africani membri della Trade Development Bank • Unicredit è la prima banca ad aderire al nuovo strumento SACE sul territorio nazionale.
Operazioni SACE - 18 giugno 2024
Grazie alla nuova garanzia Archimede di SACE, è stato finanziato il progetto che prevede il completamento di UpTown, il primo smart district italiano a Milano. Concesso un finanziamento di 101 milioni di euro, erogato da Intesa Sanpaolo, Banco BPM, BPER con la partecipazione di BCC Milano e Centropadana, del Gruppo BCC ICCREA, è stato concesso a EuroMilano, società immobiliare attiva su progetti di rigenerazione urbana. SACE, con la garanzia al 25% dell’importo, genera un effetto leva che consentirà di realizzare investimenti per circa 230 milioni di euro in innovazione, infrastrutture e transizione sostenibile sul territorio nazionale