Operazioni SACE - 10 giugno 2014

€ 2 miliardi di nuove garanzie a sostegno dei progetti di crescita delle Pmi italiane in Cina

• La Cina si conferma un mercato ad alto potenziale di crescita per l’export italiano che, secondo le previsioni di SACE, crescerà a un tasso medio annuo dell’11% nei prossimi quattro anni


• Preaffidati 14 gruppi bancari cinesi, che potranno sostenere l’acquisto di beni e servizi italiani da parte di aziende cinesi, attraverso lettere di credito o finanziamenti

 

 

In occasione della missione di Sistema in Cina, SACE annuncia una nuova linea di garanzie da 2 miliardi di euro dedicata alle imprese italiane, che operano o intendono operare nel Paese.

 

L’iniziativa consente alle imprese, in particolar modo alle PMI, di:


  • accedere a finanziamenti garantiti da SACE – anche in valuta locale - a sostegno dei piani di sviluppo nel Paese (investimenti in reti distributive, joint venture produttive, acquisizioni di aziende locali, spese pubblicitarie, punti vendita, acquisto macchinari, etc...)
  • vendere merci o servizi offrendo ai propri clienti cinesi dilazioni di pagamento fino a 5 anni, attraverso l’utilizzo di lettere di credito e assicurandosi dal rischio di mancato pagamento
  • incassare anticipatamente i pagamenti dovuti dai clienti cinesi, assicurandosi da rischio di insolvenza.

 

Sono 14 i gruppi bancari cinesi pre-affidati da SACE: Agricultural Bank of China, Bank of China, Bank of Communications, Bank of Shanghai, China Citic Bank, China Construction Bank, China Development Bank, China Ex-Im Bank, China Guangfa Bank, China Merchants Bank, Industrial Bank, Industrial & Commercial Bank of China, Ping An Bank, Shanghai Pudong Development Bank.

 

La capacità di intervento di SACE a sostegno degli esportatori italiani è rafforzata dall’accordo di riassicurazione con Sinosure, agenzia di credito all’esportazione cinese.

 

Export italiano in Cina: andamento e previsioni

 

Nel 2013 l’export italiano in Cina si è attestato a circa 10 miliardi di euro, in aumento del 9,5% rispetto all’anno precedente, a fronte di una dinamica stazionaria del nostro export verso il mondo. La performance delle vendite dall’Italia nel paese è sempre stata sostenuta, con un tasso di crescita medio annuo superiore al 17% nel periodo pre-crisi (2000-2007), sceso all’8,3% tra il 2008 e il 2012, a causa del calo del 10% registrato nel 2012.

 

Nei primi quattro mesi del 2014 le esportazioni italiane nel Paese sono cresciute del 10% circa e, secondo le previsioni di SACE, nel prossimo quadriennio registreranno un tasso di crescita medio annuo dell’11%.

 

Oltre il 50% dell’export italiano nel paese è rappresentato dai beni di investimento, principalmente meccanica strumentale: prodotti che generano una forte domanda in Cina, alla luce delle esigenze di ammodernamento ed innalzamento degli standard qualitativi dell’industria.

 

Anche le esportazioni di beni di consumo (durevoli e non) stanno assumendo un ruolo via via gradualmente crescente, sostenute da: i) l’aumento della classe media; ii) la crescita dei consumi interni, che registreranno tassi superiori all’8% in media nel periodo 2014-2019 anche grazie agli stimoli ai consumi promossi dal governo (che sta puntando a innalzare la componente di domanda interna in un’economia di tipo export-led); iii) il processo di urbanizzazione che sta coinvolgendo non più soltanto le grandi città costiere, ma anche le regioni interne caratterizzate da un minor grado di sviluppo. I nuovi consumatori cinesi, accomunati dalla giovane età (oltre il 70% ha meno di 45 anni), da un elevato grado di digitalizzazione e dal cambiamento delle convenzioni sociali (oggi l’esibizione della ricchezza non è più considerata poco decorosa come in passato) sono attratti soprattutto dai beni di lusso.

 

La Cina è il terzo importatore di prodotti finali di fascia medio-alta dei settori alimentari, arredamento, abbigliamento, occhialeria e gioielleria (cosiddetti beni belli e ben fatti, BBF) per l’Italia, dopo Russia e Emirati Arabi Uniti. Nel 2019 le nostre esportazioni di questi beni verso il paese supereranno i 18 miliardi di euro (circa 12 miliardi nel 2013), grazie anche a politiche commerciali meno restrittive nel paese (il dazio medio calcolato su beni BBF è del 21%). Circa il 30% della spesa per consumi a Pechino nel 2030 sarà diretta verso alimentari e arredamento e ben 5 città cinesi saranno tra i primi 10 mercati mondiali per l’abbigliamento.

Documenti

Desideri ulteriori informazioni?

SACE

Contattaci al numero 06.6736.888
In alternativa invia una mail a [email protected]

Ultimi comunicati

Accordi SACE - 14 giugno 2024
Firmato un protocollo di collaborazione per iniziative e progetti legati ai temi dell’evento che si terrà in Giappone Saranno incentivati strumenti di sostegno finanziario, implementate iniziative di promozione del sistema italiano dell’innovazione e favorite opportunità di crescita delle esportazioni e degli investimenti esteri nei Paesi asiatici dell’area del Pacifico
Operazioni SACE - 13 giugno 2024
Finanziamento da 115 milioni (65 UniCredit e 50 Cassa Depositi e Prestiti) con garanzia SACE sulla quota dedicata all’internazionalizzazione Lo storico Gruppo di abbigliamento e accessori sportivi avvia un percorso di crescita sul mercato tedesco mirato ad ampliare la propria offerta commerciale Il progetto prevede anche un potenziamento della rete sia in Germania che in Italia con l’apertura di nuovi punti vendita
Operazioni SACE - 12 giugno 2024
L’obiettivo del MoU è sostenere la ripresa dell'Ucraina, valorizzando il potenziale del credito all'esportazione e del sostegno agli investimenti diretti esteri